Home Cardiologia COVID-19: nel corso della pandemia i livelli di pressione arteriosa sono aumentati

COVID-19: nel corso della pandemia i livelli di pressione arteriosa sono aumentati

112
0
Blood pressure device copyright American Heart Association

Secondo una nuova ricerca, nel corso della pandemia di COVID-19 negli Stati Uniti sono stati rilevati livelli più elevati del solito di pressione arteriosa tra gli adulti di mezza età. Lo studio, pubblicato sulla prestigiosa rivista Circulation, potrebbe aver messo in luce l’impatto negativo di questa situazione sui comportamenti delle persone.

Secondo l’American Heart Association, quasi la metà degli adulti americani ha la pressione alta, una delle principali cause delle malattie cardiache. Inoltre, quasi il 75% di tutti i pazienti rimane al di sopra dei livelli di pressione arteriosa raccomandati.

adv

Assistenza sanitaria a distanza

Gli ordini di soggiorno a domicilio sono stati emanati negli Stati Uniti tra marzo e aprile 2020 in risposta alla pandemia di COVID-19. Ciò ha comportato il passaggio all’assistenza sanitaria a distanza per numerose condizioni di salute croniche, tra cui l’ipertensione e ha avuto un impatto negativo sui comportamenti per molte persone.

“All’inizio della pandemia, la maggior parte delle persone non si prendeva cura di sé. L’aumento della pressione arteriosa era probabilmente correlato a cambiamenti nelle abitudini alimentari, aumento del consumo di alcol, minore attività fisica, ridotta aderenza ai farmaci, maggiore stress emotivo e scarso sonno”, ha affermato l’autore principale dello studio Luke J. Laffin, co-direttore del Centro per i disturbi della pressione arteriosa presso la Cleveland Clinic di Cleveland, in Ohio. “E sappiamo che anche piccoli aumenti della pressione arteriosa fanno aumentare il rischio di ictus e altre di malattie cardiovascolari”.

Per questa analisi, i ricercatori hanno avuto accesso a dati sanitari anonimi da un programma di benessere dei dipendenti (inclusi i coniugi/partner) per valutare i cambiamenti nei livelli di pressione arteriosa prima e durante la pandemia di COVID-19. I dati includevano quasi mezzo milione di adulti negli Stati Uniti, con un’età media di 46 anni, di cui il 54% erano donne, a cui è stata misurata la pressione arteriosa durante uno screening sanitario, ogni anno, dal 2018 al 2020. I partecipanti sono stati classificati in quattro gruppi riguardo ai loro livelli di pressione: normale, elevata, ipertensione di stadio 1 e ipertensione di stadio 2, così come raccomandato dalle attuali linee guida sulla pressione arteriosa dell’American Heart Association.

I ricercatori hanno confrontato la pressione arteriosa media mensile tra il 2018 e il 2019 e le misurazioni della pressione arteriosa da gennaio a marzo 2019 a gennaio fino a marzo 2020 (pre-pandemia). Hanno quindi esaminato le variazioni della pressione arteriosa confrontando aprile-dicembre 2020 (durante la pandemia) e aprile-dicembre 2019 (pre-pandemia).

Aumenti medi della pressione arteriosa da 1,10 a 2,50 mmHg

I risultati dello studio hanno evidenziato come durante la pandemia (da aprile a dicembre 2020), gli aumenti medi della pressione arteriosa ogni mese variavano da 1,10 a 2,50 mmHg in più per la pressione sistolica e da 0,14 a 0,53 mmHg per la pressione diastolica, rispetto allo stesso periodo nel 2019.

Aumenti più elevati delle misurazioni della pressione arteriosa sono stati osservati tra le donne, sia per la pressione arteriosa sistolica che diastolica, tra i partecipanti più anziani per la pressione arteriosa sistolica e nei partecipanti più giovani per la pressione arteriosa diastolica.

Da aprile a dicembre 2020, rispetto al periodo pre-pandemia, più partecipanti (26,8%) sono stati riclassificati in una categoria di pressione arteriosa più alta, mentre solo il 22% dei partecipanti è passato a una categoria di pressione arteriosa più bassa.

“Dal punto di vista della salute pubblica, durante una pandemia, è importante vaccinarsi e indossare una mascherina. Tuttavia, i risultati della nostra ricerca rafforzano la necessità di essere consapevoli anche delle condizioni di salute croniche come il peggioramento della pressione arteriosa”, ha affermato Laffin. “Anche nel bel mezzo della pandemia, è importante prestare attenzione alla pressione arteriosa e alle condizioni mediche croniche. Fai esercizio fisico regolarmente, segui una dieta sana e monitora la pressione arteriosa e il colesterolo. Rivolgiti regolarmente al tuo medico per imparare a gestire i tuoi fattori di rischio cardiovascolare.”

Un’imminente ondata di ictus e infarti

I ricercatori hanno anche scoperto che gli aumenti della pressione arteriosa non erano correlati all’aumento di peso, perché questi cambiamenti osservati durante la pandemia erano simili al periodo pre-pandemia tra l’86% dei partecipanti che avevano fornito tre anni di dati.

Gli autori dello studio stanno seguendo questi risultati per scoprire se questa tendenza è continuata nel 2021, il che potrebbe indicare un’imminente ondata di ictus e infarti.

“Sfortunatamente, questa ricerca conferma ciò che si sta osservando in tutto il paese: la pandemia di COVID-19 ha avuto e continuerà ad avere impatti di lunga portata sulla salute in tutto il paese e in particolare in relazione all’ipertensione incontrollata”, ha affermato Eduardo Sanchez, il responsabile medico per la prevenzione dell’American Heart Association.

Il principale limite dello studio è che la causa principale dell’aumento della pressione arteriosa non è chiara. Inoltre, i risultati dello studio potrebbero non essere rappresentativi di adulti che non partecipano a un programma di benessere per i dipendenti.

 

Articolo precedenteAutismo: le indicazioni della Lancet Commission sul futuro di trattamenti e assistenza
Articolo successivoApixaban più efficace e sicuro di rivaroxaban nella prevenzione delle trombosi venose
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 × 5 =