Qual è la dieta più efficace? Meno grassi o meno carboidrati?

La composizione di una dieta ipocalorica può essere estremamente differente, in base alle strategie preferite dal nutrizionista, al profilo metabolico del soggetto interessato o alle sue preferenze alimentari. Proprio per questo, nel tempo si sono confrontati due principali programmi per la riduzione del peso in soggetti obesi: la dieta a basso contenuto di carboidrati e la dieta a basso contenuto di grassi.

Ovviamente i sostenitori di ciascuna delle due linee di intervento hanno sempre magnificato i vantaggi delle rispettive diete, ma i dati scientifici a disposizione per una scelta ponderata erano finora piuttosto scarsi.

Un recente studio, pubblicato sulla rivista JAMA, ha valutato gli effetti di questi due tipi di dieta sulle variazioni del peso corporeo. È stato inoltre analizzato il genotipo e la secrezione di insulina dei soggetti sottoposti alla dieta, per verificare se i risultati finali in termini di variazioni di peso corporeo erano in qualche modo influenzati anche da questi due fattori.

Dei 609 soggetti randomizzati ai due tipi di dieta (età media 40anni, BMI medio 33), 481 hanno completato lo studio. L’apporto totale di energia era simile in entrambi i gruppi.

La variazione media di peso a distanza di 12 mesi è risultata di -5,3 kg nel gruppo che aveva seguito una dieta a basso contenuto di grassi e di -6,0 kg per chi aveva seguito una dieta a basso contenuto di carboidrati.

Queste variazioni di peso non sono risultate statisticamente differenti nemmeno considerando lo specifico genotipo del soggetto, né valutando le differenze nella sua secrezione insulinica.

Non sono state osservate differenze significative tra i gruppi neppure nelle variazioni dell’indice di massa corporea, nella percentuale di grasso corporeo e nella circonferenza vita.

Qualche differenza inevitabile tra i due modelli dietetici, emerge invece analizzando alcuni parametri secondari.  Se entrambe le diete hanno migliorato i profili lipidici, abbassato la pressione sanguigna, l’insulina e i livelli di glucosio, le concentrazioni di colesterolo LDL sono aumentate nel gruppo che seguiva la dieta a basso contenuto di carboidrati, mentre nel gruppo di confronto sono diminuite.

Nel gruppo che seguiva la dieta a basso contenuto di carboidrati, si è registrato inoltre un maggior aumento nelle concentrazioni di colesterolo HDL e una maggiore riduzione nella concentrazione di trigliceridi.

Questo studio sembra quindi indicare che adottando una dieta a basso contenuto di grassi o a basso contenuto di carboidrati, non vi sono risultati differenti in termini di variazione di peso. D’altra parte, anche se non è emerso un approccio dietetico da preferire, è peraltro evidente che una personalizzazione della dieta in base al profilo metabolico del soggetto può portare ad alcuni vantaggi.

 

 

Christopher D. Gardner, et al. Effect of Low-Fat vs Low-Carbohydrate Diet on 12-Month Weight Loss in Overweight Adults and the Association With Genotype Pattern or Insulin Secretion The DIETFITS Randomized Clinical Trial. JAMA. 2018;319(7):667-679.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 1 =