Home Cardiologia Se si è obesi l’attività fisica non riduce il rischio cardiovascolare

Se si è obesi l’attività fisica non riduce il rischio cardiovascolare

14
0
Copyright ESA

L’attività fisica non annulla gli effetti negativi dell’eccesso di peso corporeo sulla salute del cuore. Questa è la conclusione di un ampio studio pubblicato recentemente sullo European Journal of Preventive Cardiology.

“Non si può essere grassi ma sani”, ha detto l’autore dello studio, il dott. Alejandro Lucia dell’Università europea di Madrid, in Spagna. “Questa è stata la prima analisi a livello nazionale a dimostrare che essere regolarmente attivi non è in grado di eliminare gli effetti nocivi sulla salute del grasso corporeo in eccesso”.

Ci sono alcune evidenze che la forma fisica potrebbe mitigare gli effetti negativi dell’eccesso di peso corporeo sulla salute del cuore. È stato suggerito che negli adulti e nei bambini essere “fat but fit” (grassi ma in forma) potrebbe essere associato a una salute cardiovascolare simile all’essere “thin but unfit” (magri ma fuori forma). Il dottor Lucia ha dichiarato: “Ciò ha portato a proposte controverse di politiche sanitarie per dare priorità all’attività fisica e al fitness al di sopra della perdita di peso. Il nostro studio ha cercato di chiarire i legami tra attività, peso corporeo e salute del cuore”.

La salute cardiovascolare

Lo studio ha utilizzato i dati di 527.662 adulti assicurati da una grande società di prevenzione dei rischi professionali in Spagna. L’età media dei partecipanti era di 42 anni e il 32% erano donne.

I partecipanti sono stati classificati come con peso normale (indice di massa corporea [BMI] 20,0–24,9 kg / m2), sovrappeso (BMI 25,0–29,9 kg / m2) o obesi (BMI 30,0 kg / m2 o superiore). Inoltre, sono stati raggruppati per livello di attività: 1) regolarmente attivi, definito come il minimo raccomandato per gli adulti dall’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS); 2) attività fisica insufficiente (alcune attività fisiche da moderate a intense ogni settimana ma inferiori al minimo dell’OMS); 3) inattivo (nessun esercizio). La salute cardiovascolare è stata determinata in base a tre principali fattori di rischio per infarto e ictus, vale a dire diabete, colesterolo alto e ipertensione.

Circa il 42% dei partecipanti era di peso normale, il 41% in sovrappeso e il 18% era obeso. La maggioranza era inattiva (63,5%), mentre il 12,3% non era sufficientemente attivo e il 24,2% era regolarmente attivo. Circa il 30% aveva il colesterolo alto, il 15% aveva la pressione alta e il 3% aveva il diabete.

Tutti dovrebbero essere fisicamente attivi

I ricercatori hanno studiato le associazioni tra ciascun BMI e gruppo di attività e i tre fattori di rischio. A tutti i livelli di BMI, qualsiasi attività (che soddisfacesse o meno il minimo dell’OMS) era collegata a una minore probabilità di diabete, ipertensione o colesterolo alto rispetto all’assenza di esercizio. Il dott. Lucia ha detto: “Questo ci dice che tutti, indipendentemente dal loro peso corporeo, dovrebbero essere fisicamente attivi per salvaguardare la loro salute”.

Per qualsiasi peso, le probabilità di diabete e ipertensione diminuivano con l’aumentare dell’attività fisica.

Tuttavia, i partecipanti in sovrappeso e obesi erano a maggior rischio cardiovascolare rispetto ai loro coetanei con peso normale, indipendentemente dai livelli di attività.

Ad esempio, rispetto agli individui inattivi di peso normale, le persone obese attive avevano circa il doppio delle probabilità di avere il colesterolo alto, quattro volte più probabilità di avere il diabete e cinque volte più probabilità di avere la pressione alta. Il dott. Lucia ha detto: “L’esercizio fisico non sembra compensare gli effetti negativi dell’eccesso di peso. Questo risultato è stato osservato anche in generale sia negli uomini che nelle donne quando sono stati analizzati separatamente “.

Ha concluso: “Combattere l’obesità e l’inattività è altrettanto importante; dovrebbe essere una battaglia comune. La perdita di peso dovrebbe rimanere un obiettivo primario per le politiche sanitarie insieme alla promozione di stili di vita attivi”.

 

 

Articolo precedenteNuovo Tarraco e-HYBRID: il SUV più potente di SEAT
Articolo successivoA Taiwan: tassi di mortalità per tutte le cause più bassi grazie alle misure anti-COVID
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

2 × 5 =