Home Cardiologia Il calcio coronarico si associa ad una disfunzione sistolica e diastolica subclinica...

Il calcio coronarico si associa ad una disfunzione sistolica e diastolica subclinica del ventricolo sinistro

206
0
La placca aterosclerotica. Manu5/wikimedia commons

Livelli più elevati di calcio coronarico nella mezza età si associano ad anomalie strutturali del cuore che possono portare in futuro allo sviluppo di una insufficienza cardiaca, in particolare tra i soggetti di colore. Questo è quanto riporta una recente ricerca, pubblicata sulla rivista Circulation: Cardiovascular Imaging.

Il calcio coronarico

È dagli anni ’90 che si parla di quantificazione del calcio coronarico come indicatore di aterosclerosi e conseguentemente di rischio cardiovascolare.

adv

Il principio si basa sulla misurazione di tutto il calcio contenuto nell’albero coronarico mediante una tomografia computerizzata. Da questa indagine si ottiene un punteggio che ne quantifica la presenza in modo preciso e standardizzato.

Il coronary calcium score è quindi un metodo ampiamente disponibile, coerente e riproducibile, per valutare il rischio coronarico individuale, in particolare nelle persone asintomatiche, per pianificare eventuali interventi in prevenzione primaria.

Un coronary calcium score pari a zero indica che vi è un basso rischio, in assenza di altre condizioni ad alto rischio, mentre un punteggio sopra lo zero indica un aumento del rischio.

Lo screening per la valutazione del calcio coronarico è stato aggiunto alle linee guida per la gestione del colesterolo dell’American Heart Association 2018 per migliorare ulteriormente la diagnosi precoce delle malattie cardiache.

Calcio coronarico e rischio cardiovascolare

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno monitorato 2.449 persone (52% bianche, 57% donne) dall’età adulta alla mezza età. Sono state utilizzate tomografie computerizzate per valutare la salute vascolare dei partecipanti, con valutazione del coronary calcium score agli anni 15 e 25 del periodo di studio. In termini di età dei partecipanti, al punto “anno 25” dello studio, corrispondeva un’età media dei partecipanti di 50 anni. Rispetto alla al precedente punto di follow-up dello studio (anno 15), la percentuale di pazienti con punteggio di calcio coronarico pari a zero è passata in un decennio dal 72% al 77%.

“Abbiamo esaminato la prima età adulta e la mezza età perché questa è una finestra in cui possiamo vedere anomalie che potrebbero non causare sintomi, ma che potrebbero in seguito aumentare il rischio di problemi cardiaci”, ha detto Henrique Turin Moreira, co-autore dello studio e medico presso l’Hospital das Clínicas de Ribeirão Preto presso l’Università di San Paolo in Brasile. “La prevenzione e il controllo di queste anomalie sono fondamentali, quindi l’identificazione precoce dei rischi può essere cruciale.”

Gli autori hanno riscontrato che l’aumento dei punteggi calcio coronarico era indipendentemente correlato all’aumento dell’età, del sesso maschile, della razza nera, della pressione arteriosa sistolica, del colesterolo totale, del diabete mellito e del fumo, nonché dell’uso di farmaci per abbassare la pressione sanguigna e il colesterolo.

Calcio coronarico, massa cardiaca e volumi ventricolari

I ricercatori hanno inoltre evidenziato che rispetto ai pazienti che avevano punteggi di calcio coronarico pari a zero, quelli con punteggi più alti in mezza età avevano un aumento del 12% della massa ventricolare sinistra e un aumento del 9% del volume ventricolare sinistro, indipendentemente da altri fattori di rischio. Queste anomalie nel ventricolo sinistro rappresentano a loro volta importanti fattori di rischio per lo sviluppo di una insufficienza cardiaca.

Differenze etniche

I risultati ottenuti erano ancora più significativi tra i partecipanti di colore. Per ogni variazione di una unità nel coronary calcium score, questa popolazione aveva un aumento quattro volte maggiore della massa ventricolare sinistra rispetto ai bianchi.

Mentre la progressione del calcio coronarico era fortemente correlata ad una massa ventricolare sinistra più elevata nei soggetti di colore, questa relazione nei bianchi non era significativa.

La popolazione di colore ha già di per sé un rischio maggiore di malattie cardiache e ictus: il 60% degli uomini neri adulti e il 57% delle donne nere adulti hanno una qualche forma di malattia cardiovascolare, rispetto al 50% degli uomini bianchi e al 43% delle donne bianche.

“Le differenze razziali nelle nostre scoperte possono essere dovute a fattori genetici o forse ad una maggiore esposizione a fattori di rischio cardiovascolare che di solito appaiono prima nei neri”, ha detto Moreira. “Abbiamo bisogno di più ricerche per esaminare il legame tra calcio delle arterie coronariche e salute del cuore”.

Disfunzione sistolica e diastolica subclinica del ventricolo sinistro

“Studi precedenti hanno dimostrato che la presenza di calcio coronarico, e di coronary calcium score più elevati, sono associati alla malattia cardiovascolare aterosclerotica negli adulti giovani e di mezza età. I risultati di questo studio sono importanti in quanto evidenziano che la presenza di calcio coronarico e coronary calcium score più elevati possono anche essere associati a marcatori ecocardiografici di disfunzione sistolica e diastolica subclinica del ventricolo sinistro”, ha detto Salim Virani, membro del comitato di scrittura per l’American Heart Linee guida per il colesterolo 2018 dell’Associazione.

“Dato il peso della morbilità e della mortalità associate allo scompenso cardiaco, questi sono risultati importanti. Studi precedenti su questa coorte hanno anche dimostrato che un profilo di rischio migliore nella giovane età adulta è associato a un calcio coronarico molto più basso e, pertanto, questi risultati evidenziano ulteriormente l’importanza della prevenzione precoce e della modifica dei fattori di rischio nella prima età adulta.”

 

Articolo precedenteA 110S: la Alpine più veloce di sempre
Articolo successivoL’epidemia di Ebola arriva in Uganda
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

15 + 1 =