Home Psichiatria Scarse prove di efficacia (e troppi rischi) per i cannabinoidi utilizzati nei...

Scarse prove di efficacia (e troppi rischi) per i cannabinoidi utilizzati nei disturbi mentali

277
0

L’analisi più completa dei cannabinoidi medicinali e del loro impatto su sei disturbi della salute mentale suggerisce che sulla base delle evidenze attuali il loro uso non può essere giustificato. La ricerca ha analizzato i risultati di 83 studi che hanno coinvolto circa 3.000 persone, evidenziando come vi sia una sostanziale mancanza di prove della loro efficacia, a cui si associano i noti rischi dei cannabinoidi.

I risultati di questo nuovo studio, pubblicati sulla rivista The Lancet Psychiatry, rilevano dati insufficienti a sostegno dell’uso dei cannabinoidi medicinali per ottenere un miglioramento dei sintomi, sebbene vi siano prove di qualità molto bassa che il tetraidrocannabinolo farmaceutico (THC) possa portare a un lieve miglioramento dei sintomi dell’ansia nei soggetti con altre condizioni mediche, come dolore cronico o la sclerosi multipla.

adv

I cannabinoidi medicinali

I cannabinoidi medicinali includono cannabis medicinale e cannabinoidi farmaceutici e loro derivati ​​sintetici, THC e cannabidiolo (CBD). In tutto il mondo, queste sostanze sono sempre più disponibili per scopi medicinali, incluso per il trattamento dei disturbi della salute mentale. Tuttavia, vi sono preoccupazioni circa gli effetti avversi di questa disponibilità, in quanto vi è una vasta serie di prove che indicano che l’uso della cannabis non medicinale può aumentare l’insorgenza di depressione, ansia e sintomi psicotici.

La professoressa Louisa Degenhardt del National Drug and Alcohol Research Center (NDARC) presso l’UNSW di Sydney, in Australia, e autrice principale dello studio, afferma: “I nostri risultati hanno importanti implicazioni in paesi in cui la cannabis e i cannabinoidi vengono resi disponibili per uso medico. C’è una sostanziale assenza di prove di alta qualità per valutare correttamente l’efficacia e la sicurezza dei cannabinoidi medicinali rispetto al placebo e fino a quando non saranno disponibili prove da studi randomizzati e controllati, non sarà possibile elaborare linee guida cliniche sul loro uso nei disturbi della salute mentale.”

Continua: “Nei paesi in cui i cannabinoidi medicinali sono già legali, medici e pazienti devono essere consapevoli dei limiti delle prove esistenti e dei rischi dei cannabinoidi. Questi devono essere soppesati quando si considera l’uso per trattare i sintomi di comuni disturbi della salute mentale. Per coloro che decidono di procedere, è necessario monitorare attentamente gli effetti positivi e negativi sulla salute mentale dell’uso di cannabinoidi medicinali.”

La vendita e l’uso della cannabis nelle Americhe

Questo studio segue The Lancet Series on Drug Use, che include un documento sulla cannabis in cui gli autori valutano gli attuali e possibili impatti sulla salute pubblica della legalizzazione della produzione, della vendita e dell’uso della cannabis nelle Americhe. Riassumono le prove generali sull’uso medicinale dei cannabinoidi, sulla regolamentazione e su come l’uso medicinale può aver influito sull’uso ricreativo.

Sei disturbi di salute mentale

Gli autori hanno deciso di esaminare le prove disponibili per tutti i tipi di cannabinoidi medicinali. Hanno incluso nell’analisi tutti i progetti di studio e hanno valutato l’impatto sulla remissione e sui sintomi di sei disturbi della salute mentale negli adulti: depressione, ansia, disturbo da deficit di attenzione e iperattività (ADHD), sindrome di Tourette, disturbo da stress post-traumatico (PTSD) e psicosi.

Hanno incluso studi pubblicati e inediti tra il 1980 e il 2018. Degli 83 studi ammissibili, 40 erano randomizzati e controllati (RCT), gli altri erano studi in aperto. Degli 83 studi, 42 hanno esaminato la depressione (di cui 23 RCT), 31 hanno esaminato l’ansia (17 RCT), otto hanno esaminato la sindrome di Tourette (due RCT), tre erano su ADHD (uno RCT), 12 erano su PTSD (uno RCT) e 11 erano sulle psicosi (sei studi randomizzati).

Nella maggior parte degli sudi randomizzati e controllati che hanno esaminato la depressione e l’ansia, la ragione principale per l’uso di cannabinoidi era un’altra condizione medica, come il dolore cronico non canceroso o la sclerosi multipla. Negli studi che hanno esaminato gli altri quattro disturbi, il cannabinoide è stato usato per trattare il disturbo di salute mentale. Pochi studi randomizzati e controllati hanno esaminato il ruolo del CBD farmaceutico o della cannabis medicinale; la maggior parte guardava il THC, con o senza CBD.

Migliorano i sintomi dell’ansia nei pazienti con altre malattie

Gli autori hanno scoperto che il THC farmaceutico (con o senza CBD) ha migliorato i sintomi dell’ansia tra soggetti con altre condizioni mediche (sette studi su 252 persone), sebbene ciò possa essere stato dovuto a miglioramenti delle condizioni mediche primarie.

Il THC farmaceutico (con o senza CBD) ha peggiorato i sintomi negativi della psicosi (uno studio, 24 persone) e non ha influenzato in modo significativo altri esiti primari per i disturbi di salute mentale esaminati. Ha inoltre rilevato un maggior numero di persone che hanno avuto eventi avversi (dieci studi; 1.495 persone) e prelievi a causa di eventi avversi (11 studi; 1.621 persone) rispetto al placebo in tutti i disturbi della salute mentale esaminati.

Il professor Degenhardt afferma: “I cannabinoidi sono spesso raccomandati come trattamento per varie condizioni di salute mentale. I paesi che consentono l’uso di cannabinoidi medicinali vedranno probabilmente un aumento della richiesta di tale uso. I medici e i consumatori devono essere consapevoli della bassa qualità e quantità di prove per l’efficacia dei cannabinoidi medicinali nel trattamento dei disturbi della salute mentale e del potenziale rischio di eventi avversi. Dato il probabile interesse, ma scarse prove per guidare le decisioni dei pazienti e dei medici riguardo ai cannabinoidi per la salute mentale, è urgente la necessità di studi randomizzati e controllati per chiarire se ci sono benefici dei cannabinoidi in queste indicazioni.”

 

 

Articolo precedenteIn arrivo l’auto elettrica di Lexus: LF-30 Electrified
Articolo successivoRivelata la struttura interna del supervulcano flegreo
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui