Immagine del coronavirus

Coronavirus a Hong Kong: buon controllo dell’epidemia, pur con misure di controllo meno drastiche

Hong Kong sembra aver evitato un grave focolaio di COVID-19 fino al 31 marzo 2020, adottando misure di controllo molto meno drastiche rispetto alla maggior parte degli altri paesi, con una combinazione di restrizioni all’ingresso alle frontiere, quarantena e isolamento di casi e contatti, insieme ad alcune misure di distanziamento sociale. È quanto prospetta un recente studio osservazionale, pubblicato sulla rivista The Lancet Public Health.

Lo studio stima che la velocità con cui viene trasmesso il virus – noto come il numero di riproduzione di base, o il numero medio di persone che ogni individuo con il virus è suscettibile di infettare in un determinato momento – è rimasta a circa 1 nelle 8 settimane dall’inizio di febbraio, dopo che, dalla fine di gennaio in poi, sono state attuate le misure di sanità pubblica, il che indica che l’epidemia di Hong Kong è stabile.

Il coronavirus a Hong Kong

Al 31 marzo 2020, Hong Kong aveva 715 casi confermati di COVID-19, tra cui 94 infezioni asintomatiche e 4 decessi in una popolazione di circa 7,5 milioni.

I ricercatori affermano che le misure di sanità pubblica messe in atto per reprimere la trasmissione locale a Hong Kong sono probabilmente realizzabili in molte altre località in tutto il mondo e potrebbero essere implementate in altri paesi con risorse sufficienti. Tuttavia, avvertono che, poiché sono state utilizzate varie misure contemporaneamente, non è possibile valutare gli effetti individuali di ciascuna.

“Con l’implementazione rapida di misure di sanità pubblica, Hong Kong ha dimostrato che la trasmissione di COVID-19 può essere efficacemente contenuta senza ricorrere al blocco completo altamente dirompente adottato dalla Cina, dagli Stati Uniti e dai paesi dell’Europa occidentale”, afferma il professor Benjamin Cowling dell’Università di Hong Kong che ha guidato la ricerca. “Altri governi possono imparare dal successo di Hong Kong. Se queste misure e le risposte della popolazione possono essere sostenute, evitando al contempo l’affaticamento della popolazione generale, potrebbero sostanzialmente ridurre l’impatto di un’epidemia locale di COVID-19″.

Le misure di controllo attuate a Hong Kong

Le misure di controllo attuate a Hong Kong alla fine di gennaio includevano un’intensa sorveglianza delle infezioni, non solo per i viaggiatori in arrivo, ma anche nella comunità locale, con circa 400 pazienti ambulatoriali e 600 pazienti ricoverati ogni giorno all’inizio di marzo.

Sono stati inoltre compiuti notevoli sforzi per rintracciare e mettere in quarantena tutti i contatti di una persona infetta nei due giorni prima dell’inizio dei sintomi. Campi di vacanze e complessi residenziali di nuova costruzione sono stati riutilizzati come strutture di quarantena. Inoltre, chiunque attraversasse il confine dalla Cina continentale, così come i viaggiatori provenienti da paesi infetti, dovevano sottoporsi a 14 giorni di quarantena a casa o in strutture designate. Il governo ha inoltre messo in atto misure per incoraggiare l’allontanamento sociale, compresi accordi di lavoro flessibili e chiusure scolastiche, e molti eventi su larga scala sono stati cancellati.

Il coronavirus a Hong Kong: lo studio

Nello studio, i ricercatori hanno analizzato i dati sui casi di COVID-19 confermati in laboratorio a Hong Kong tra la fine di gennaio e il 31 marzo 2020, per stimare il numero effettivo di riproduzione dell’infezione giornaliero (Rt) e le variazioni della trasmissibilità nel tempo. Per esaminare se le misure di controllo sono state associate alla riduzione della trasmissione silenziosa di COVID-19 (vale a dire, la trasmissione nella comunità da persone mai diagnosticate), i ricercatori hanno analizzato anche i dati di sorveglianza sull’influenza nei pazienti ambulatoriali di tutte le età e i ricoveri per influenza nei bambini, come proxy per cambiamenti nella trasmissione di COVID-19 — ipotizzando una modalità e un’efficienza di diffusione simili tra influenza e COVID-19.

I ricercatori hanno anche condotto tre sondaggi telefonici trasversali tra la popolazione generale adulta (di età pari o superiore a 18 anni) di Hong Kong per valutare gli atteggiamenti nei confronti di COVID-19 e i cambiamenti nei comportamenti il ​​20-23 gennaio (1.008 intervistati), 11-14 febbraio (1.000) e 10–13 marzo (1.005).

Il cambiamento dei comportamenti individuali

Ulteriori analisi suggeriscono che in risposta a COVID-19 i comportamenti individuali nella popolazione di Hong Kong sono cambiati. Nel sondaggio più recente (marzo), l’85% degli intervistati ha riferito di evitare luoghi affollati e il 99% ha riferito di indossare mascherine facciali quando è uscito di casa, rispetto al 75% e al ​​61% del primo sondaggio di gennaio. Ciò si confronta con l’uso di maschere per il viso, riferito, di circa il 79% in sondaggi simili durante l’epidemia di SARS nel 2003 e del 10% durante la pandemia di influenza A (H1N1) nel 2009. I ricercatori interpretano questi cambiamenti nel comportamento come indice del livello di preoccupazione della popolazione riguardo a COVID- 19.

Mentre i casi COVID-19 non collegati, senza alcuna fonte di infezione identificata, sono stati rilevati in numero crescente dall’inizio di marzo, l’Rt rimane intorno a 1. Gli aumenti in questi casi potrebbero essere il risultato di infezioni importate, evidenziando l’importanza delle misure di controllo delle frontiere, compreso un attento monitoraggio dei viaggiatori in arrivo, sebbene queste misure siano sempre più difficili da attuare con l’aumentare del numero dei casi.

Le analisi suggeriscono che la trasmissione dell’influenza è diminuita in modo sostanziale dopo l’attuazione delle misure di allontanamento fisico e cambiamenti nei comportamenti della popolazione alla fine di gennaio, con una riduzione del 44% del tasso di trasmissione dell’influenza a febbraio, da una Rt media stimata di 1,28 nelle due settimane prima dell’inizio delle chiusure scolastiche a 0,72 durante le settimane di chiusura. Ciò è molto maggiore della riduzione del 10-15% nella trasmissione dell’influenza associata alla chiusura delle scuole durante la pandemia di influenza del 2009 (H1N1) e del calo del 16% nella trasmissione dell’influenza B durante l’inverno 2017-18 a Hong Kong.

Il declino dell’attività influenzale

Allo stesso modo, è stato osservato un calo del 33% della trasmissibilità all’influenza in base ai tassi di ospedalizzazione per questa malattia tra i bambini, da una Rt medio di 1,10 prima dell’inizio delle chiusure scolastiche a 0,73 successivo a queste chiusure.

“La velocità di declino dell’attività influenzale nel 2020 è stata più rapida rispetto agli anni precedenti, quando sono state implementate solo le chiusure delle scuole, suggerendo che altre misure di allontanamento sociale e comportamenti di evitamento hanno avuto un notevole impatto aggiuntivo sulla trasmissione dell’influenza”, afferma il co-autore Dr Peng Wu dell’Università di Hong Kong. “Poiché sia ​​l’influenza che il COVID-19 sono agenti patogeni respiratori direttamente trasmissibili con simili dinamiche di diffusione virale, è probabile che queste misure di controllo abbiano ridotto la trasmissione di COVID-19 anche nella comunità.”

Aggiunge: “Essendo uno degli epicentri più colpiti durante l’epidemia di SARS nel 2003, Hong Kong è meglio equipaggiata per combattere un focolaio di COVID-19 rispetto a molti altri paesi. Test e capacità ospedaliere migliorati per gestire nuovi agenti patogeni respiratori e una popolazione acutamente consapevole della necessità di migliorare l’igiene personale e mantenere le distanze fisiche, li mettono in buona posizione”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciassette + cinque =