Home Epidemiologia Mortalità infantile: molti progressi, ma molto resta da fare

Mortalità infantile: molti progressi, ma molto resta da fare

221
0
On 17 January 2016, a four month old baby boy born to Nepalese mother Sundari Gurung , aged 22, at her temporary shelter in Gupsi Pakha, in Laprak, in Gorkha district, Nepal. Both Sundari and her farther-in-law lost their homes during April 2015 earthquake and have been living in Earthquake Camp in Gupsipakha. The ongoing winter season and top of snowfall have been affecting her child, says Sundari. Laprak is one of the epicenter villages of Gorkha district, where more than 600 hundreds houses were destroyed during earthquake on 25 April 2015. Hundreds of earthquake victims, particularly the elderly and young children living in shelter of highland altitude have been facing a harsh winter season after snowfall. Courtesy UNICEF.

Circa 6,3 milioni di bambini sotto i 15 anni sono morti nel 2017, 1 ogni 5 secondi, principalmente per cause prevenibili. Sono queste le nuove stime di mortalità rilasciate dall’UNICEF, dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), dalla Divisione Popolazione delle Nazioni Unite e dal Mondo Gruppo bancario.

La stragrande maggioranza di questi decessi – 5,4 milioni – si verifica nei primi cinque anni di vita, con i neonati che rappresentano circa la metà di questi.

adv

Il nodo dell’Africa sub-sahariana

“Senza un’azione urgente, 56 milioni di bambini sotto i cinque anni moriranno da qui al 2030, metà dei quali neonati”, ha affermato Laurence Chandy, Direttore dei dati, della ricerca e delle politiche dell’UNICEF. “Abbiamo compiuto notevoli progressi nel salvare i bambini dal 1990, ma milioni stanno ancora morendo a causa di chi sono e dove sono nati. Con soluzioni semplici come farmaci, acqua pulita, elettricità e vaccini, possiamo cambiare quella realtà per ogni bambino”.

Globalmente, nel 2017, la metà dei decessi sotto i cinque anni è avvenuta nell’Africa sub-sahariana e un altro 30% nell’Asia meridionale. Nell’Africa sub-sahariana, 1 su 13 bambini è morto prima del loro quinto compleanno. Nei paesi ad alto reddito, lo stesso rapporto era di 1 su 185.

Presidi semplici per grandi risultati

“Milioni di neonati e bambini non dovrebbero morire ogni anno a causa della mancanza di accesso all’acqua, ai servizi igienico-sanitari, all’alimentazione adeguata o ai servizi sanitari di base”, ha detto la principessa Nono Simelela, vicedirettore generale per la famiglia, le donne e la salute dei bambini all’OMS. “Dobbiamo dare la priorità all’accesso universale a servizi sanitari di qualità per ogni bambino, in particolare nel periodo della nascita e durante i primi anni, per dare loro la migliore possibilità di sopravvivere e prosperare”.

La maggior parte dei bambini sotto i 5 anni muore per cause prevenibili o curabili, come complicazioni durante la nascita, polmonite, diarrea, sepsi neonatale e malaria. In confronto, tra i bambini di età compresa tra 5 e 14 anni, la causa più importante di morte diventano le, in particolare per l’annegamento e il traffico stradale. All’interno di questa fascia di età esistono anche differenze regionali, con il rischio di morire per un bambino dall’Africa subsahariana che è 15 volte superiore rispetto a un coetaneo europeo.

“Più di sei milioni di bambini che muoiono prima del loro quindicesimo compleanno è un costo che semplicemente non possiamo permetterci”, ha affermato Timothy Evans, Senior Director e responsabile della salute, nutrizione e popolazione, Global Practice presso il World Bank Group. “La fine delle morti prevenibili e gli investimenti nella salute dei giovani sono una base fondamentale per i paesi in via di sviluppo, che guideranno la loro crescita futura e la loro prosperità”.

Mortalità infantile: fattori critici, a livello globale

Per i bambini di tutto il mondo, il periodo più rischioso della vita è il primo mese di vita. Nel 2017, 2,5 milioni di neonati sono morti in questo periodo. Un bambino nato nell’Africa sub-sahariana o nell’Asia meridionale aveva nove volte più probabilità di morire nel primo mese di vita, rispetto a un bambino nato in un paese ad alto reddito.

Persino all’interno dei paesi persistono disparità. I tassi di mortalità infantile sotto i cinque anni nelle aree rurali sono in media del 50% più alti, rispetto ai bambini nati nelle aree urbane. Inoltre, quelli nati da madri non istruite hanno più del doppio delle probabilità di morire prima di compiere cinque anni rispetto a quelli nati da madri con un’istruzione secondaria o superiore.

Un miglioramento tangibile

Il numero di bambini che muoiono sotto i cinque anni è crollato drammaticamente da 12,6 milioni nel 1990 a 5,4 milioni nel 2017. Il numero di decessi nei bambini più grandi di età compresa tra 5 e 14 anni è sceso da 1,7 milioni a meno di un milione nello stesso periodo.

“Questo nuovo rapporto mette in evidenza i notevoli progressi compiuti dal 1990 nella riduzione della mortalità tra bambini e giovani adolescenti”, ha dichiarato il Sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari economici e sociali Liu Zhenmin. “Ridurre la disuguaglianza aiutando i neonati, i bambini e le madri più vulnerabili è essenziale per raggiungere l’obiettivo degli Sustainable Development Goals sulla cessazione delle morti infantili prevenibili e per garantire che nessuno rimanga indietro”.

In Italia

La mortalità per i bambini al di sotto dei cinque anni, in Italia è passata, dal 1990 al 2017, da 10 a 3 decessi/1.000nati. Nello stesso periodo, la mortalità neonatale è passata da 6 a 2 decessi/1.000 nati; la mortalità infantile da 8 a 3 decessi/1.000nati.

Leggi anche l’articolo sulla mortalità dei bambini in scenari di guerra.

 

 

Articolo precedenteMoto per sognatori: BMW R 1250 GS e R 1250 RT
Articolo successivoGoogle si allea con Renault, Nissan e Mitsubishi per un’auto sempre più connessa
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui