Home Medicina Aumenta la spesa sanitaria dei governi, ma le persone pagano sempre di...

Aumenta la spesa sanitaria dei governi, ma le persone pagano sempre di più di tasca propria

8
0

La spesa per la salute sta crescendo più velocemente rispetto al resto dell’economia globale, rappresentando il 10% del prodotto interno lordo (PIL) globale. Una nuova relazione sulla spesa sanitaria globale dell’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) rivela una rapida traiettoria ascendente della spesa sanitaria globale, che è particolarmente evidente nei paesi a basso e medio reddito, dove la spesa sanitaria cresce in media del 6% all’anno rispetto a 4 % nei paesi ad alto reddito.

La spesa sanitaria

La spesa sanitaria è composta da spese governative, pagamenti diretti (persone che pagano per le proprie cure) e da fonti quali l’assicurazione sanitaria volontaria, i programmi sanitari forniti dal datore di lavoro e le attività delle organizzazioni non governative.

I governi forniscono in media il 51% della spesa sanitaria di un paese, mentre oltre il 35% della spesa sanitaria per paese proviene da spese vive. Una conseguenza di ciò sono 100 milioni di persone spinte all’estrema povertà ogni anno.

La relazione evidenzia una tendenza all’aumento dei finanziamenti pubblici nazionali per la salute nei paesi a basso e medio reddito e il declino dei finanziamenti esterni nei paesi a reddito medio. Il ricorso a spese vive è in calo in tutto il mondo, anche se lentamente.

“L’aumento della spesa domestica è essenziale per raggiungere la copertura sanitaria universale e gli obiettivi di sviluppo sostenibile legati alla salute”, ha affermato il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Ma la spesa sanitaria non è un costo, è un investimento nella riduzione della povertà, nell’occupazione, nella produttività, nella crescita economica inclusiva e in società più sane, più sicure e più giuste”.

La ricerca dei servizi sanitari

Nei paesi a reddito medio, la spesa sanitaria pubblica pro-capite è raddoppiata rispetto all’anno 2000. In media, i governi spendono 60 dollari USA a persona per la salute nei paesi a reddito medio-basso e vicino a 270 USD a persona nei paesi a reddito medio-alto.

Quando la spesa pubblica per la salute aumenta, le persone hanno meno probabilità di cadere in povertà alla ricerca di servizi sanitari. Ma la spesa pubblica riduce le ingiustizie nell’accesso solo quando le allocazioni sono attentamente pianificate per assicurare che l’intera popolazione possa ottenere l’assistenza sanitaria di base.

Nei paesi a basso e medio reddito, i nuovi dati suggeriscono che oltre la metà della spesa sanitaria è destinata all’assistenza sanitaria di base. Eppure, meno del 40% di tutte le spese per l’assistenza sanitaria di base proviene dai governi.

“Tutti i 194 Stati membri dell’OMS hanno riconosciuto l’importanza dell’assistenza sanitaria di base nell’adozione della Dichiarazione di Astana lo scorso ottobre”, ha affermato la dott.ssa Agnes Soucat. “Ora hanno bisogno di agire su quella dichiarazione e dare priorità alla spesa per l’assistenza sanitaria di qualità nella comunità”.

Il ruolo dei finanziamenti esterni

Il rapporto esamina anche il ruolo dei finanziamenti esterni. All’aumentare della spesa interna, la percentuale dei finanziamenti forniti dagli aiuti esterni è scesa a meno dell’1% della spesa sanitaria globale. Quasi la metà di questi fondi esterni è dedicata a tre malattie: HIV, tubercolosi e malaria.

Mentre la relazione illustra chiaramente la transizione dei paesi a medio reddito al finanziamento interno dei sistemi sanitari, l’aiuto esterno rimane essenziale per molti paesi, in particolare per i paesi a basso reddito.

Il nuovo rapporto dell’OMS indica i modi in cui i responsabili politici, gli operatori sanitari e i cittadini possono continuare a rafforzare i sistemi sanitari.

“La salute è un diritto umano e tutti i paesi devono dare la priorità a cure sanitarie primarie efficienti ed economicamente convenienti come via per raggiungere la copertura sanitaria universale e gli obiettivi di sviluppo sostenibile”, ha concluso Soucat.

 

 

Articolo precedenteLa completa eliminazione del cancro della cervice uterina è possibile, basta impegnarsi
Articolo successivoLa nuova Audi SQ5 TDI: prestazioni istantanee grazie al compressore elettrico
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

9 + nove =