Home Diabetologia La riscossa dei carboidrati: meglio non eliminarli completamente dalla dieta

La riscossa dei carboidrati: meglio non eliminarli completamente dalla dieta

235
0

Mangiare i carboidrati con moderazione sembra essere ideale per la salute e la longevità. Questo quanto suggerisce una nuova ricerca pubblicata sulla rivista The Lancet Public Health.

Lo studio osservazionale, condotto su oltre 15.400 persone dallo studio ARIC (Atherosclerosis Risk in Communities Study), ha rilevato che le diete a basso (<40% di energia) o alto (> 70% di energia) contenuto di carboidrati erano collegate a un aumento della mortalità. Al contrario, i consumatori moderati di carboidrati (50-55% di energia) evidenziavano la minore mortalità.

adv

I risultati principali, confermati in una meta-analisi di studi sull’assunzione di carboidrati, che ha incluso oltre 432.000 persone provenienti da oltre 20 paesi, suggeriscono che non tutte le diete a basso contenuto di carboidrati sembrano equilibrate, inducendo a mangiare più proteine ​​e grassi di origine animale, come manzo, agnello, maiale, pollo e formaggio. Questo comportamento è risultato associato a una maggior rischio di mortalità. Mangiare più proteine ​​e grassi vegetali da alimenti come verdure, legumi e noci era legato invece ad una mortalità inferiore.

I commenti dell’autore

“Abbiamo bisogno di guardare con molta attenzione a quali sono i composti salutari nelle diete, che forniscono protezione”, afferma Sara Seidelmann, Clinical and Research Fellow in Cardiovascular Medicine di Brigham and Women’s Hospital, Boston, USA, che ha guidato la ricerca.

“Le diete a basso contenuto di carboidrati, che sostituiscono i carboidrati con proteine ​​o grassi, stanno guadagnando popolarità diffusa come strategia per la salute e la perdita di peso. Tuttavia, i nostri dati suggeriscono che le diete a basso contenuto di carboidrati a base animale, che sono prevalenti in Nord America e in Europa, potrebbero essere associate a una durata di vita più breve e dovrebbero essere scoraggiate.”

Precedenti studi randomizzati hanno dimostrato che le diete a basso contenuto di carboidrati sono utili per la perdita di peso a breve termine e migliorano il rischio cardiometabolico. Tuttavia, esistono anche sperimentazioni che hanno dimostrato una maggiore efficacia di diete a basso contenuto di grassi (vedi articolo). L’impatto a lungo termine della restrizione dei carboidrati sulla mortalità è peraltro controverso e spesso non si precisa la fonte o la qualità delle proteine ​​e dei grassi consumati nelle diete povere di carboidrati.

Alla ricerca del giusto introito di carboidrati: lo studio

I ricercatori hanno iniziato studiando 15.428 adulti di età compresa tra 45 e 64 anni, provenienti da diversi ambienti socioeconomici, di quattro comunità statunitensi (Forsyth County, NC, Jackson, MS, Minneapolis, MN e Washington County, MD). Tutti i partecipanti hanno riferito di aver consumato 600-4200 kcal al giorno per gli uomini e 500-3600 kcal al giorno per le donne. I partecipanti con un apporto calorico estremo (alto o basso) sono stati esclusi dall’analisi.

All’inizio dello studio e a sei anni di distanza, i partecipanti hanno completato un questionario dietetico sui tipi di alimenti e bevande che hanno consumato, dosi e frequenza. Questi dati sono stati utilizzati per stimare la media cumulativa delle calorie derivate dai carboidrati, grassi e proteine.

È stata inoltre valutata l’associazione tra l’assunzione complessiva di carboidrati e tutte le cause di mortalità dopo aggiustamento per età, sesso, razza, apporto energetico totale, istruzione, esercizio fisico, livello di reddito, fumo e diabete.

I risultati dello studio

Durante un follow-up mediano di 25 anni, sono morte 6283 persone. I risultati hanno mostrato un’associazione a forma di U tra l’assunzione complessiva di carboidrati e l’aspettativa di vita, con un basso e un alto introito di carboidrati (meno del 40% o più del 70%) associati a un più alto rischio di mortalità rispetto a un consumo moderato (50-55% di calorie).

I ricercatori hanno stimato che, a partire dai 50 anni, l’aspettativa di vita media era di 33 anni in più per chi aveva un consumo moderato di carboidrati, quattro anni in più di quelli con un consumo di carboidrati molto basso e un anno in più rispetto a quelli con un consumo elevato di carboidrati.

Tuttavia, gli autori sottolineano che dal momento che le diete sono state misurate solo all’inizio della sperimentazione e 6 anni dopo, i modelli alimentari potrebbero essere cambiati nell’arco di 25 anni, il che potrebbe rendere meno sicuro l’effetto riportato del consumo di carboidrati sulla durata della vita.

La metanalisi

Nella fase successiva dello studio, gli autori hanno eseguito una meta-analisi dei dati di otto potenziali coorti (incluso l’ARIC) che hanno coinvolto dati di 432.179 persone nei paesi nordamericani, europei e asiatici. Questo ha rivelato tendenze simili, con partecipanti le cui diete complessive erano alte e basse in carboidrati con un’aspettativa di vita più breve rispetto a quelli con un consumo moderato.

Come spiega Seidelmann, “Un consumo medio di carboidrati potrebbe essere considerato moderato in Nord America ed Europa dove è di circa il 50% ma basso in altre regioni, come l’Asia, dove la dieta media è composta per oltre il 60% di carboidrati.”

In ulteriori analisi, è stato valutato se la fonte di proteine ​​e grassi in diete a basso contenuto di carboidrati, a base vegetale o animale, fosse associata alla durata della vita. I ricercatori hanno scoperto che la sostituzione di carboidrati con proteine ​​e grassi da fonti animali era associata a una maggiore rischio di mortalità rispetto all’assunzione moderata di carboidrati. Al contrario, la sostituzione di carboidrati con alimenti a base vegetale era legata a un minor rischio di mortalità.

“Questi risultati riuniscono diversi filoni che sono stati controversi. Troppi o troppo pochi carboidrati possono essere dannosi, ma quello che conta di più è il tipo di grassi, proteine ​​e carboidrati”, dice Walter Willett, professore di Epidemiologia e Nutrizione presso la Harvard T. H. Chan School of Public Health e coautore dello studio.

La composizione ideale della dieta

I risultati mostrano associazioni osservazionali piuttosto che un rapporto causa ed effetto. Considerando le prove di altri studi, gli autori ipotizzano che le diete di tipo occidentale, che limitano notevolmente i carboidrati, spesso comportano un minor apporto di verdure, frutta e cereali e portano a un maggiore consumo di proteine ​​e grassi animali. Alcuni di questi alimenti sono stati implicati nella stimolazione di processi infiammatori, invecchiamento biologico e stress ossidativo e potrebbero rappresentare un fattore che contribuisce alla maggiore mortalità.

Mentre le diete ad alto contenuto di carboidrati tendono ad essere elevate nei carboidrati raffinati e possono contribuire a mantenere un carico glicemico cronicamente alto, con esiti metabolici peggiori.

“Questo lavoro fornisce lo studio più completo sull’assunzione di carboidrati che è stato fatto fino ad oggi, e ci aiuta a capire meglio la relazione tra i componenti specifici della dieta e la salute a lungo termine”, afferma il dott. Scott Solomon, The Edward D Frohlich Illustri Chair a Brigham e Women’s Hospital e professore di medicina presso la Harvard Medical School, autore senior. “Mentre non è stato eseguito uno studio randomizzato per confrontare gli effetti a lungo termine dei diversi tipi di diete a basso contenuto di carboidrati, questi dati suggeriscono che lo spostamento verso un consumo più vegetale è probabile che aiuti ad attenuare le principali patologie morbose.”

Le limitazioni dello studio

Gli autori osservano alcune limitazioni, tra cui il fatto che i modelli dietetici sono basati su dati auto-riportati, che potrebbero non rappresentare accuratamente il consumo di cibo dei partecipanti. Inoltre, le conclusioni sulle fonti animali di grassi e proteine ​​potrebbero essere meno generalizzabili per le popolazioni asiatiche, che tendono ad avere diete ricche di carboidrati, ma spesso consumano pesce piuttosto che carne. Infine, dato il numero relativamente piccolo di individui che seguono diete a basso contenuto di carboidrati a base vegetale, sono necessarie ulteriori ricerche.

Il commento editoriale

Scrivendo in un commento collegato, il dott. Andrew Mente e il dott. Salim Yusuf della McMaster University, Hamilton, Canada affermano: “Tali differenze di rischio associate a differenze estreme nell’assunzione di un nutriente sono plausibili, ma gli studi osservazionali non possono escludere completamente i fattori confondenti residui quando le differenze sono così modeste. Sulla base dei primi principi, un’associazione a forma di U è logica per la maggior parte dei nutrienti essenziali rispetto ai risultati sulla salute. I nutrienti essenziali dovrebbero essere consumati al di sopra di un livello minimo per evitare carenze e al di sotto di un livello massimo per evitare tossicità. Questo approccio mantiene i processi fisiologici e la salute. Sebbene i carboidrati non siano tecnicamente un nutriente essenziale (a differenza delle proteine ​​e dei grassi), è probabilmente necessaria una certa quantità per soddisfare le richieste di energia a breve termine durante l’attività fisica e per mantenere l’assunzione di grassi e proteine ​​all’interno dei rispettivi punti di equilibrio. Sulla base di questi principi, un apporto moderato di carboidrati (ad esempio, circa il 50% dell’energia) è probabilmente più appropriato per la popolazione generale rispetto alle assunzioni molto basse o molto elevate. ”

 

Cover image volume 3, Issue 8

 

Sara B Seidelmann, et al. Dietary carbohydrate intake and mortality: a prospective cohort study and meta-analysis. Lancet Public Health 2018 Published Online August 16, 2018.

 

 

 

 

Articolo precedenteUn robot controllato dalle astronavi nel futuro delle esplorazioni spaziali
Articolo successivoVenti anni di attività per la Stazione Spaziale Internazionale: un ponte verso la Luna e oltre
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui