Home Cardiologia Nel mondo: il 30% di tutti i decessi per malattie cardiovascolari potrebbe...

Nel mondo: il 30% di tutti i decessi per malattie cardiovascolari potrebbe essere dovuto all’inquinamento da piombo

797
0

Secondo un’analisi pubblicata sulla rivista The Lancet Planetary Health, l’impatto dell’esposizione al piombo sulle morti per malattie cardiovascolari e sulla perdita del quoziente intellettivo (QI) in tutto il mondo potrebbe essere molto maggiore di quanto suggerito dalle stime precedenti.

La nuova analisi indica che gli effetti globali sulla salute dell’esposizione al piombo sono alla pari con l’inquinamento ambientale esterno da polveri sottili e con l’inquinamento atmosferico domestico combinati. Sono inoltre tre volte maggiori di quelli causati dall’acqua potabile, dai servizi igienico-sanitari e dal lavaggio delle mani non ottimali.

Lo studio è il primo a stimare l’onere sanitario globale e il costo dell’esposizione al piombo in termini di perdita di QI e decessi per malattie cardiovascolari sia nei paesi a basso e alto reddito che in quelli ad alto reddito.

Le principali fonti di esposizione

L’esposizione al piombo può danneggiare seriamente la salute dei bambini piccoli, causando danni al cervello, un rallentamento dello sviluppo e difficoltà di apprendimento. Negli adulti, l’esposizione al piombo può aumentare il rischio di malattie cardiovascolari – che rappresentano quasi il 95% dei decessi legati all’esposizione al piombo – così come di malattie renali croniche e difficoltà di apprendimento.

Nonostante il fatto che la benzina contenente piombo sia stata gradualmente eliminata in tutto il mondo, l’esposizione al metallo tossico pone ancora gravi rischi per la salute globale, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito.

Le principali fonti di esposizione includono il riciclaggio delle batterie al piombo, l’estrazione dei metalli, il cibo, il suolo e la polvere, le vernici al piombo, le pentole realizzate con materiali riciclati, le ceramiche e le ceramiche smaltate al piombo, le spezie, i giocattoli, i cosmetici, i rifiuti elettronici, i fertilizzanti e il mangime per pesci coltivati.

La presenza di ciascuna di queste fonti varia notevolmente da paese a paese e il contributo di ciascuna fonte ai livelli di piombo nel sangue della popolazione (BLL) deve essere meglio compreso nella maggior parte dei paesi a basso e medio reddito, al fine di sviluppare piani efficaci di mitigazione dell’esposizione.

Effetti sulla salute molto maggiori di quanto pensassimo

L’autore principale Bjorn Larsen ha dichiarato: “Sappiamo che l’esposizione al piombo ha continuato a causare enormi impatti sulla salute umana, nonostante la maggior parte dei paesi abbia vietato l’uso della benzina con piombo più di 20 anni fa. Ciò che preoccupa del nostro studio è che indica che questi effetti dannosi sulla salute sono molto maggiori di quanto pensassimo in precedenza e che hanno un costo economico molto elevato, soprattutto nei paesi a basso e medio reddito. Gli sforzi per affrontare gli impatti dell’esposizione al piombo devono riflettere che questi sono significativi quanto quelli posti dall’inquinamento atmosferico esterno e domestico PM2.5”.

Nessuna ricerca precedente aveva valutato l’impatto sulla salute globale e i costi economici della perdita di QI nei bambini piccoli e delle morti per malattie cardiovascolari negli adulti causate dall’esposizione al piombo.

Precedenti ricerche sulla perdita del QI nei bambini erano limitate ai paesi a basso e medio reddito e si basavano su stime dei BLL – l’indicatore più comune di esposizione – risalenti a più di un decennio fa. Precedenti studi globali sui decessi per malattie cardiovascolari legate all’esposizione al piombo avevano esaminato solo quelli causati dall’aumento della pressione sanguigna.

Un modello per stimare la perdita globale di QI

Gli autori del nuovo studio hanno utilizzato le stime BLL dello studio Global Burden of Disease (GBD) del 2019 per stimare gli impatti sulla salute globale e i costi dell’esposizione al piombo. Ciò fornisce la stima dei BLL medi in 183 paesi a basso e alto reddito, che rappresentano il 99,9% della popolazione mondiale.

Il BLL medio nei paesi a basso e medio reddito era di 4,6 μg/dl, rispetto a 1,3 μg/dl nei paesi ad alto livello. Le persone in Nord America, Europa e Asia centrale hanno avuto il BLL medio più basso, mentre il più alto è stato registrato tra le persone in Asia meridionale, Medio Oriente, Nord Africa e Africa sub-sahariana.

I ricercatori hanno analizzato i dati utilizzando un modello di impatto sulla salute che stimava l’effetto dell’esposizione al piombo sulle morti per malattie cardiovascolari causate da fattori diversi dall’alta pressione sanguigna, inclusi danni al cuore e alle arterie (ad esempio, aterosclerosi) e una maggiore incidenza di ictus.

È stato inoltre utilizzato un modello per stimare la perdita globale di QI dovuta all’esposizione al piombo nell’intera popolazione infantile di età compresa tra 0 e 4 anni e per stimare il costo delle morti per malattie cardiovascolari e la perdita di QI dovuta all’esposizione al piombo.

Più di 5 milioni di decessi

L’analisi stima che l’esposizione al piombo abbia contribuito a 5,5 milioni di decessi per malattie cardiovascolari a livello globale nel 2019, ovvero il 30% di tutti i decessi per malattie cardiovascolari. Questo è più di sei volte superiore alla stima GBD 2019 di 850.000 decessi per malattie cardiovascolari dovuti all’esposizione al piombo.

Dei 5,5 milioni di decessi dovuti all’esposizione al piombo, il 90% si è verificato nei paesi a basso e medio reddito. Poiché l’analisi non ha incluso i decessi dovuti all’ipertensione arteriosa – e poiché l’esposizione al piombo aumenta anche il rischio di morte per cause diverse dalle malattie cardiovascolari – il numero reale di decessi legati all’esposizione al piombo potrebbe essere sostanzialmente più elevato.

L’analisi suggerisce inoltre che l’esposizione al piombo ha causato la perdita di 765 milioni di punti QI nei bambini sotto i cinque anni nel 2019, con il 95% delle perdite tra i bambini nei paesi a basso e medio reddito. Durante i primi cinque anni di vita, i bambini nei paesi a basso e medio reddito perdono in media 5,9 punti QI ciascuno a causa dell’esposizione al piombo. Gli autori stimano che ciò possa ridurre il reddito totale di questi bambini fino al 12%.

L’impatto economico

L’analisi dell’impatto economico dell’esposizione al piombo indica che potrebbe essere costata 6 trilioni di dollari in tutto il mondo nel 2019, pari al 7% del PIL globale. Il costo è stato superiore al 10% nei paesi a basso e medio reddito rispetto al 5% nei paesi ad alto reddito, a causa dei BLL più elevati nei paesi a basso e medio reddito. La Banca Mondiale ha stimato che il costo combinato dell’inquinamento da PM2.5 nell’ambiente esterno e dell’aria domestica, sempre nel 2019, è stato equivalente al 6% del PIL globale.

Più di tre quarti del costo economico stimato (77%) dell’esposizione al piombo è stato associato a decessi per malattie cardiovascolari, con circa un quarto (23%) dovuto a previsioni di minori redditi futuri causati dalla perdita del QI.

Gli autori riconoscono alcune limitazioni al loro studio. Questi ruotano principalmente attorno all’accuratezza delle stime globali dei BLL, poiché le misurazioni a livello nazionale non sono disponibili per molti paesi, in particolare per i paesi a basso e medio reddito. Le stime BLL nello studio GBD 2019 si basano su una combinazione di 554 studi in 84 paesi dal 1970 al 2017 e sulla modellizzazione di questi dati.

 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui