Home Igiene Sono molti i casi di tumori legati al consumo di alcol, anche...

Sono molti i casi di tumori legati al consumo di alcol, anche moderato

12
0

Secondo un nuovo studio, il 4% dei casi di cancro di nuova diagnosi nel 2020 potrebbero essere associati al consumo di alcol. In questa ricerca, pubblicata sulla rivista The Lancet Oncology, si stima che gli uomini rappresentino la maggioranza dei casi di cancro associati all’alcol (77%), rispetto alle donne (23%). I tumori dell’esofago, del fegato e della mammella hanno rappresentato le sedi maggiormente compite.

COVID-19 e screening oncologici

Sulla base dei dati degli anni precedenti, si stima che nel 2020 ci siano stati più di 6,3 milioni di casi di cancro della bocca, della faringe, della laringe, dell’esofago, del colon, del retto, del fegato e della mammella. Questi tumori hanno legami causali consolidati con il consumo di alcol e le stime delle associazioni dirette con l’alcol nel nuovo studio sono le prime del loro genere per il 2020.

Le interruzioni dell’assistenza sanitaria e dei servizi oncologici in tutto il mondo, a causa della pandemia di COVID-19, è probabile che abbia influito sui tassi di diagnosi e potrebbe aver portato a una sottovalutazione dei nuovi casi di cancro. Tuttavia, ciò non si rifletterebbe in questo studio poiché le stime per il 2020 si basavano sui dati registrati negli anni precedenti.

È stato dimostrato che il consumo di alcol causa danni al DNA attraverso l’aumento della produzione di sostanze chimiche nocive nel corpo e influisce sulla produzione di ormoni, che possono anch’essi contribuire allo sviluppo della malattia. L’alcol può anche rafforzare gli effetti cancerogeni di altre sostanze, come il tabacco.

“Abbiamo urgente bisogno di aumentare la consapevolezza sul legame tra consumo di alcol e rischio di cancro tra i responsabili politici e il pubblico in generale. Le strategie di salute pubblica, come la ridotta disponibilità di alcol, l’etichettatura dei prodotti alcolici con un avviso sulla salute e i divieti di commercializzazione potrebbero ridurre i tassi di cancro causato dall’alcol. Le politiche fiscali e dei prezzi che hanno portato a una diminuzione dell’assunzione di alcol in Europa, tra cui l’aumento delle accise e il prezzo unitario minimo, potrebbero essere attuate anche in altre regioni del mondo. Il contesto locale è essenziale per una politica di successo sul consumo di alcol e sarà fondamentale per ridurre i casi di cancro legati al consumo di alcol”, afferma Harriet Rumgay dell’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (IARC) francese.

Stimare il numero di tumori associati all’alcol

Nel nuovo studio, i ricercatori hanno stabilito i livelli di assunzione di alcol per persona, per paese, nel 2010. Vale a dire dieci anni prima dei dati ottenuti sui casi di cancro, per tenere conto del tempo necessario all’assunzione di alcol di influenzare il possibile sviluppo della malattia. Hanno quindi combinati questi dati con il numero di nuovi casi di tumore stimati nel 2020 per stimare il numero di tumori associati all’alcol in ciascun paese. Nell’analisi principale hanno dapprima considerato i tipi di cancro con la più forte evidenza di un nesso causale con l’alcol, successivamente tutti gli altri tumori, tranne il cancro della pelle non melanoma.

Gli autori hanno utilizzato stime per l’assunzione di alcol (in litri di alcol all’anno per adulto) basate su dati sulla produzione di alcol, dati sulle tasse e sulle vendite, sondaggi e opinioni sull’assunzione di alcol non registrata e dati sul consumo di alcol da parte dei turisti. Utilizzando questi hanno stimato la quantità di alcol che le persone bevevano al giorno.

Il consumo moderato è stato classificato come assunzione da 0,1 a 20 grammi al giorno, l’equivalente di un massimo di due bevande alcoliche; bere rischioso da 20 a 60 g al giorno, tra due e sei bevande alcoliche al giorno; e bere pesante come più di 60 g al giorno, vale a dire più di sei bevande alcoliche al giorno.

Per stimare l’effetto del consumo di alcol su ciascun tipo di cancro, gli autori hanno utilizzato dati che delineano il rischio di quel cancro dal consumo di alcol (per 10 grammi di alcol consumati al giorno) da rapporti scientifici esistenti.

Il 4% di tutti i nuovi casi di cancro nel 2020 erano associati al consumo di alcol

A livello globale, si stima che il 4% di tutti i nuovi casi di cancro nel 2020 fosse associato al consumo di alcol. I tumori dell’esofago (189.700 casi), del fegato (154.700 casi) e della mammella (98.300 casi) hanno rappresentato il maggior numero di nuovi casi, seguiti dai tumori del colon-retto e dei tumori della bocca e della gola.

Il bere rischioso e il bere pesante hanno portato alla maggior percentuale di casi di cancro, rispettivamente il 39% e il 47% dei casi. Tuttavia, anche il consumo moderato è risultato problematico, con stime che indicano come questo livello di consumo rappresentava il 14% (103.100 casi) del totale dei casi.

Le regioni dell’Asia orientale e dell’Europa centrale e orientale hanno registrato le percentuali più elevate di casi di cancro che potrebbero essere associati all’alcol, il 6%, mentre le percentuali più basse sono state riscontrate nell’Africa settentrionale e nell’Asia occidentale, entrambe inferiori all’1%.

A livello nazionale, le percentuali di casi di cancro associati all’alcol sono state stimate più alte in Mongolia (10%, 560 casi) e più basse in Kuwait (stimate allo 0%, meno di 5 casi). Il Regno Unito ha stimato il 4% dei casi di cancro legati all’alcol (16.800), con gli Stati Uniti al 3% (52.700), il Brasile al 4% (20.500 casi), l’India al 5% (62.100), la Cina al 6% (282.300), la Germania al 4% (21.500 casi) e la Francia al 5% (20.000 casi).

In Italia la percentuale di casi stimati a livello di popolazione è il 2,6% (10.100): il 3,4% tra gli uomini e l’1,8% tra le donne.

“Le tendenze suggeriscono che sebbene vi sia una diminuzione del consumo di alcol per persona in molti paesi europei, il consumo di alcol è in aumento in paesi asiatici come Cina e India e nell’Africa sub-sahariana. Inoltre, ci sono prove che la pandemia di COVID-19 ha aumentato i tassi di consumo di alcol in alcuni paesi. Il nostro studio evidenzia il contributo di livelli anche relativamente bassi di consumo di alcol ai tassi di cancro, il che è preoccupante, ma suggerisce anche che piccoli cambiamenti al comportamento del bere pubblico potrebbero avere un impatto positivo sui tassi di cancro futuri”, dice la signora Rumgay.

Alcol e tumori: differenze di genere

Tra le donne, la percentuale maggiore di casi di cancro attribuiti all’alcol è stata stimata nelle regioni dell’Europa centrale e orientale (3%, 21.500 casi) e Australia e Nuova Zelanda (3%, 2.600 casi). Tra gli uomini, le percentuali maggiori di casi di cancro legati all’alcol sono state riscontrate nell’Asia orientale (9%, 275.900 casi) e nell’Europa centrale e orientale (8%, 49.900 casi).

Ci sono diverse limitazioni allo studio, incluso il potenziale effetto della pandemia di COVID-19, che ha avuto un impatto su comportamenti, compreso il consumo di alcol, e sui servizi oncologici in molti paesi e potrebbe quindi aver influito sui rischi di cancro e sui tassi di diagnosi. Inoltre, l’analisi dello studio principale non ha preso in considerazione il consumo precedente di alcol, o eventuali relazioni tra tabacco o obesità con l’alcol, che potrebbero aver attribuito alcuni casi all’alcol mentre erano effettivamente causati, ad esempio, dal fumo.

Gli autori notano anche che in alcuni casi, inclusa la Mongolia, i tumori del fegato potrebbero essere stati sopravvalutati, perché stati causati dall’alcol a causa di una possibile interazione con l’infezione da virus dell’epatite B e C. Inoltre, le registrazioni dei casi di cancro possono essere di qualità limitata, specialmente per i paesi a basso e medio reddito.

Scrivendo in un commento collegato, la professoressa Amy C. Justice, della Yale University, osserva che stimare gli effetti dell’assunzione di alcol sui tassi di cancro in tutti i paesi è notoriamente difficile. Scrive che un quarto degli acquisti di alcolici non viene catturato dai dati del governo, rendendo difficile stimare dati di vendita accurati. Ha detto “… il raggiungimento di una solida comprensione dell’impatto del cancro associato all’uso di alcol, i meccanismi sottostanti e il modo migliore per intervenire si basano su misurazioni accurate dell’esposizione all’alcol… Fino a quando non affronteremo i limiti nella misurazione, potremmo sottovalutare i rischi per la salute, in particolare il rischio di cancro associato all’alcol”.

 

 

Articolo precedenteCOVID-19: una persona su due ricoverata in ospedale ha sviluppato una complicazione
Articolo successivoTamponi rapidi, mascherine e ventilazione per prevenire il contagio negli eventi al chiuso
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × tre =