Coronavirus e ACE inibitori: una dichiarazione congiunta di AHA, ACC e HFSA

Con l’aumento dell’impatto globale di COVID-19, la comunità scientifica continua a valutare l’impatto clinico e le esigenze di assistenza sanitaria dei pazienti con malattie cardiovascolari, che sono a maggior rischio di gravi complicanze. Insieme, l’American Heart Association (AHA), la Heart Failure Society of America (HFSA) e l’American College of Cardiology (ACC) hanno pubblicato ieri congiuntamente questa nuova dichiarazione, “HFSA/ACC/AHA statement addresses concerns re: using RAAS antagonists in COVID-19”, per dissipare la disinformazione circolante sull’uso di ACE-i e farmaci ARB tra i pazienti con COVID-19.

Coronavirus: gli inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina e i bloccanti del recettore dell’angiotensina

L’AHA, l’HFSA e l’ACC raccomandano la continuazione dei farmaci inibitori dell’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE-i) o dei bloccanti del recettore dell’angiotensina (ARB) per tutti i pazienti già in trattamento per indicazioni come insufficienza cardiaca, ipertensione o cardiopatia ischemica. I pazienti con malattie cardiovascolari a cui è stata diagnosticata la COVID-19 devono essere valutati complessivamente prima di aggiungere o rimuovere qualsiasi trattamento. Qualsiasi modifica al loro trattamento dovrebbe essere basata sulle ultime prove scientifiche e sulle decisioni condivise con il proprio medico e il team sanitario.

“Comprendiamo la preoccupazione – poiché è diventato chiaro che le persone con malattie cardiovascolari hanno un rischio molto più elevato di gravi complicanze, tra cui la morte per COVID-19. Tuttavia, abbiamo esaminato le ultime ricerche: le prove non confermano la necessità di interrompere ACE-i o ARB e raccomandiamo vivamente a tutti i medici di considerare le esigenze individuali di ciascun paziente prima di apportare modifiche ai regimi di trattamento con ACE-i o ARB”, ha dichiarato Robert A. Harrington, presidente dell’American Heart Association.

Coronavirus: i pazienti con malattie cardiovascolari

“Mentre i sintomi primari di COVID-19 includono sintomi respiratori, le ultime evidenza scientifiche dimostrano che alcuni pazienti con COVID-19 possono avere anche gravi danni cardiovascolari. Dobbiamo assicurarci di valutare e trattare completamente i pazienti con malattie cardiovascolari”, ha continuato Biykem Bozkurt, presidente dell’HFSA.

“Il nostro più alto livello di assistenza per i pazienti con malattie cardiovascolari, con diagnosi di COVID-19, è la nostra priorità assoluta, ma non ci sono dati sperimentali o clinici che dimostrino esiti benefici o avversi tra i pazienti COVID-19 che usano ACE-i o ARB. Sollecitiamo ulteriori ricerche urgenti che possono guidarci verso un’assistenza ottimale per milioni di persone in tutto il mondo con malattie cardiovascolari e che possono contrarre COVID-19. Queste raccomandazioni saranno adattate in base alle necessità per corrispondere alle ultime ricerche”, ha concluso Richard J. Kovacs, presidente dell’American College of Cardiology.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sedici − dieci =