Home Cardiologia Quel sonnellino che mette a rischio il cuore

Quel sonnellino che mette a rischio il cuore

201
0

Fare con regolarità un sonnellino può far aumentare il rischio di sviluppare un’ipertensione arteriosa o un ictus. È quanto emerge da una recente ricerca pubblicata sulla rivista Hypertension.

Un gruppo di ricercatori cinesi ha valutato se i sonnellini frequenti potessero essere un potenziale fattore di rischio per l’ipertensione arteriosa e/o l’ictus. Questo è il primo studio che utilizza sia l’analisi osservazionale dei partecipanti per un lungo periodo di tempo, sia la randomizzazione mendeliana, una convalida del rischio genetico, per indagare se i sonnellini possono essere associati alla pressione alta e all’ictus ischemico.

adv

“Questi risultati sono particolarmente interessanti dal momento che milioni di persone potrebbero godersi un pisolino regolare o addirittura quotidiano”, afferma E. Wang, professore e presidente del Dipartimento di Anestesiologia presso l’Ospedale Xiangya Central South University, e autore dello studio.

Le informazioni della UK Biobank

I ricercatori hanno utilizzato le informazioni della UK Biobank, un ampio database biomedico e una risorsa di ricerca contenente informazioni genetiche, sullo stile di vita e sulla salute, rese anonime, da mezzo milione di soggetti nel Regno Unito. UK Biobank ha reclutato più di 500.000 partecipanti di età compresa tra 40 e 69 anni che hanno vissuto nel Regno Unito tra il 2006 e il 2010. Hanno fornito regolarmente campioni di sangue, urina e saliva, nonché informazioni dettagliate sul loro stile di vita. L’indagine sulla frequenza dei sonnellini diurni è stata verificata 4 volte dal 2006 al 2019 in una piccola percentuale dei partecipanti alla biobanca britannica.

Il gruppo di Wang ha escluso le registrazioni di persone che avevano già avuto un ictus o avevano la pressione alta prima dell’inizio dello studio. Ciò ha lasciato circa 360.000 partecipanti da analizzare per valutare l’associazione tra sonnellini e segnalazioni di ictus o ipertensione, con un follow-up medio di circa 11 anni. I partecipanti sono stati divisi in gruppi in base alla frequenza dei sonnellini auto-riferiti: “mai/raramente”, “a volte” o “di solito”.

Il 24% in più di probabilità di avere un ictus

Lo studio ha rilevato che una percentuale più alta di dormienti abituali erano uomini, aveva livelli di istruzione e reddito più bassi e riferiva di fumare sigarette, bere ogni giorno, essere insonne, russare ed essere una persona che faceva tardi la sera. Rispetto alle persone che hanno riferito di non aver mai fatto un pisolino, le persone che di solito fanno un pisolino avevano il 12% in più di probabilità di sviluppare una ipertensione arteriosa e il 24% in più di probabilità di avere un ictus.

I partecipanti di età inferiore ai 60 anni che di solito facevano un sonnellino avevano un rischio maggiore del 20% di sviluppare una pressione elevata rispetto alle persone della stessa età che non facevano mai un sonnellino.

Circa tre quarti dei partecipanti sono rimasti nella stessa categoria dei sonnellini durante lo studio. Dopo i 60 anni, il sonnellino abituale era associato a un rischio maggiore del 10% di ipertensione rispetto a coloro che riferivano di non sonnecchiare mai.

Sonnellini più frequenti erano correlati alla propensione genetica all’ipertensione

Il risultato della randomizzazione mendeliana ha mostrato che se la frequenza dei sonnellini aumentava di una categoria (da mai a qualche volta o a volte, di solito) il rischio di ipertensione aumenta del 40%. Una maggiore frequenza di sonnellini era correlata alla propensione genetica al rischio di ipertensione.

“Questo potrebbe essere dovuto al fatto che, sebbene fare un pisolino di per sé non sia dannoso, molte persone che fanno un pisolino potrebbero farlo a causa del sonno scarso durante la notte. Il sonno scarso di notte è associato a una salute peggiore e i sonnellini non sono sufficienti per compensarlo”, ha affermato Michael A. Grandner, esperto del sonno e coautore del nuovo Life’s Essential 8 cardiovascular health score, dell’American Heart Association, che nel giugno 2022 ha aggiunto la durata del sonno come ottava metrica per misurare la salute ottimale del cuore e del cervello. “Questo studio fa eco ad altri risultati che generalmente mostrano che fare più sonnellini sembra riflettere un aumento del rischio di problemi con la salute del cuore e altri problemi”. Grander è direttore del programma di ricerca sulla salute del sonno e della clinica di medicina del sonno comportamentale e professore associato di psichiatria presso l’Università dell’Arizona a Tucson.

Articolo precedenteAlzheimer: svelati nuovi meccanismi di progressione della malattia
Articolo successivoFibrillazione atriale: da non sottovalutare gli episodi nel postoperatorio
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui