La mortalità per malattie cardiovascolari è in costante aumento

Il numero di persone che muoiono di malattie cardiovascolari è in costante aumento, incluso un terzo di tutti i decessi a livello globale nel 2019. È quanto mette in luce un recente studio, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology, che ha esaminato l’entità totale del carico di malattie cardiovascolari e le tendenze a 30 anni in tutto il mondo. I dati riflettono un’urgente necessità per i paesi di stabilire programmi di salute pubblica convenienti, volti a ridurre il rischio cardiovascolare attraverso comportamenti modificabili.

Il Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study 2019

Le malattie cardiovascolari, in particolare la cardiopatia ischemica e l’ictus, sono la principale causa di morte in tutto il mondo e un enorme contributo alla disabilità e all’aumento dei costi sanitari. Il Global Burden of Diseases, Injuries, and Risk Factors Study 2019, da cui questo documento utilizza i dati, è una collaborazione multinazionale che stima il carico di malattie globale, regionale e nazionale come parte di uno sforzo continuo per fornire stime coerenti e comparabili della salute dal 1990 -2019. Utilizza tutte le fonti di dati disponibili a livello di popolazione su incidenza, prevalenza, mortalità e rischi per la salute per stimare le misure di salute della popolazione per 204 paesi e territori.

In questo nuovo articolo, gli autori esaminano l’impatto specifico delle malattie cardiovascolari all’interno dello studio Global Burden of Diseases per esaminare la misura in cui la crescita della popolazione, l’invecchiamento e i fattori di rischio cardiovascolare spiegano le tendenze osservate nelle malattie cardiovascolari, le differenze di sesso e i modelli regionali, nonché come l’epidemiologia della malattia si sta evolvendo.

Implicazioni significative per la pratica clinica

“I modelli globali di malattie cardiovascolari hanno implicazioni significative per la pratica clinica e lo sviluppo delle politiche di salute pubblica. È probabile che i casi prevalenti di malattie cardiovascolari aumentino notevolmente a causa della crescita e dell’invecchiamento della popolazione, specialmente in Nord Africa e Asia occidentale, Asia centrale e meridionale, America Latina e Caraibi e Asia orientale e sud-orientale, dove la quota di persone anziane dovrebbe raddoppiare tra il 2019 e il 2050. È necessaria una maggiore attenzione alla promozione di una salute cardiovascolare ideale e di un invecchiamento sano per tutto l’arco della vita. Altrettanto importante, è giunto il momento di attuare strategie fattibili e convenienti per la prevenzione e il controllo delle malattie cardiovascolari e per monitorare i risultati”.

Ha affermato Gregory A. Roth, autore principale dell’articolo, professore associato nella divisione di cardiologia presso l’Institute for Health Metrics and Evaluation presso la University of Washington School of Medicine.

Il documento include 13 cause alla base della morte cardiovascolare e nove fattori di rischio correlati. Per ciascuna causa e fattore di rischio, gli autori hanno identificato quali regioni e paesi hanno i casi prevalenti più alti e più bassi e il numero di decessi. Inoltre, sono presentate misure riepilogative che includono il numero di anni di vita persi (YLL), il numero di anni vissuti con disabilità (YLDs) e l’importo e le tendenze temporali degli anni di vita aggiustati per la disabilità (DALY). Il documento affronta anche il modo in cui le misure di sintesi di ciascuna malattia cardiovascolare, e il rischio evidenziato, possono fornire informazioni per guidare gli investimenti nella ricerca cardiovascolare, le loro implicazioni per la pratica clinica e i suggerimenti per lo sviluppo del sistema sanitario e la politica nazionale e regionale.

I casi prevalenti di malattie cardiovascolari sono quasi raddoppiati

I risultati evidenziati nel documento hanno mostrato come i casi prevalenti di malattie cardiovascolari totali sono quasi raddoppiati da 271 milioni nel 1990 a 523 milioni nel 2019, mentre il numero di morti per malattie cardiovascolari è aumentato costantemente da 12,1 milioni nel 1990 a 18,6 milioni nel 2019. Nel 2019, la maggior parte delle morti per malattie cardiovascolari a livello globale sono state la cardiopatia ischemica e l’ictus, in modo sempre più costante dal 1990. Anche le tendenze globali per DALY e YLL sono aumentate in modo significativo mentre le YLD sono raddoppiate da 17,7 nel 1990 a 34,4 milioni nel 2019.

Nel 2019, le malattie cardiovascolari sono sate la causa alla base di 9,6 milioni di decessi tra uomini e 8,9 milioni di decessi tra donne, circa un terzo di tutti i decessi a livello globale. Oltre 6 milioni di questi decessi si sono verificati in persone di età compresa tra 30 e 70 anni. Il maggior numero di decessi per malattie cardiovascolari si è verificato in Cina, seguita da India, Russia, Stati Uniti e Indonesia.

A livello di paese, i tassi di mortalità standardizzati per età per malattie cardiovascolari sono stati i più bassi in Francia, Perù e Giappone, dove i tassi erano sei volte inferiori nel 2019 rispetto al 1990.

Gli autori del documento notano che dal 1990 al 2019, tassi di morte standardizzati per età, DALY e YLL insieme a piccole riduzioni incrementali dei tassi standardizzati per età per i casi prevalenti e gli YLD suggeriscono che la crescita della popolazione e l’invecchiamento contribuiscono in misura determinante all’aumento delle malattie cardiovascolari.

Il documento discute anche le sfide nella prevenzione e nel trattamento delle malattie cardiovascolari e dei rischi a livello globale.

Nel mezzo della pandemia di COVID-19

“Rimane un grande divario tra ciò che sappiamo sulle malattie cardiovascolari e fattori di rischio e ciò che facciamo nella loro prevenzione, trattamento e controllo in tutto il mondo.

Lo studio Global Burden of Diseases continua ad essere una piattaforma che consente il monitoraggio e il benchmarking dei progressi nella riduzione delle malattie cardiovascolari e il carico del fattore di rischio. Tuttavia, è necessaria una rinnovata attenzione ora su strategie di implementazione convenienti, ampiamente disponibili e comprovate per la prevenzione, il trattamento e il controllo delle malattie cardiovascolari e fattori di rischio e la promozione della salute cardiovascolare ideale a partire dall’infanzia”.

ha affermato George A. Mensah, co-autore principale dell’articolo e direttore del Center for Translation Research and Implementation Science presso il National Heart, Lung, and Blood Institute, parte del National Institutes of Health.

Nel mezzo dell’attuale pandemia di COVID-19, esistono alti tassi di mortalità in eccesso e secondo il documento, gran parte di questo carico aggiuntivo di malattia potrebbe essere legato a una malattia cardiovascolare, a causa degli effetti sia dell’infezione virale che dei cambiamenti nella fornitura di assistenza sanitaria. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche in questo settore.

“C’è una pressante necessità di concentrarsi sull’attuazione degli interventi e delle politiche sanitarie efficaci in termini di costi se il mondo vuole raggiungere gli obiettivi per l’obiettivo del Sustainable Development Goal 3 e raggiungere almeno una riduzione del 30% della mortalità prematura dovuta a malattie non trasmissibili entro il 2030.

Di fronte a una pandemia virale globale, dobbiamo ancora sottolineare gli impegni globali per ridurre la sofferenza e la morte prematura causata dalle malattie cardiovascolari, che limita lo sviluppo sano e sostenibile per ogni paese del mondo”.

Ha detto Valentin Fuster, autore senior dell’articolo, direttore del Mount Sinai Heart e medico capo del Mount Sinai Hospital.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 4 =