Home Covid-19 COVID-19: con due dosi di vaccino meno probabilità di malattie gravi e...

COVID-19: con due dosi di vaccino meno probabilità di malattie gravi e di ricovero

272
0

Le persone che sono risultate positive al SARS-CoV-2 dopo una o due dosi di vaccino avevano probabilità significativamente inferiori di sviluppare malattie gravi o di essere ricoverati, rispetto alle persone non vaccinate. È quanto emerge da uno studio condotto su larga scala pubblicato sulla rivista The Lancet Infectious Diseases.

I ricercatori hanno scoperto inoltre che le probabilità di contrarre un COVID lungo (una malattia che dura 28 giorni o più, dopo un test positivo) sono state dimezzate per le persone che hanno ricevuto due dosi di vaccino.

adv

Siamo in un punto critico della pandemia

Le persone più vulnerabili a un’infezione dopo la prima dose di vaccino includevano anziani fragili (60 anni e oltre) e anziani che vivevano con problemi di salute come obesità, malattie cardiache, malattie renali e malattie polmonari. In tutte le fasce di età, le persone che vivevano in aree svantaggiate, come gli ambienti urbani densamente popolati, avevano maggiori probabilità di sviluppare un’infezione. Questi fattori erano associati in modo più significativo con un’infezione post-vaccinazione dopo aver ricevuto la prima dose di vaccino e prima di ricevere una seconda dose.

“Siamo in un punto critico della pandemia poiché vediamo casi in aumento in tutto il mondo a causa della variante delta. Sono previste infezioni post-vaccinazione e non diminuiscono il fatto che questi vaccini stanno facendo esattamente ciò per cui sono stati progettati: salvare vite umane e prevenire malattie gravi. Altre ricerche hanno mostrato un tasso di mortalità fino al 27% per i pazienti ospedalizzati COVID-19. Possiamo ridurre notevolmente questo numero tenendo le persone fuori dall’ospedale in primo luogo attraverso la vaccinazione. I nostri risultati evidenziano il ruolo cruciale che i vaccini svolgono negli sforzi più ampi per prevenire le infezioni da COVID-19, che dovrebbero comunque includere altre misure di protezione personale come l’uso di maschere, test frequenti e distanza sociale”, afferma la co-autrice dello studio, la dott.ssa Claire Steves del King’s College di Londra, nel Regno Unito.

Le probabilità che la malattia sia asintomatica aumentano

Utilizzando i dati auto-riferiti dal COVID Symptom Study del Regno Unito attraverso l’app ZOE dall’8 dicembre 2020 al 4 luglio 2021, i ricercatori hanno scoperto che su oltre 1,2 milioni di adulti che hanno ricevuto almeno una dose di BNT162b2 (Pfizer-BioNTech), ChAdOx1 nCoV-19 (Oxford-AstraZeneca) o mRNA-1273 (Moderna), meno dello 0,5% ha riportato un’infezione più di 14 giorni dopo la prima dose. Tra gli adulti che hanno ricevuto due dosi di vaccino, meno dello 0,2% ha avuto un’infezione più di sette giorni dopo la seconda dose.

Tra coloro che hanno avuto un’infezione post-vaccino, le probabilità che fosse asintomatica sono aumentate del 63% dopo una dose di vaccino e del 94% dopo la seconda dose. I ricercatori hanno anche scoperto che le probabilità di ricovero in ospedale si sono ridotte di circa il 70% dopo una o due dosi e che le probabilità di contrarre una malattia grave, definita come avere cinque o più sintomi nella prima settimana di malattia, sono state ridotte di circa un terzo. Inoltre, le probabilità di COVID lungo sono state ridotte del 50% dopo due dosi.

Per coloro che hanno manifestato sintomi dopo una o due dosi di vaccino, come affaticamento, tosse, febbre e perdita del gusto e dell’olfatto, quasi tutti i sintomi sono stati riportati meno frequentemente rispetto alle persone non vaccinate.

Negli adulti fragili di età superiore ai 60 anni, le probabilità di un’infezione dopo una dose di vaccino erano quasi raddoppiate, rispetto agli anziani sani. Inoltre, negli anziani che avevano ricevuto la prima dose di vaccino ma non la seconda, le malattie renali, cardiache e polmonari erano condizioni sottostanti associate a un’infezione.

Un rischio maggiore di esposizione

Il rischio di un’infezione post-vaccino era correlato al luogo in cui viveva una persona, con le persone che vivevano in aree con la più alta deprivazione che avevano le più alte probabilità di un’infezione dopo la loro prima dose di vaccino. Gli autori osservano che ciò potrebbe essere dovuto a molte cause sottostanti, tra cui alloggi più vicini e tassi di vaccinazione complessivi inferiori in quelle comunità, rendendo più probabile la diffusione del virus.

“L’aumento dei rischi di infezioni post-vaccino per gli anziani fragili, in particolare quelli che vivono in case di cura o che richiedono frequenti visite alle strutture sanitarie, e per altre persone che vivono in condizioni di deprivazione, riflettono ciò che abbiamo visto durante la pandemia. Questi gruppi corrono un rischio maggiore di esposizione e sono quindi più vulnerabili alle infezioni. Le politiche sanitarie progettate per prevenire le infezioni, comprese le politiche sui tempi tra la prima e la seconda dose e potenziali dosi di richiamo, dovrebbero dare la priorità a questi gruppi”, afferma la coautrice, la dott.ssa Rose Penfold del King’s College di Londra.

Gli autori rilevano alcuni limiti dello studio. La ricerca utilizza dati auto-segnalati e quindi le comorbilità riportate, i risultati dei test e lo stato di vaccinazione potrebbero essere imprecisi o incompleti e gli individui che vivono in aree più svantaggiate potrebbero essere sottorappresentati. Inoltre, gli autori notano che questi risultati potrebbero non applicarsi a tutti i tempi post-vaccinazione, a contesti con diverse proporzioni di varianti di SARS-CoV-2 o a paesi con programmi di vaccinazione diversi.

Articolo precedenteLe nuove linee guida ESC 2021: cardiopatie valvolari
Articolo successivoIl buco dell’ozono del 2020 è stato uno dei più grandi e profondi degli ultimi anni
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

uno × quattro =