Chi fuma sia sigarette tradizionali sia elettroniche mantiene un elevato rischio cardiovascolare

Fumare sigarette tradizionali, oltre a utilizzare sigarette elettroniche, produce effetti nocivi sulla salute simili al fumo esclusivo di sigaretta. È quanto ha dimostrato una nuova ricerca, pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista Circulation.

Il fumo, un noto fattore di rischio per le malattie cardiovascolari, sembra essere in declino. Al tempo stesso però l’uso delle sigarette elettroniche, noto come svapo, è sempre più popolare. Finora però sono disponibili solo dati limitati sugli effetti della sigaretta elettronica sulla salute.

Infiammazione e stress ossidativo

In questo nuovo studio i ricercatori hanno analizzato i dati di oltre 7.100 adulti statunitensi di età pari o superiore a 18 anni, valutando l’associazione del fumo di sigaretta e dell’uso di sigarette elettroniche con i livelli di biomarcatori conosciuti per riflettere condizioni come infiammazione e stress ossidativo. L’infiammazione e lo stress ossidativo sono fattori di rischio chiave per le malattie cardiovascolari indotte dal fumo e i loro biomarcatori hanno già dimostrato in passato di essere predittori di eventi cardiovascolari, inclusi infarto e insufficienza cardiaca.

“Questo studio è tra i primi a utilizzare dati rappresentativi a livello nazionale che esamina l’associazione dei comportamenti di consumo di sigarette e sigarette elettroniche con biomarcatori di infiammazione e stress ossidativo”, ha affermato Andrew C. Boston University School of Public Health di Boston e primo autore dello studio. “Dato il lasso di tempo tra l’esposizione al tabacco e i sintomi della malattia e la diagnosi, identificare l’associazione tra l’uso di sigarette elettroniche e biomarcatori sensibili di lesioni cardiovascolari subcliniche è necessario per comprendere gli effetti a lungo termine dei prodotti del tabacco più recenti come le sigarette elettroniche”.

Sigarette tradizionali e sigarette elettroniche

I ricercatori hanno utilizzato i dati dello studio PATH (Population Assessment of Tobacco and Health), una coorte longitudinale rappresentativa a livello nazionale negli Stati Uniti. L’analisi di questo studio è stata limitata agli adulti di età pari o superiore a 18 anni alla prima ondata del sondaggio, che è stata somministrata dal 2013 al 2014 e ha compreso anche la raccolta di campioni di sangue e urina.

Sono stati analizzati quattro biomarcatori di infiammazione (hsPCR, interleuchina-6, fibrinogeno, molecola di adesione intercellulare solubile) e uno di stress ossidativo, l’8-isoprostano urinario, uno degli F2-isoprostani più studiati e il biomarcatore più comunemente utilizzato per la valutazione dello stress ossidativo negli studi sull’uomo.

I partecipanti sono stati suddivisi in quattro categorie in base all’uso di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche entro un periodo di 30 giorni: non uso di sigarette e sigarette elettroniche; svapo esclusivo; fumo di sigaretta esclusivo; e doppio uso di sigarette tradizionali e sigarette elettroniche. Per testare la robustezza dei risultati iniziali, gli scienziati hanno ripetuto le analisi in sottogruppi di intervistati, inclusi quelli che non avevano utilizzato altri prodotti del tabacco negli ultimi 30 giorni.

Livelli più alti di tutti i biomarcatori

Dei partecipanti allo studio, più della metà (58,6%) non ha utilizzato sigarette o sigarette elettroniche; quasi il 2% ha svapato esclusivamente; circa il 30% fumava esclusivamente sigarette; e circa il 10% utilizzava sigarette elettroniche e sigarette tradizionali.

I risultati dello studio hanno evidenziato come i partecipanti che avevano utilizzato la sola sigaretta elettronica presentavano un profilo di stress infiammatorio e ossidativo simile a quello delle persone che non fumavano sigarette di alcun tipo.

I partecipanti che fumavano esclusivamente sigarette tradizionali e quelli che usavano alternativamente sigarette tradizionali e sigarette elettroniche avevano livelli più alti di tutti i biomarcatori valutati, rispetto ai partecipanti che non usavano sigarette tradizionali o elettroniche.

Rispetto ai partecipanti che fumavano esclusivamente tabacco, quelli che utilizzavano esclusivamente la sigaretta elettronica avevano livelli significativamente più bassi di quasi tutti i biomarcatori di stress infiammatorio e ossidativo.

Tuttavia, i partecipanti che avevano utilizzato sia sigarette tradizionali sia elettroniche avevano livelli di tutti i biomarcatori di stress infiammatorio e ossidativo paragonabili a quelli che fumavano esclusivamente il tabacco.

Un’educazione pubblica continua sui rischi del fumo di sigaretta

“Questo studio si aggiunge al corpus limitato di ricerche che abbiamo sulle misure biologiche in coloro che usano le sigarette elettroniche”, ha detto la coautrice dello studio Rose Marie Robertson, ufficiale medico dell’American Heart Association e co-direttore del Centro per la scienza della regolamentazione del tabacco finanziato dalla National Institutes of Health/Food and Drug Administration, che ha sostenuto lo studio. “Credo che sia un messaggio importante per le persone che potrebbero credere che l’uso di sigarette elettroniche pur continuando a fumare alcune sigarette combustibili riduca il rischio. Questo modello di duplice uso non era associato a livelli inferiori di marker infiammatori, e quindi non è probabile che offra una riduzione del rischio in questa specifica area”.

I ricercatori hanno anche condotto analisi approfondite per testare i risultati contro l’influenza di comportamenti correlati come l’uso di altri prodotti del tabacco e della marijuana e l’esposizione al fumo passivo. I risultati sono rimasti coerenti nelle analisi aggiuntive.

L’ampio campione di popolazione di questo studio rende i risultati applicabili alla popolazione adulta degli Stati Uniti. Uno dei limiti dello studio è il suo approccio trasversale di guardare i dati sulla popolazione in un determinato momento, il che rende impossibile stabilire la causalità.

I ricercatori hanno affermato che lo studio evidenzia l’importanza di un’educazione pubblica continua sui rischi del fumo di sigaretta e il fallimento del duplice uso per ridurre il rischio.

“I risultati potrebbero essere utilizzati per avvisare i pazienti sul potenziale rischio di utilizzare sia le sigarette tradizionali che le elettroniche”, ha detto Stokes. “Alcune persone che fumano sigarette, utilizzano le sigarette elettroniche per ridurre la frequenza con cui fumano sigarette. Spesso diventano utenti doppi di entrambi i prodotti, piuttosto che passare completamente dall’uno all’altro. Se le sigarette elettroniche vengono utilizzate come mezzo per smettere di fumare, il fumo di sigaretta dovrebbe essere completamente sostituito e dovrebbe essere consigliato un piano per raggiungere la libertà da tutti i prodotti del tabacco”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 + diciotto =