COVID-19: meglio una o due dosi di vaccino?

Una serie di tre articoli suggerisce che una singola dose di vaccino, anche se meno efficace di due dosi, può avere un maggiore beneficio per la popolazione generale.

Questi tre studi, pubblicati nei giorni scorsi sulla rivista Annals of Internal Medicine, discutono la strategia di vaccinazione più efficace per ottenere il massimo impatto contro la pandemia di COVID-19. Gli articoli sono accompagnati da un editoriale di Thomas J. Bollyky, JD, Direttore del Global Health Program, Council on Foreign Relations.

Meglio un vaccino veloce o un vaccino più efficace?

Nel primo di questi studi, i ricercatori della Yale School of Public Health hanno utilizzato un modello precedentemente pubblicato di un programma di vaccinazione COVID-19 per quantificare il compromesso tra velocità ed efficacia della distribuzione della vaccinazione. Il modello ha tenuto conto della trasmissione della sindrome respiratoria acuta grave coronavirus 2 (SARS-CoV-2), della gravità della malattia COVID-19 e del recupero o della vaccinazione che porta all’immunità protettiva.

Secondo l’analisi degli autori, una strategia di vaccinazione a due dosi imporrebbe costi clinici ed epidemiologici elevati nel contesto della risposta pandemica in corso. A seconda della durata della protezione conferita, un vaccino monodose con un’efficacia del 55% può conferire alla popolazione un beneficio maggiore rispetto a un vaccino con un’efficacia del 95% che richiede due dosi.

Strategie di vaccinazione per massimizzare i risultati

Nel secondo studio, gli autori dell’Università di Washington e il Fred Hutchinson Cancer Research Center suggeriscono che la velocità è essenziale per controllare la pandemia COVID-19 e offrono quattro motivazioni a sostegno della loro conclusione. In primo luogo, osservano che raddoppiare la copertura del vaccino con una singola dose, rispetto a un regime a due dosi, accelererà il controllo della pandemia, perché anche la mancanza di protezione completa a livello individuale può ridurre i tassi di trasmissione, tanto da fermare la crescita dell’epidemia. Inoltre, sostengono che fornire una protezione efficace a quante più persone possibile è più etico, perché distribuisce una merce scarsa in modo più giusto.

In terzo luogo, osservano che un approccio vaccinale monodose potrebbe mitigare la maggiore incidenza di molti eventi avversi associati al vaccino osservati con la seconda dose. Infine, la somministrazione di un vaccino che è solo parzialmente protettivo può ridurre comportamenti rischiosi come togliersi le maschere o eliminare le distanze sociali.

Strategie alternative di allocazione della dose

Nel terzo studio, i ricercatori della Stanford University hanno sviluppato un modello di coorte analitico decisionale, per stimare i benefici diretti della vaccinazione contro il COVID-19, secondo strategie alternative per l’allocazione della dose.

Per prima cosa, hanno analizzato una strategia fissa basata sull’attuale modello statunitense di due dosi, a distanza di circa un mese. In secondo luogo, hanno analizzato una strategia flessibile che riserverebbe il 10% della fornitura per le seconde dosi durante le prime 3 settimane, il 90% durante ciascuna delle 3 settimane successive e il 50% in seguito. Stimano che la strategia flessibile risulterebbe in un ulteriore 23% – 29% dei casi COVID-19 evitati rispetto alla strategia fissa. In entrambi gli scenari, 24 milioni di persone hanno ricevuto almeno una dose di vaccino entro la settimana 8. Nella strategia flessibile, altri 2,4 milioni di persone hanno ricevuto due dosi di vaccino, perché milioni di persone hanno ricevuto una dose iniziale durante le prime 3 settimane.

Secondo i ricercatori, questi risultati suggeriscono che vaccinare più persone il prima possibile, utilizzando un approccio flessibile, potrebbe aumentare i benefici dei vaccini consentendo alla maggior parte dei destinatari di ricevere le seconde dosi nei tempi previsti.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 + sette =