Home Cardiologia Poco alcol consumato spesso fa aumentare il rischio di fibrillazione atriale più...

Poco alcol consumato spesso fa aumentare il rischio di fibrillazione atriale più delle rare ubriacature

545
0

Secondo una ricerca pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Europace, il consumo frequente di piccole quantità di alcol è associato a una maggiore probabilità di fibrillazione atriale rispetto alle ubriacature sporadiche.

“Le raccomandazioni sul consumo di alcol si sono concentrate sulla riduzione della quantità assoluta piuttosto che sulla frequenza”, ha affermato l’autore dello studio Dr Jong-Il Choi, del Korea University College of Medicine e del Korea University Anam Hospital, Seoul, nella Repubblica di Corea. “Il nostro studio suggerisce che anche bere meno spesso può essere importante per proteggersi dalla fibrillazione atriale.”

adv

Correlazioni tra alcol e fibrillazione atriale

Una precedente meta-analisi aveva trovato una correlazione lineare tra alcol e fibrillazione atriale: il rischio è aumentato dell’8% per ogni 12 g di alcol consumato a settimana. Non era chiaro quale aspetto fossi più importante: la quantità totale di alcol o il numero di volte in cui veniva consumato?

Questo nuovo studio ha esaminato l’importanza relativa del bere frequente, rispetto al consumo eccessivo, per lo sviluppo di una fibrillazione atriale di nuova insorgenza.

L’analisi ha incluso 9.776.956 soggetti senza fibrillazione atriale sottoposti a un controllo sanitario nazionale nel 2009 che includeva un questionario sul consumo di alcol. I partecipanti sono stati seguiti fino al 2017 per l’insorgenza dell’aritmia.

Il numero di sessioni in cui si ha consumato alcol nel corso della settimana è stato il più forte fattore di rischio per la fibrillazione atriale di nuova insorgenza. Rispetto al bere due volte alla settimana (gruppo di riferimento), bere ogni giorno era il comportamento più rischioso, con un hazard ratio (HR) di 1.412, mentre bere una volta alla settimana era il comportamento meno rischioso (HR 0.933). Bere bevande maggiormente alcoliche non ha mostrato alcun legame chiaro con la fibrillazione atriale di nuova insorgenza.

Bere frequentemente è più pericoloso

“Il nostro studio suggerisce che bere frequentemente è più pericoloso rispetto al bere di rado, in relazione alla fibrillazione atriale”, ha affermato il dott. Choi. “Il numero di sessioni di consumo era correlato all’insorgenza della fibrillazione atriale indipendentemente dall’età e dal sesso. Ripetuti episodi di fibrillazione atriale innescati dall’alcol possono portare a patologie evidenti. Inoltre, bere può provocare disturbi del sonno che è un fattore di rischio noto per la fibrillazione atriale.”

Il consumo settimanale di alcol

In linea con altri studi, il consumo settimanale di alcol era correlato alla fibrillazione atriale. C’è stato un aumento del 2% nel rischio di fibrillazione atriale di nuova insorgenza per ogni grammo di alcol consumato a settimana.

Sorprendentemente, rispetto ai bevitori lievi, coloro che non hanno bevuto alcolici, coloro che li hanno bevuti in quantità moderata o elevata hanno rispettivamente un rischio dell’8,6%, 7,7% e 21,5%.

Il dott. Choi ha affermato che l’effetto protettivo del bere lieve deve essere confermato. “Non è chiaro se si tratti di un vero vantaggio o di un effetto confondente di variabili non misurate”, ha affermato.

Ha poi concluso: “La fibrillazione atriale è una malattia con molteplici complicazioni terribili e una qualità della vita significativamente compromessa. Prevenire la fibrillazione atriale stessa, piuttosto che le sue complicanze, dovrebbe essere una nostra priorità. Il consumo di alcol è probabilmente il fattore di rischio più facilmente modificabile. Per prevenire la fibrillazione atriale di nuova insorgenza è necessario ridurre sia la frequenza che la quantità settimanale di consumo di alcol.

 

 

Articolo precedenteIl disturbo post-traumatico da stress fa aumentare le probabilità di avere TIA o ictus
Articolo successivoEffetto spin-Hall quantistico: un fenomeno che governa le proprietà fondamentali della luce
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui