Immagine del coronavirus

COVID-19: in pochi pazienti persistono anticorpi ed è alto il numero di infezioni asintomatiche

Un nuovo studio condotto in Cina cerca di rispondere a una importante domanda: nei mesi successivi alla prima ondata di pandemia quanti pazienti avevano sviluppato anticorpi contro il virus SARS-CoV-2?

Questa ricerca di sieroprevalenza a lungo termine sui residenti di Wuhan, in Cina, ha così rilevato che solo il 6,9% delle persone residenti in città aveva anticorpi contro COVID-19 nell’aprile 2020.  Un dato ancor più sorprendente è però che il numero di persone che aveva avuto un’infezione asintomatica è stata ben l’82%.

I risultati di questo studio, che ha coinvolto oltre 9.000 persone, sono stati pubblicati sulla rivista The Lancet.

Gli autori affermano che la comprensione della sieroprevalenza e del modo in cui i livelli di anticorpi cambiano nel tempo a Wuhan contribuirà a fornire importanti informazioni su cui basare la loro strategia di vaccinazione. I loro risultati indicano che la vaccinazione di massa è necessaria per proteggere dalle future recidive del virus.

Alti tassi di infezione asintomatica

L’ultimo studio di sieroprevalenza di Wuhan si aggiunge ai precedenti studi di sieroprevalenza condotti a livello globale, compresi a Ginevra (Svizzera), Spagna, Stati Uniti, Islanda e Paesi Bassi, che hanno tentato di far luce sul vero tasso di infezione in una popolazione. Ciò è particolarmente importante poiché i tassi di infezione asintomatica sono incerti, con stime che vanno dal 6% al 96% a livello globale.

L’autore principale, il dottor Chen Wang, dell’Accademia cinese delle scienze mediche e dell’università medica di Pechino afferma: “Valutare la percentuale della popolazione che è stata infettata da SARS-CoV-2 e che è immune è della massima importanza per determinare strategie di prevenzione e controllo per ridurre la probabilità di una futura recrudescenza della pandemia. Dato che gli individui con infezioni lievi potrebbero non cercare cure mediche e che gli individui asintomatici non sono solitamente sottoposti a screening, potrebbero esserci grandi discrepanze tra i casi di COVID-19 segnalati e i casi effettivi, come è stato dimostrato dalle esperienze e dai dati di altri paesi.”

Continua: “Anche nell’epicentro della pandemia in Cina, con oltre 50.000 casi confermati all’8 aprile 2020, la sieroprevalenza stimata a Wuhan rimane bassa e circa il 40% delle persone con anticorpi ha sviluppato anticorpi neutralizzanti, suggerendo che ci sia ancora mancanza di immunità nella popolazione”.

I partecipanti allo studio hanno vissuto in tutti i 13 distretti di Wuhan. Tutti i membri delle famiglie sono stati invitati a partecipare. Nello studio sono state incluse tutte le età, ma sono state escluse le persone con malattie gravi, come cancro avanzato o malattie mentali gravi.

I partecipanti hanno completato un questionario di informazioni demografiche e sanitarie, incluso il fatto se erano stati precedentemente diagnosticati con COVID-19 o avevano avuto sintomi di COVID-19 dal 1° dicembre 2019. Sono stati prelevati campioni di sangue per verificare se gli anticorpi erano presenti a metà aprile 2020, metà giugno e tra ottobre e dicembre. Le infezioni sono state classificate come sintomatiche se un partecipante ha riferito di aver avuto febbre e/o sintomi respiratori ed è risultato positivo per gli anticorpi COVID-19. Lo studio ha incluso 9.542 persone di 3.556 famiglie.

Le donne avevano una sieroprevalenza più alta

I risultati dello studio hanno evidenziato come dei 9.542 partecipanti, 532 avevano anticorpi contro COVID-19. Quando aggiustato, questo dato corrispondeva a una sieroprevalenza del 6,9% nella popolazione di Wuhan.

Gli autori hanno scoperto che le donne avevano una sieroprevalenza più alta rispetto agli uomini, le persone di età pari o superiore a 66 anni avevano la sieroprevalenza più alta rispetto a qualsiasi altra fascia di età, gli operatori sanitari avevano una sieroprevalenza più alta rispetto ad altre occupazioni e le persone che avevano visitato l’ospedale negli ultimi cinque mesi avevano una sieroprevalenza più alta rispetto a quelli che non l’avevano visitato. L’82% dei 532 partecipanti positivi agli anticorpi erano rimasti asintomatici.

Gli autori dello studio notano che questa percentuale è molto più alta delle stime precedenti riportate in tutto il mondo, solitamente comprese tra il 40 e il 45%.

Gli autori cercano di spiegare questa discrepanza attribuendola ad errati ricordi, visto che i partecipanti hanno segnalato i propri sintomi cinque mesi dopo. aggiungono però che è improbabile che questo fatto possa far sovrastimare l’incidenza poiché a Wuhan sono state prese misure rigorose per identificare ogni caso e i residenti sono stati vigili nel registrare i loro sintomi durante l’epidemia.

Circa il 40% dei partecipanti è risultato positivo per gli anticorpi neutralizzanti – quelli che proteggono da infezioni future – nell’aprile 2020. La percentuale di persone che avevano anticorpi neutralizzanti è rimasta stabile per i due periodi di follow-up – con il 45% a giugno 2020 e il 41% a ottobre-dicembre 2020. Inoltre, osservando i livelli di anticorpi neutralizzanti nel sangue delle persone utilizzando i dati di 335 persone che hanno partecipato a tutti e tre gli esami del sangue, gli autori hanno scoperto che questi livelli non sono diminuiti in modo significativo nei nove mesi dello studio. Tuttavia, le persone che avevano avuto COVID-19 asintomatico avevano livelli inferiori rispetto alle persone che avevano una malattia COVID-19 confermata o sintomatica.

Anticorpi presenti per almeno 9 mesi

La coautrice, la dott.ssa Lili Ren, Institute of Pathogen Biology, Chinese Academy of Medical Sciences & Peking Union Medical College, afferma: “Si sa poco della durata delle risposte immunitarie contro SARS-CoV-2 per un lungo periodo. Nel nostro studio, abbiamo scoperto che la proporzione di partecipanti con anticorpi contro SARS-CoV-2 è stata mantenuta almeno per 9 mesi. È importante sottolineare che abbiamo scoperto che i titoli degli anticorpi neutralizzanti sono rimasti stabili per almeno nove mesi”.

Gli autori notano alcune limitazioni al loro studio, incluso il fatto che non possono confermare quando i partecipanti sono stati infettati e hanno prodotto anticorpi perché la maggior parte dei casi era asintomatica e non confermata dal test PCR all’inizio della loro infezione. Tuttavia, notano che ci sono stati pochissimi casi di COVID-19 segnalati a Wuhan tra metà marzo e aprile 2020, quindi si presume che l’infezione si sia verificata almeno 4 settimane prima del prelievo di campioni di sangue.

Il commento editoriale

Gli autori di un commento collegato, il professor Richard Strugnell e la dott.ssa Nancy Wang del Doherty Institute, in Australia, affermano che la stima della sieroprevalenza suggerisce che il numero di infezioni a Wuhan abbia probabilmente superato il numero di COVID-19 segnalati. Scrivono: “Se il tasso di sieroconversione è un riflesso accurato dell’esposizione a SARS-CoV-2, l’apparente disparità tra un basso numero di casi e un alto tasso di sieroconversione sembra suggerire che la maggior parte degli individui sieroconvertiti abbia prodotto anticorpi contro SARS-CoV-2 dopo un’infezione asintomatica”.

Notano inoltre che i risultati hanno fornito una comprensione molto più profonda della sieroconversione naturale in una città chiave nella pandemia e che i risultati sottolineano il successo nel controllo dell’epidemia di COVID-19 di Wuhan in un momento in cui le risorse di test, tracciamento e trattamento erano molto meno sviluppati: “Una gestione globale efficiente del COVID-19 probabilmente avrà successo o fallirà sulla base dell’immunità indotta dall’infezione naturale e, soprattutto, dalla vaccinazione. Data la relativa scarsità di anticorpi neutralizzanti attraverso l’infezione naturale, lo studio di He e colleghi rafforza la necessità di vaccini COVID-19 efficaci nel controllo della malattia a livello di popolazione. Le misure di controllo straordinarie, rapide ed efficaci implementate a Wuhan potrebbero aver limitato la diffusione del virus, ma anche ridotto l’immunità di gregge acquisita naturalmente, troncando lo sviluppo di anticorpi neutralizzanti sostenuti”.

Sebbene altri governi nazionali e locali abbiano utilizzato strategie alternative e solitamente meno efficaci per controllare la diffusione del COVID-19, anche nelle comunità altamente endemiche la prevalenza della malattia è solitamente troppo bassa per garantire un’immunità di gregge sufficiente a proteggere la popolazione. “Le scoperte dei ricercatori suggeriscono che l’immunità di gregge probabilmente non si svilupperà dopo la trasmissione naturale in ambienti in cui i meccanismi di controllo delle infezioni sono stati introdotti con successo, sottolineando l’importanza di strategie di vaccinazione efficaci per controllare la diffusione di COVID-19. Questo studio è una pietra miliare importante nella descrizione dell’infezione da SARS-CoV-2 e nella nostra comprensione dell’immunità nella pandemia”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18 − quattordici =