Troppo pochi i finanziamenti per debellare la malaria in Africa

Ai giorni nostri, la consistenza dei finanziamenti internazionali dedicati alla lotta contro la malaria non sarà sufficiente ad eliminare questa malattia dall’Africa. È questo quanto prospettato da un recente studio pubblicato sulla rivista Nature Communications. Non sembrano peraltro richieste cifre spropositate. Gli autori suggeriscono che sarebbero necessari circa 25 – 30 dollari di aiuti pro capite nei paesi africani per giungere all’eliminazione della malattia.

Il Plasmodium falciparum in Africa

La prevalenza delle infezioni parassitarie da Plasmodium falciparum in Africa è dimezzata tra il 2000 e il 2015. In modo corrispondente, la mortalità per la malaria è diminuita del 57% nello stesso periodo. Questa tendenza apparentemente promettente è attribuita alle misure di controllo messe in essere, come la distribuzione e l’adozione di reti per il letto trattate con insetticida.

Tuttavia, dal 2015 questi progressi verso l’eliminazione della malaria si sono decisamente arrestati: l’impatto complessivo della malattia è aumentato, mentre il livello degli aiuti è purtroppo in calo.

Un modello di economia applicato al controllo della malaria

Josselin Thuilliez e colleghi hanno utilizzato un modello di economia applicato al controllo della malaria per comprendere gli effetti dell’aiuto sul burden della malaria. Gli autori hanno scoperto che gli attuali livelli di finanziamento non saranno sufficienti per raggiungere un’adozione sufficientemente ampia delle misure di prevenzione della malaria che sarebbero necessarie per eliminare la malattia.

Sostengono che ciò è in parte dovuto al fatto che la povertà impedisce a grandi proporzioni della popolazione di adottare misure di prevenzione anche quando sono completamente sovvenzionate. Il modello prevede che potrebbero essere sufficienti circa 25-30 dollari di aiuti pro capite per superare questo momento di stagnazione e riprendere la tendenza positiva degli anni precedenti. Una tendenza promettente, che sembrava portare alla completa eliminazione della malaria in Africa.

Proprio nei giorni scorsi l’Organizzazione mondiale della sanità ha ufficialmente dichiarato l’Algeria libera dalla malaria (leggi articolo).  Questo comportamento virtuoso può ora fungere da esempio per il resto del continente.

 

Eric Maskin, Célestin Monga, Josselin Thuilliez, Jean-Claude Berthélemy. The economics of malaria control in an age of declining aid. Nature communications, 2019, 10:2269.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

diciotto + 5 =