Home Spazio La preparazione alle passeggiate spaziali all’Agenzia Spaziale Europea

La preparazione alle passeggiate spaziali all’Agenzia Spaziale Europea

294
0
ESA astronaut Andreas Mogensen training for spacewalks. Copyright ESA - S. Corvaja

L’astronauta dell’ESA Andreas Mogensen potrebbe essere di stanza a terra, ma la sua esperienza è stata vitale per la recente passeggiata spaziale di due astronauti della NASA, Drew Feustel e Ricky Arnold. Dal mantenimento di un contatto radio costante, alla simulazione di attività subacquee e alla pianificazione per le emergenze con mesi di anticipo, condivide ciò che serve per far funzionare senza problemi una passeggiata spaziale.

Conosciuto dall’equipaggio come EVA (attività extraveicolare), ogni passeggiata nello spazio offre un’opportunità preziosa per effettuare riparazioni, testare nuove attrezzature e persino eseguire esperimenti scientifici, oltre i confini di un veicolo spaziale. L’uscita dalla Stazione Spaziale Internazionale porta tuttavia a maggiori rischi e le attività sono pianificate al minuto.

adv

Come terra IV per la passeggiata spaziale del 14 giugno 2018, Andreas era il punto di contatto chiave di Drew e Ricky e guidava la coppia passo dopo passo attraverso la loro passeggiata spaziale via radio.

Parlando dal suo posto al Johnson Space Center della NASA a Houston, negli Stati Uniti, afferma che la preparazione per una passeggiata nello spazio richiede un’intera squadra e inizia da sei mesi a un anno prima. “In genere, c’è un compito principale. In questo caso, sono state installate due telecamere ad alta definizione nella parte anteriore della Stazione Spaziale Internazionale, che verranno utilizzate per i primi voli della nuova navicella spaziale SpaceX e Boeing”, spiega. “Poiché è improbabile che l’attività principale duri le sei ore e mezza di tempo da trascorre nello spazio, il team esamina quali altre priorità possono essere raggiunte.”

Ogni passeggiata nello spazio viene provata sott’acqua in una grande piscina nota come Laboratorio di Galleggiabilità Neutrale. Gli astronauti non hanno sempre l’opportunità di simulare l’intera passeggiata prima del lancio, quindi le nozioni fornite da altri esperti, come Andreas, è cruciale.

“Sono stato in grado di partecipare a due sessioni di sviluppo subacqueo, quindi ho avuto una buona comprensione di come si sviluppa una passeggiata nello spazio”, dice Andreas. “Questi cicli di sviluppo aiutano il team a perfezionare la tempistica. A volte le attività vengono tagliate e altre attività vengono aggiunte. Una volta che siamo fiduciosi del piano, la sessione di prova viene eseguita un’ultima volta, per la valutazione da parte della divisione EVA al completo e di altri astronauti, guardando alla fattibilità, all’efficienza e agli scenari di salvataggio”.

Oltre ai run-through sottomarini, il team di controllo del volo, di cui fa parte Andreas, effettua anche simulazioni per assicurarsi che siano pronti a rispondere a qualsiasi evento o emergenza inaspettata che gli astronauti possano incontrare.

Nessuna emergenza si è verificata, ma non tutto è andato come previsto. “Abbiamo avuto due problemi”, spiega Andreas. “Per collegare i cavi che conducono alle telecamere, Drew e Ricky avevano bisogno di aprire un pannello per accedere ad alcuni connettori del cavo. Uno degli elementi di fissaggio che reggeva il pannello era bloccato e Drew ha dovuto trovare un modo per accedervi. Quindi, una volta ottenuto l’accesso, è stato necessario utilizzare due anelli di ancoraggio di lunga durata per mantenere il pannello in posizione.

“Allo stesso tempo, una volta collegati i cavi alle telecamere, abbiamo rilevato che alcuni dei pin erano configurati in modo errato, quindi le telecamere non ricevevano dati. Fortunatamente, il team di controllo del volo è stato in grado di risolvere il problema senza perdere tempo”.

 

 

Articolo precedenteLa NASA assegna gli equipaggi ai primi voli di prova dei veicoli spaziali commerciali
Articolo successivoAumentano i suicidi se la temperatura si alza
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui