Home Psichiatria Cannabis: un nuovo farmaco per i ridurre i sintomi di astinenza e...

Cannabis: un nuovo farmaco per i ridurre i sintomi di astinenza e il consumo

1618
0

I risultati di un recente studio, pubblicato su The Lancet Psychiatry suggeriscono che un nuovo farmaco sperimentale può aiutare a ridurre i sintomi di astinenza e l’uso di cannabis. Questi effetti dono stati dimostrati in persone con dipendenza da cannabis o disturbi da uso di cannabis.

Un effetto di simulazione

PF-04457845, questo il nome in codice del nuovo farmaco, agisce bloccando la amide idrolasi degli acidi grassi (FAAH), un enzima che scompone una sostanza chimica principale dell’endocannabinoide nel cervello chiamata anandamide. Questa agisce sui recettori per i cannabinoidi del cervello, proprio come fa la cannabis.

adv

Meno FAAH significa livelli più elevati di anandamide, che possono potenzialmente migliorare l’umore e ridurre l’ansia.

“Molti altri farmaci sono stati testati per la loro capacità di ridurre l’uso di cannabis e l’astinenza, ma fino ad ora nessuno ha mai dimostrato di lavorare sia contro sintomi di astinenza sia contro le ricadute. Inoltre, a differenza della cannabis o del suo principale costituente attivo delta-9 tetraidrocannabinolo (THC), gli inibitori della FAAH non sembrano avere effetti psicoattivi o gratificanti e pertanto non è probabile che vengano abusati”, afferma il professor Deepak Cyril D’Souza della Yale University School di Medicina, USA, che ha guidato la ricerca.

“PF-04457845 è stato ben tollerato. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare che PF-04457845 è sicuro ed efficace in un campione più ampio di persone, in particolare nelle donne, e in strutture ambulatoriali a lungo termine.”

La dipendenza da cannabinoidi

Il disturbo da uso di cannabis è caratterizzato da un modello di utilizzo continuato e problematico, nonostante le conseguenze negative come disabilità sociale e funzionale, uso rischioso, tolleranza e sintomi da sospensione. I sintomi di astinenza da cannabis includono la brama di cannabis, irritabilità, rabbia, depressione, disturbi del sonno e diminuzione dell’appetito e del peso, che rendono difficile smettere.

Il disturbo dell’uso di cannabis colpisce circa 13 milioni di persone in tutto il mondo. Negli Stati Uniti, circa un terzo di tutti gli attuali consumatori di cannabis soddisfa i criteri diagnostici per il disturbo da uso di cannabis e nel 2016 più di 250.000 persone sono state ammesse al trattamento per l’abuso di cannabis.

La guarigione a lungo termine è raggiunta solo da pochi di coloro che cercano un trattamento con interventi comportamentali come la terapia cognitivo comportamentale e la terapia di potenziamento motivazionale.

I trattamenti disponibili

Attualmente non ci sono trattamenti farmacologici approvati per l’uso problematico di cannabis. Quasi ogni classe di farmaci psicotropi è stata testata per la sospensione o la dipendenza dalla cannabis, ma nessuno è stato costantemente efficace o ben tollerato.

La terapia sostitutiva con THC, il composto psicoattivo nella cannabis, ha mostrato alcuni effetti positivi nel ridurre i sintomi di astinenza, ma non previene la ricaduta ed è limitata dai suoi effetti psicoattivi e dal potenziale di abuso.

Nei topi dipendenti dal THC, il blocco dell’enzima FAAH ha ridotto la sindrome da astinenza da cannabis.

Lo studio

Nello studio, 70 uomini (di età compresa tra i 18 e i 55 anni) con disturbo da uso di cannabis sono stati randomizzati a ricevere l’inibitore FAAH (4 mg al giorno, 46 ​​uomini) o placebo (24 uomini) per 4 settimane. Tutti i partecipanti sono stati ricoverati in ospedale per circa una settimana dalla fase di trattamento per ottenere astinenza e sospensione della cannabis. I partecipanti sono stati quindi dimessi per continuare le restanti 3 settimane di trattamento in regime ambulatoriale.

L’aderenza al farmaco è stata confermata da una videochiamata e dal conteggio delle pillole e confermata dalla concentrazione plasmatica settimanale di PF-04457845 e anandamide.

L’uso di cannabis è stato valutato mediante autoanalisi e screening delle urine per i livelli del metabolita THC-COOH del THC. I problemi di sonno, che hanno un ruolo predominante nella sospensione della cannabis, sono stati valutati usando questionari e polisonnografia.

I risultati

All’inizio dello studio, i partecipanti fumavano in media più di tre cannabis al giorno. L’ammissione all’ospedale ha ridotto l’uso di cannabis a zero in entrambi i gruppi. Durante la fase di ricovero (settimana 1), gli uomini trattati con PF-04457845 hanno riportato un minor numero di sintomi di astinenza da cannabis inclusi depressione, irritabilità e ansia rispetto a quelli trattati con placebo.

Alla fine del trattamento (4 settimane), il gruppo PF-04457845 ha riportato un minor consumo di cannabis rispetto al gruppo placebo e livelli più bassi di THC-COOH nelle loro urine.

Inoltre, sono stati osservati miglioramenti nel sonno generale nei pazienti in trattamento attivo rispetto al placebo. Al contrario, le riduzioni del tempo trascorso nel sonno profondo si sono verificate immediatamente dopo l’astinenza nel gruppo placebo, in linea con l’evidenza dei disturbi del sonno nella sindrome da sospensione da cannabis.

Gli autori fanno notare come i disturbi del sonno profondo indotti dall’astensione potrebbero svolgere un ruolo chiave nella ricaduta. Il trattamento tramite FAAH potrebbe essere utile per correggerlo, e a sua volta potrebbe facilitare il mantenimento dell’astinenza dalla cannabis.

L’aderenza al farmaco in studio era dell’88% e le concentrazioni urinarie di THC-COOH correlate al consumo di cannabis auto-segnalato. PF-04457845 era ben tollerato e gli eventi avversi sono stati lievi e simili in entrambi i gruppi. Non sono stati segnalati eventi avversi gravi. I tassi di abbandono erano simili tra i gruppi PF-04457845.

 

 

Articolo precedenteL’auto elettrica del futuro di BMW: Vision iNEXT
Articolo successivoEl Niño si riscalda: in arrivo un maggior numero di eventi meteorologici estremi
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui