Farmaci antiepilettici durante la gravidanza: il bambino rischia disturbi dello sviluppo neurologico

Secondo uno studio pubblicato su Scientific Reports, i bambini nati da madri che hanno assunto il farmaco antiepilettico sodio valproato durante la gravidanza possono avere un rischio da quattro a cinque volte maggiore di sviluppare disturbi dello sviluppo neurologico nella prima infanzia.

A cinquanta dei 991 bambini francesi (5%) esposti al valproato di sodio sono stati diagnosticati disturbi dello sviluppo neurologico nei primi cinque anni, rispetto ai 15.270 dei 1.710.441 bambini (0,89%) non esposti a farmaci antiepilettici.

L’incidenza dei disturbi dello sviluppo neurologico

Rosemary Dray-Spira e colleghi hanno studiato l’incidenza dei disturbi dello sviluppo neurologico nei bambini piccoli utilizzando cartelle cliniche anonime di 1.721.990 bambini nati in Francia tra gennaio 2011 e dicembre 2014. 11.549 madri erano state trattate con uno dei numerosi farmaci antiepilettici comuni durante la gravidanza e 15.458 (0,9 %) i bambini sono stati identificati come affetti da disturbi dello sviluppo neurologico entro la fine del 2016.

Complessivamente, i bambini esposti al valproato di sodio prima della nascita avevano un rischio maggiore di sviluppare disturbi dello sviluppo neurologico durante l’infanzia rispetto a quelli non esposti a farmaci antiepilettici, inclusa una probabilità di disabilità, una probabilità 4,7 volte maggiore di disturbi del linguaggio, dell’apprendimento e motori e un rischio 4,6 volte maggiore di disturbi dello spettro autistico. Non è stato osservato un aumento del rischio nei bambini esposti al valproato di sodio solo durante il primo trimestre e il rischio era inferiore tra i bambini esposti a dosi inferiori del farmaco rispetto a quelli esposti a dosi più elevate.

Lamotrigina, carbamazepina e pregabalin

I bambini nati da madri trattate con i farmaci antiepilettici lamotrigina, carbamazepina e pregabalin erano 1,6 volte, 1,9 volte e 1,5 volte più a rischio di sviluppare disturbi dello sviluppo neurologico, rispettivamente. Nessun aumento del rischio di disturbi dello sviluppo neurologico è stato osservato nei bambini nati da madri trattate con i farmaci antiepilettici clonazepam, gabapentin, levetiracetam o oxcarbazepina.

I risultati indicano che l’esposizione al valproato di sodio, soprattutto dopo il primo trimestre di gravidanza, può essere associata a un aumentato rischio di disturbi dello sviluppo neurologico nella prima infanzia. Secondo gli autori, il rischio di disturbi dello sviluppo neurologico associati all’esposizione ad altri farmaci antiepilettici sembra essere molto più basso.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

3 × quattro =