Home Cardiologia Basta una dieta con 250 calorie in meno, e l’esercizio fisico, per...

Basta una dieta con 250 calorie in meno, e l’esercizio fisico, per migliorare la salute vascolare

210
0
La placca aterosclerotica. Manu5/wikimedia commons

Ridurre solo 200 calorie al giorno dalla dieta, associano un esercizio moderato, ha fornito maggiori benefici rispetto al solo esercizio fisico negli adulti anziani e obesi. In questi soggetti la combinazione dell’esercizio aerobico con una moderata riduzione delle calorie giornaliere ha portato a importanti miglioramenti della rigidità aortica, rispetto al solo esercizio fisico o all’esercizio più una dieta più restrittiva. È quanto emerge da una nuova ricerca pubblicata sulla rivista Circulation.

Migliorare la rigidità aortica negli anziani con obesità

Fattori modificabili dello stile di vita come una dieta sana e un’attività fisica regolare possono aiutare a compensare gli aumenti legati all’età della rigidità aortica. Sebbene l’esercizio aerobico abbia generalmente effetti favorevoli sulla struttura e sulla funzione aortica, studi precedenti hanno dimostrato che l’esercizio da solo potrebbe non essere sufficiente a migliorare la rigidità aortica negli anziani con obesità.

“Questo è il primo studio che ha valutato gli effetti dell’allenamento aerobico con e senza riduzione delle calorie sulla rigidità aortica, che è stata misurata tramite risonanza magnetica cardiovascolare (CMR) per ottenere immagini dettagliate dell’aorta”, ha affermato Tina E. Brinkley, autore principale dello studio e professore associato di gerontologia e medicina geriatrica presso lo Sticht Center for Healthy Aging and Alzheimer’s Prevention, presso la Wake Forest School of Medicine di Winston-Salem, nel North Carolina. “Abbiamo cercato di determinare se l’aggiunta di una restrizione calorica per la perdita di peso avrebbe portato a miglioramenti maggiori della salute vascolare rispetto al solo esercizio aerobico negli anziani con obesità”.

Esercizio fisico e moderata restrizione calorica

Questo studio, randomizzato e controllato, ha incluso 160 adulti sedentari, di età compresa tra 65 e 79 anni, con obesità (Indice di massa corporea, IMC = 30-45 kg/m2). L’età media dei partecipanti era di 69 anni. Il 74% era di sesso femminile e il 73% erano bianchi. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a uno dei tre gruppi di intervento per 20 settimane: 1) solo esercizio aerobico, con la loro dieta regolare; 2) esercizio fisico più moderata restrizione calorica (riduzione di circa 250 calorie/giorno); o 3) esercizio fisico più restrizione calorica più intensiva (riduzione di circa 600 calorie/giorno).

I due gruppi ipocalorici hanno ricevuto pranzi e cene preconfezionati con meno del 30% di calorie da grassi e almeno 0,8 grammi di proteine ​​per kg del loro peso corporeo ideale, preparati sotto la direzione di un dietista. I soggetti randomizzati hanno preparato le proprie colazioni secondo il menu approvato dal dietista. Tutti i partecipanti allo studio hanno ricevuto un allenamento aerobico supervisionato, quattro giorni alla settimana, per la durata dello studio di 20 settimane, presso il Geriatric Research Center della Wake Forest School of Medicine.

La struttura e la funzione dell’aorta sono state valutate con la risonanza magnetica cardiovascolare, per misurare la velocità dell’onda del polso dell’arco aortico (PWV) e la distensibilità aortica, o la capacità dell’aorta di espandersi e contrarsi. Valori di PWV più alti e valori di distensibilità inferiori indicano un’aorta più rigida.

La rigidità aortica è un parametro che riflette la salute vascolare e ha un impatto rilevante nel predire l’incidenza delle malattie cardiovascolari.

Miglioramenti significativi della rigidità aortica

I risultati hanno evidenziato come la perdita di peso di quasi il 10% del peso corporeo totale, o circa 9 kg, durante il periodo di studio di cinque mesi è stata associata a miglioramenti significativi della rigidità aortica solo nei partecipanti assegnati all’esercizio più restrizione calorica moderata.

È inoltre emerso che il gruppo con esercizio più restrizione calorica moderata ha avuto un aumento del 21% della distensibilità e una diminuzione dell’8% della PWV. Al contrario, nessuna delle misure di rigidità aortica è cambiata in modo significativo nel gruppo che ha svolto solo esercizio o nel gruppo con esercizio e restrizione calorica più intensiva.

Le variazioni di IMC, massa grassa totale, percentuale di grasso corporeo, grasso addominale e circonferenza della vita sono state maggiori in entrambi i gruppi con restrizioni caloriche rispetto al gruppo con solo esercizio. La perdita di peso è stata simile tra i gruppi con restrizioni caloriche, nonostante quasi due volte meno calorie siano state assunte nel gruppo con restrizione calorica intensiva (riduzione del 26,7% delle calorie contro una riduzione del 14,2% delle calorie).

Una restrizione calorica ad alta intensità potrebbe non essere necessaria

“I nostri risultati indicano che i cambiamenti dello stile di vita progettati per aumentare l’attività aerobica e ridurre moderatamente l’apporto calorico giornaliero possono aiutare a ridurre la rigidità aortica e migliorare la salute vascolare generale”, ha affermato Brinkley. “Tuttavia, siamo rimasti sorpresi di scoprire che il gruppo che ha ridotto maggiormente il proprio apporto calorico non ha avuto alcun miglioramento della rigidità aortica, anche se ha avuto diminuzioni simili nel peso corporeo e nella pressione sanguigna come i partecipanti con moderata restrizione calorica”.

Brinkley ha aggiunto: “Questi risultati suggeriscono che combinare l’esercizio con una modesta restrizione calorica – al contrario di una restrizione calorica più intensiva o senza restrizione calorica – probabilmente massimizza i benefici sulla salute vascolare, ottimizzando anche la perdita di peso e i miglioramenti nella composizione corporea e nella distribuzione del grasso corporeo. La scoperta che una restrizione calorica ad alta intensità potrebbe non essere necessaria o consigliata ha importanti implicazioni per le raccomandazioni sulla perdita di peso per migliorare il rischio di malattie cardiovascolari negli anziani con obesità”.

 

 

Articolo precedenteIctus: un’unità di intervento mobile per la trombectomia ‘a domicilio’
Articolo successivoI neonati che sono stati allattati al seno hanno una pressione arteriosa più bassa da piccoli
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

4 × tre =