Home Genetica Una nuova tecnica di editing del genoma umano in grado di curare...

Una nuova tecnica di editing del genoma umano in grado di curare le malattie genetiche

249
0

Un recente articolo pubblicato online sulla rivista Nature descrive un metodo prevedibile e preciso per modificare varianti genetiche patogene. Il processo prevede l’utilizzazione di un approccio di machine learning o apprendimento automatico. Questo lavoro propone così una nuova tecnica che potrà essere utilizzata per lo studio e il potenziale trattamento delle malattie genetiche.

L’editing del genoma

CRISPR-Cas9 ha rivoluzionato l’editing del genoma per la ricerca, ma garantire l’accuratezza della tecnica è di vitale importanza. Nell’editing del genoma di CRISPR-Cas9, vengono solitamente utilizzati i cosiddetti “modelli” di DNA, per consentire un’accurata riparazione del DNA o introdurre una specifica sequenza di DNA nel genoma. La riparazione del DNA senza questi modelli è ritenuta meno accurata.

adv

Editing del genoma e apprendimento automatico

Richard Sherwood e i suoi colleghi hanno dimostrato un preciso editing tipo Cas9, senza modello, sviluppando un metodo per prevedere i risultati della riparazione del genoma grazie all’adozione di sistemi di apprendimento automatico.

Per fare questo, gli autori hanno utilizzato una libreria di quasi 2.000 RNA guide Cas9 accoppiate (gRNA) e siti di destinazione del DNA umano, per addestrare il modello di apprendimento automatico inDelphi.

Questo è stato così in grado di identificare che il 5-11% di Cas9 gRNA destinato al genoma umano può indurre una singola riparazione, prevedibile, in oltre il 50% delle istanze (il cosiddetto “preciso-50”).

InDelphi potrebbe anche identificare e prevedere variazioni genetiche patogenetiche per agire usando un editing Cas9 template-free, compresi alcuni casi in cui non si pensava potessero essere corrette in questo modo.

Infine, gli autori hanno confermato sperimentalmente nelle cellule umane che quasi 200 varianti patogenetiche correlate a tre malattie – la sindrome di Hermansky-Pudlak, la malattia di Menkes e l’ipercolesterolemia familiare – potrebbero essere accuratamente modificate e riparate secondo standard “preciso 50”.

Questi risultati stabiliscono un approccio per l’editing del genoma, preciso, e senza template.

 

 

Max W. Shen, et al. Predictable and precise template-free CRISPR editing of pathogenic variants. Nature, 2018.

 

Articolo precedenteL’uomo di Neanderthal viveva una vita più tranquilla di quanto si pensasse
Articolo successivoMaggiore efficacia per il nuovo vaccino contro l’herpes zoster a subunità, ricombinante
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui