Scarse raccomandazioni sulla riabilitazione per i pazienti cinesi con sindromi coronariche acute

Solo un terzo dei pazienti cinesi con sindromi coronariche acute riceve raccomandazioni per una riabilitazione cardiologica prima della dimissione dall’ospedale. Sono questi i dati che emergono da una ricerca presentata al 29 ° Congresso Internazionale di Cardiologia della Grande Muraglia (GW-ICC), che si è tenuto dall’11 al 14 ottobre a Pechino, in Cina.

Le sindromi coronariche acute in Cina 

Gli attacchi di cuore sono in aumento in Cina e la Banca Mondiale stima che nel 2020 se ne verificheranno circa 16 milioni. La riabilitazione cardiaca può migliorare la qualità della vita e aiutare a prevenire recidive, riospedalizzazione e morte prematura. I programmi dovrebbero includere consigli su smettere di fumare, esercizio fisico, dieta, controllo del peso, controllo della pressione arteriosa, gestione dello stress e supporto psicologico.

Questo studio ha esaminato la proporzione di pazienti in Cina con sindromi coronariche acute, incluso l’infarto miocardico e l’angina instabile che hanno ricevuto una guida di riabilitazione cardiaca prima della dimissione dall’ospedale. È stato condotto nell’ambito del programma di miglioramento della cura per le malattie cardiovascolari in Cina, un registro nazionale e un programma di miglioramento della qualità delle cure della Società Cinese di Cardiologia e dell’American Heart Association.

Dopo aver escluso i pazienti con informazioni demografiche incomplete e coloro che sono morti durante l’ospedalizzazione, lo studio ha arruolato 62.227 pazienti con sindromi coronariche acute, ricoverati in 150 ospedali in tutta la Cina, tra novembre 2014 e giugno 2017. La guida per la riabilitazione cardiaca è stata definita come una brochure o piano di riabilitazione personalizzato.

Poche raccomandazioni sulla riabilitazione cardiologica

Solo un terzo (32,8%) dei pazienti ha ricevuto una guida alla riabilitazione cardiologica prima della dimissione e solo uno su dieci (9,7%) ha ricevuto un piano individualizzato. Era più probabile che gli uomini ricevessero consigli (33,6%) rispetto alle donne (30,6%). Il tasso dell’offerta di orientamento è diminuito all’aumentare dell’età, con il 34,0% dei minori di 45 anni che ricevono consulenza, rispetto al 32,9% dei 45-74 anni e al 31,9% di quelli di età pari o superiore ai 75 anni.

L’autore dello studio, il dott. Guoliang Hu, dell’Istituto delle malattie dei vasi sanguigni cardiaci, polmonari e sanguigni di Pechino, ha dichiarato: “Le ricerche precedenti hanno suggerito che le donne e i pazienti più anziani potrebbero beneficiare maggiormente della riabilitazione. Nel nostro studio, questi gruppi avevano anche meno probabilità di ricevere consigli e quindi sono necessari sforzi mirati.”

Contrariamente alle aspettative, i pazienti con una storia di malattia coronarica hanno ricevuto un consiglio meno spesso (30,5%) rispetto a quelli senza storia di malattia coronarica (33,1%). Tuttavia, i pazienti che erano stati trattati con impianto di stent dopo infarto miocardico hanno ricevuto un consiglio più spesso (35,1%) rispetto a quelli che non hanno ricevuto uno stent (27,5%).

Il dottor Hu ha aggiunto, “Tutti i pazienti con infarto necessitano di riabilitazione cardiaca e parlarne con loro prima della dimissione è un modo efficace per incoraggiare la partecipazione, ma questo è un campo emergente in Cina. Il primo passo verso il miglioramento delle prestazioni è aumentare la consapevolezza dei medici sui benefici della discussione sulla riabilitazione cardiaca prima che i pazienti tornino a casa, così come prescrivono i farmaci dimagranti. La Cina ha anche bisogno di un sistema di invio alla riabilitazione cardiaca, programmi basati sull’evidenza e centri e squadre dedicati”.

Il professor Dong Zhao, presidente del comitato scientifico del Great Wall Congress 2018 e autore dello studio, ha dichiarato: “La bassa percentuale di pazienti con sindrome coronarica acuta che ricevono una guida per la riabilitazione cardiaca, basata sui risultati di questo progetto, può riflettere il fatto che non è ancora integrato nella normale assistenza ospedaliera per questi pazienti in Cina. L’aggiunta di una guida per la riabilitazione cardiaca come indicatore di qualità dell’assistenza e una formazione più efficace per i cardiologi può migliorare la situazione.”

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17 − 11 =