Home Cardiologia Dal congresso AHA: il ferro per via endovenosa migliora gli esiti nei...

Dal congresso AHA: il ferro per via endovenosa migliora gli esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca

75
0
Human Chest Cavity illustration: Right lung, left lung, heart copyright American Heart Association

Il trattamento a lungo termine con ferro somministrato per via endovenosa ha migliorato i sintomi e ridotto i ricoveri ricorrenti tra le persone con insufficienza cardiaca e carenza di ferro. Sono questi i risultati di una ricerca presentata nel corso del congresso 2022 dell’American Heart Association, tenutosi a Chicago dal 5 al 7 novembre.

L’infusione endovenosa di ferro

Secondo l’American Heart Association, almeno un adulto su cinque negli Stati Uniti può sviluppare insufficienza cardiaca. La carenza di ferro è comune nelle persone con insufficienza cardiaca ed è associata a compromissione della qualità della vita, scarsa capacità di esercizio e un rischio più elevato di ospedalizzazione o morte. Precedenti ricerche hanno dimostrato che la carenza di ferro tra le persone con insufficienza cardiaca può essere corretta rapidamente con l’infusione endovenosa di ferro.

adv

“Nonostante diversi grandi successi terapeutici negli ultimi decenni, molte persone con insufficienza cardiaca hanno ancora sintomi che limitano la loro vita quotidiana e i tassi di ricoveri ospedalieri e mortalità rimangono elevati”, ha affermato Paul Kalra, consulente cardiologo e specialista di insufficienza cardiaca presso Portsmouth Hospitals University National Health Service Trust e docente senior onorario presso l’Università di Glasgow nel Regno Unito. “C’è un urgente bisogno di nuovi trattamenti che siano sicuri e convenienti”.

L’impatto della pandemia di COVID-19

Kalra e i suoi colleghi hanno sviluppato lo studio IRONMAN (Effectiveness of Intravenous iron treatment vs. standard care in patients with heart failure and iron deficiency) per valutare se la somministrazione a lungo termine di ferro per via endovenosa abbia migliorato i risultati negli adulti con insufficienza cardiaca e carenza di ferro, rispetto all’attuale cura raccomandata dalle linee guida che non include il trattamento con ferro per via endovenosa.

Lo studio è stato condotto in 70 ospedali del Regno Unito e ha incluso 1.137 adulti con insufficienza cardiaca e carenza di ferro. L’età media dei partecipanti era di 73 anni e il 74% dei partecipanti era di sesso maschile.

I partecipanti allo studio sono stati randomizzati in due gruppi: ricevere o meno ferro endovenoso, oltre alle cure standard per l’insufficienza cardiaca. Quelli assegnati al gruppo del ferro endovenoso hanno ricevuto dosi aggiuntive alla revisione di un mese e ogni quattro mesi dopo se la carenza di ferro è tornata. I partecipanti allo studio sono stati seguiti per una durata media di poco più di 2,5 anni, con visite cliniche di follow-up ogni quattro mesi.

“Mentre la sperimentazione è continuata durante la pandemia di COVID-19, ci sono stati lunghi periodi di tempo in cui non è stato possibile vedere i pazienti di persona e somministrare dosi aggiuntive di ferro per via endovenosa, se necessario”, ha affermato Kalra. “Ciò ha avuto un impatto sullo studio ed è probabile che abbia ridotto l’entità del beneficio osservato con il ferro endovenoso”. “Per tenere conto di questi fattori, è stata eseguita un’ulteriore analisi sui dati delle 1.063 persone che facevano parte dello studio prima del 31 marzo 2020 e il cui trattamento non sarebbe stato così influenzato dalla pandemia. Ciò ha dimostrato un vantaggio significativo del ferro endovenoso sull’esito principale dello studio di ridurre il rischio di ospedalizzazione per insufficienza cardiaca e morte cardiovascolare”, ha aggiunto Kalra.

Benefici significativi per le persone con insufficienza cardiaca

I risultati hanno rilevato che, rispetto alla sola cura standard, la somministrazione a lungo termine di ferro per via endovenosa ha avuto benefici significativi per le persone con insufficienza cardiaca e carenza di ferro.

Nel periodo medio di follow-up di due anni e mezzo, l’analisi complessiva suggerisce che il ferro endovenoso ha ridotto il rischio di ospedalizzazione per scompenso cardiaco o morte cardiovascolare di circa il 20%. Le persone trattate con ferro endovenoso hanno riportato anche un miglioramento del benessere sulla base di questionari sulla qualità della vita relativi all’insufficienza cardiaca (quando valutati inizialmente a 4 mesi, ma non quando rivalutati a 20 mesi).

L’uso di ferro endovenoso a lungo termine non è stato associato a un maggior rischio di infezione ed è stato associato a un numero significativamente inferiore di eventi cardiaci avversi gravi rispetto alle cure abituali.

“Le persone con insufficienza cardiaca sono a rischio di sviluppare una carenza di ferro ricorrente se i loro livelli di ferro non vengono ‘riempiti’ regolarmente. Questi risultati dimostrano che la somministrazione ripetuta di ferro per via endovenosa è un’opzione terapeutica benefica, sicura e ben tollerata che può migliorare il benessere degli adulti con insufficienza cardiaca e carenza di ferro entro pochi mesi”, ha affermato Kalra. “Questo studio si basa su prove esistenti tali che il ferro per via endovenosa può portare benefici a un’ampia gamma di persone con insufficienza cardiaca, compresi coloro che sono ricoverati in ospedale, dimessi di recente o che frequentano appuntamenti ambulatoriali o ambulatoriali”.

Il ferro per via orale potrebbe non essere efficace

Sono necessarie ulteriori ricerche per confermare se il trattamento con ferro endovenoso può anche ridurre la mortalità nelle persone con malattie cardiache e per aiutare a identificare ulteriori marcatori di carenza di ferro per migliorare l’accuratezza diagnostica. Sebbene lo studio non abbia confrontato specificamente il ferro per via endovenosa con il ferro per via orale, ricerche precedenti hanno suggerito che il ferro per via orale potrebbe non essere efficace per le persone con insufficienza cardiaca.

Lo studio aveva dei limiti. Per ridurre il rischio di parzialità, i ricercatori che hanno rivisto e convalidato i risultati dello studio non erano a conoscenza del trattamento assegnato a ciascun paziente.

“È importante sottolineare che i risultati positivi sono stati osservati nonostante il fatto che circa un paziente su sei randomizzato alla sola cura standard abbia ricevuto ferro per via endovenosa al di fuori dello studio”, ha affermato Kalra. “Questo probabilmente ha ridotto il livello di beneficio osservato con il ferro endovenoso nello studio”.

 

Articolo precedenteMelanoma: ottimi risultati con l’immunoterapia combinata
Articolo successivoMcLaren Artura: la nuova supercar (un po’) elettrificata della casa britannica
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui