Home Aritmologia Confermata l’utilità del test all’ajmalina nella diagnosi di sindrome di Brugada

Confermata l’utilità del test all’ajmalina nella diagnosi di sindrome di Brugada

1610
0
ECGPedia/Wikimedia commons

Il test all’ajmalina aumenta sostanzialmente la possibilità di diagnosi in familiari di soggetti morti improvvisamente per eventi aritmici. Sono queste le conclusioni di un recente articolo apparso sulle pagine del Journal of the American College of Cardiology, che ha valutato l’utilità del test in oltre 300 famiglie. Tutti i soggetti valutati sono stati sottoposti a elettrocardiogramma a riposo, con derivazioni destre alte, ecocardiogramma, test da sforzo e ECG Holter di 24 ore. Il test all’ajmalina è stato eseguito nel 74% delle persone studiate.

Una malattia cardiaca ereditaria è stata diagnosticata nel 42% delle famiglie e nel 22% dei famigliari. La diagnosi di sindrome di brugada è stata quella più comune (28% delle famiglie, 15% dei famigliari).

adv

Il test all’ajmalina è stato necessario per raggiungere la diagnosi nel 97% dei soggetti studiati.

L’impiego delle derivazioni precordiali destre elevate ha fornito un ulteriore incremento del potere diagnostico del test farmacologico del 16%.

Nel corso del follow-up sono state rilevate alterazioni elettrocardiografiche Brugada tipo 1, spontanee o eventi aritmici significativi nel 17% dei soggetti in cui non era stata raggiunta la diagnosi.

 

 

Home

The Diagnostic Yield of Brugada Syndrome After Sudden Death With Normal Autopsy Michael Papadakis. Volume 71, Issue 11, March 2018.

 

Articolo precedentePervietà del forame ovale, prevenzione secondaria degli eventi ischemici: meglio la chiusura percutanea o gli antiaggreganti?
Articolo successivoUn’auto elettrica, autonoma e disponibile per il trasporto pubblico urbano: la Renault EZ-GO
franco.folino
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui