Home Covid-19 Coronavirus: i disturbi psichiatrici durante e dopo la malattia

Coronavirus: i disturbi psichiatrici durante e dopo la malattia

312
0

Secondo la prima revisione sistematica e meta-analisi che esamina le conseguenze psichiatriche delle infezioni da coronavirus, la maggior parte delle persone ricoverate in ospedale con COVID-19 grave dovrebbero riprendersi senza soffrire malattie mentali. Questo a condizione che l’infezione da SARS-CoV-2 segue un corso simile a quello delle epidemie di coronavirus della sindrome respiratoria acuta grave (SARS) del 2002 e della sindrome respiratoria del Medio Oriente (MERS) del 2012.

La ricerca, che ha valutato oltre 3.550 pazienti ricoverati in ospedale con SARS, MERS e COVID-19, è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet Psychiatry.

adv

Nondimeno, i risultati suggeriscono che il delirio, uno stato mentale caratterizzato da cambiamenti nella coscienza, disturbi comportamentali e talvolta allucinazioni, può essere comune nei pazienti ospedalizzati nelle fasi acute di queste tre malattie.

Coronavirus: i disturbi psichiatrici nei casi gravi

Lo studio esamina i casi gravi in ​​cui gli individui sono stati trattati in ospedale e non si applica ai casi più lievi o ai casi asintomatici.

A lungo termine, l’analisi suggerisce che i sopravvissuti alla SARS e alla MERS possono essere a rischio di malattie mentali come depressione, ansia, affaticamento e disturbo post traumatico da stress (PTSD), che si sviluppano nei mesi e negli anni successivi alla dimissione dall’ospedale. Sebbene non vi siano dati disponibili su queste diagnosi nei pazienti COVID-19, gli autori affermano che la comunità medica dovrebbe essere consapevole del potenziale per lo sviluppo di questi problemi mentali a seguito della pandemia.

Gli autori avvertono che la maggior parte (68/72) degli studi inclusi nell’analisi erano di bassa o media qualità e riguardavano principalmente dati su pazienti con SARS e MERS trattati in ospedale. Per questo, i veri effetti sulla salute mentale dell’infezione da COVID-19 non può essere prevista con precisione e richiederà ulteriori ricerche.

“La nostra analisi di oltre 3.550 casi di coronavirus suggerisce che la maggior parte delle persone non soffrirà di problemi di salute mentale a seguito dell’infezione da coronavirus”, afferma Jonathan Rogers dell’University College di Londra, Regno Unito, che ha co-condotto la ricerca. “Mentre ci sono poche prove che suggeriscono che le malattie mentali comuni oltre il delirio a breve termine sono una caratteristica dell’infezione COVID-19, i medici dovrebbero monitorare la possibilità che insorgano disturbi mentali comuni come depressione, ansia, affaticamento e PTSD settimane e mesi dopo il recupero da una grave infezione, come è stato visto con SARS e MERS.”

Coronavirus e disturbi psichiatrici: effetti diretti e indiretti

Esistono diversi motivi per cui le gravi infezioni da coronavirus possono avere conseguenze psichiatriche, inclusi i possibili effetti diretti dell’infezione virale, ad esempio sul sistema nervoso centrale, il grado di compromissione fisiologica legata all’ipossiemia, la risposta immunitaria e gli interventi medici.

Altre ragioni riguardano il più ampio impatto sociale, incluso l’isolamento sociale, l’impatto psicologico di una nuova malattia grave e potenzialmente fatale, le preoccupazioni sull’infezione degli altri e lo stigma.

Sebbene la pandemia di COVID-19 abbia colpito una grande parte della popolazione mondiale, si sa relativamente poco sui suoi potenziali effetti sulla salute mentale.

Gli autori del nuovo studio hanno condotto una revisione sistematica e una meta-analisi di tutti gli studi e articoli di prestampa, riportando dati sulle caratteristiche psichiatriche e neuropsichiatriche di soggetti con sospetta infezione da coronavirus o confermata in laboratorio (SARS, MERS o SARS-CoV-2).

In totale, sono stati inclusi nelle analisi 65 studi peer-reviewed fino al 18 marzo 2020 e sette in fase di stampa tra il 1 ° gennaio e il 10 aprile 2020.

Coronavirus e disturbi psichiatrici: confusione mentale, delirio e disturbi della memoria

L’analisi dei dati di due studi che hanno valutato sistematicamente i sintomi comuni dei pazienti ricoverati in ospedale con SARS e MERS ha rilevato che si è verificata confusione mentale nel 28% (36/129) dei pazienti, suggerendo che il delirio era comune durante la malattia acuta. Sono stati inoltre segnalati frequentemente durante fase acuta un basso tono dell’umore (42/129; 33%), ansia (46/129; 36%), disturbi della memoria (44/129; 34%) e insonnia (34/208; 12%).

Dodici studi incentrati su COVID-19 sembravano mostrare un quadro simile, con evidenza di delirio (confusione in 26/40 pazienti in terapia intensiva, 65%; agitazione in 40/58 pazienti in terapia intensiva, 69%; e alterazione della coscienza in 17/82 pazienti che successivamente morirono, 21%) mentre erano gravemente malati.

Sei studi che hanno esaminato i pazienti con SARS e MERS dopo il recupero dall’infezione iniziale hanno trovato frequenti segnalazioni di umore basso (35/332 pazienti, 11%), insonnia (34/208, 12%), ansia (21/171, 12%), irritabilità (28/218, 13%), compromissione della memoria (44/233, 19%), affaticamento (61/316, 19%) e richiamo frequente di ricordi traumatici (55/181, 30%) in un periodo di follow-up che va da 6 settimane a 39 mesi.

I ricercatori stimano che la prevalenza di PTSD tra i sopravvissuti alla SARS e alla MERS era del 33% a una media di 34 mesi dopo lo stadio acuto della malattia (121/402 casi in quattro studi), mentre i tassi di depressione e disturbi d’ansia erano circa del 15% a una media di 23 mesi (77/517 casi da cinque studi) e un anno (42/284 casi da tre studi) dopo la fase acuta, rispettivamente.

Coronavirus: disturbi psichiatrici sopravvalutati?

“È probabile che i tassi apparentemente elevati di disturbi d’ansia, depressione e PTSD osservati nei pazienti con SARS e MERS sopravvalutino l’onere effettivo”, afferma il co-conduttore dottor Edward Chesney del King’s College di Londra, Regno Unito. “La mancanza di adeguati gruppi di confronto o di valutazione della precedente storia psichiatrica dei pazienti significa che è difficile separare gli effetti delle infezioni da coronavirus da condizioni preesistenti, l’impatto di un’epidemia sulla popolazione nel suo insieme o la propensione alla selezione (la possibilità che i pazienti siano stati reclutati in studi sulla base di fattori associati al successivo sviluppo di malattie psichiatriche) ha portato a valori di prevalenza elevati.”

Coronavirus e disturbi psichiatrici: il commento editoriale

Scrivendo in un commento collegato, l’autore principale Dr Iris Sommer del University Medical Center Groningen nei Paesi Bassi, afferma: “I risultati di precedenti focolai di coronavirus sono utili, ma potrebbero non essere precisi predittori di prevalenze di complicanze psichiatriche per i pazienti con COVID-19. L’avvertimento di Rogers e colleghi che dovremmo prepararci a trattare un gran numero di pazienti con COVID-19 che continuano a sviluppare delirio, disturbo post-traumatico da stress, ansia e depressione è un messaggio importante per la comunità psichiatrica “.

Continua spiegando: “Il trattamento dei pazienti ricoverati in ospedale per infezione da SARS-CoV-2 sembra essere diverso dal trattamento di quelli ammessi per le infezioni da SARS-CoV e MERS-CoV. Inoltre, la situazione sociale alla quale ritornano i sopravvissuti di COVID-19 è completamente diversa da quella dei sopravvissuti alla SARS e al MERS. Queste differenze sono rilevanti per la prevalenza di disturbi psichiatrici sia nelle fasi acute che post-malattia.”

 

 

Articolo precedenteGli anticoagulanti diretti causano meno fratture osteoporotiche del warfarin
Articolo successivoCoronavirus: con il machine learning individuati tre biomarcatori che predicono la mortalità
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui