Cancro della prostata: la PSMA-PET/CT per una diagnosi più accurata

Una tecnica di imaging nota come PSMA PET/CT che fornisce scansioni dettagliate del corpo, mentre rileva i livelli di una molecola associata al carcinoma della prostata, potrebbe aiutare i medici a personalizzare meglio i trattamenti per i loro pazienti, determinando l’entità della diffusione della malattia al momento della diagnosi. È quanto rilevato da un recente studio randomizzato e controllato, pubblicato sulla rivista The Lancet, che ha coinvolto 300 pazienti australiani.

L’approccio combina due tecnologie di imaging – tomografia a emissione di positroni (PET) e tomografia computerizzata (CT) – ed è quasi un terzo più accurato rispetto all’imaging standard nell’individuare la diffusione del cancro alla prostata in tutto il corpo. La PSMA PET/CT ha dimostrato di essere precisa al 92% rispetto a solo il 65% di precisione raggiunto con l’imaging standard.

Tumore della prostata: trattamento localizzato o sistemico?

Sebbene lo studio non abbia valutato se le scansioni abbiano avuto alcun effetto sulla sopravvivenza dei pazienti, i ricercatori affermano che questo approccio potrebbe migliorare i risultati, aiutando i medici a decidere se offrire un trattamento localizzato, come chirurgia o radioterapia, o utilizzare trattamenti più avanzati per trattare tutto il corpo, se il tumore si è già diffuso.

I costi associati alla PET/CT variano in base all’area geografica e i ricercatori avvertono che un’analisi economica completa sarà fondamentale per determinare la fattibilità di un uso diffuso di questa tecnica. Tuttavia, raccomandano una revisione delle attuali linee guida cliniche e per la PSMA PET/CT per sostituire l’uso dell’imaging convenzionale, ove possibile, per gli uomini con carcinoma prostatico ad alto rischio.

Diagnosi e trattamento del carcinoma prostatico

Il carcinoma della prostata è comunemente trattato con un intervento chirurgico per rimuovere la prostata o con radioterapia intensiva per colpire il tumore. Se esistesse un rischio elevato che il tumore si sia diffuso ad altre parti del corpo, ai pazienti potrebbe essere offerta una indagine di imaging – in genere scansioni TC e ossee – per determinare se sono necessari ulteriori trattamenti.

Il professor Michael Hofman del Peter MacCallum Cancer Centre, in Australia, ha dichiarato: “Nel loro insieme, i nostri risultati indicano che le scansioni PSMA-PET/CT offrono una maggiore precisione rispetto all’imaging convenzionale e possono meglio guidare le decisioni di trattamento. Raccomandiamo di aggiornare le linee guida cliniche per includere PSMA PET/CT come parte del percorso diagnostico per gli uomini con carcinoma prostatico ad alto rischio.”

I ricercatori hanno cercato di indagare se un approccio di imaging molecolare potesse aiutare i medici a definire meglio l’estensione della malattia al momento della diagnosi. Questo approccio prevede di fornire ai pazienti una sostanza radioattiva che rileva una molecola chiamata Prostate Specific Membrane Antigen (Antigene di membrana specifico della prostata – PSMA), che si trova ad alti livelli sulle cellule tumorali della prostata. Vengono quindi sottoposti a una scansione PET/CT. La scansione produce immagini dettagliate degli organi e delle strutture del corpo, mentre la scansione PET illumina le aree in cui il PSMA è presente ad alti livelli, indicando la diffusione delle cellule tumorali della prostata.

Cancro della prostata: la diffusione del tumore

Lo studio ha coinvolto 300 uomini reclutati in dieci siti in tutta l’Australia. A tutti gli uomini era stato diagnosticato un carcinoma della prostata, confermato da test sui campioni di tessuto prostatico, ed erano considerati ad alto rischio di avere una malattia aggressiva. Gli uomini sono stati assegnati in modo casuale a ricevere scansioni TC e ossee convenzionali (152 pazienti) o PSMA-PET/CT (148 pazienti). Gli uomini hanno quindi ricevuto le scansioni utilizzando il braccio di imaging alternativo, a meno che non siano stati rilevati più di tre siti di diffusione del cancro nelle scansioni iniziali (18 pazienti). Un basso numero di uomini ha abbandonato lo studio o le informazioni di follow-up per loro non erano disponibili (cinque pazienti). Il resto è stato sottoposto a un secondo ciclo di imaging medico al loro appuntamento di follow-up di sei mesi. I risultati di queste scansioni sono stati utilizzati per confermare la diffusione del tumore, oltre alle biopsie e ai cambiamenti negli esami del sangue.

Nel complesso, i ricercatori hanno scoperto che le scansioni PSMA-PET/CT erano molto più accurate rispetto alle scansioni TC e ossee convenzionali nel rilevare la diffusione del cancro (92% vs 65%). Questo perché la nuova tecnica era migliore nel rilevare piccoli siti di diffusione del tumore.

L’imaging convenzionale non è riuscito a rilevare la diffusione del cancro in 29 pazienti, dando un risultato falso negativo. In confronto, PSMA-PET/CT ha dato risultati falsi negativi in ​​soli sei pazienti. Inoltre, meno uomini hanno riportato risultati falsi positivi con la nuova tecnica (2 con PSMA-PET/CT e 9 con imaging convenzionale).

Cambiare la cura

I pazienti sottoposti a scansioni PSMA-PET/CT hanno ottenuto meno risultati ambigui rispetto all’imaging convenzionale (7%, 11/148 pazienti contro 23%, 35/152 pazienti).

Entrambe le tecniche di imaging comportano l’esposizione alle radiazioni, ma la dose associata a PSMA-PET/CT era inferiore alla metà di quella associata all’imaging convenzionale (8,4 mSv vs 19,2 mSv).

Le scansioni PSMA-PET/CT hanno avuto un impatto maggiore sul modo in cui è stata gestita la malattia dei pazienti, con il 28% dei pazienti che ha visto modificato il piano di cura dopo le scansioni (41/147) rispetto al 15% dopo l’imaging convenzionale (23/152).

Quando la PSMA-PET/CT è stata somministrata al secondo ciclo di imaging dopo l’imaging convenzionale, i piani di gestione della malattia sono stati cambiati in più di un quarto dei casi (39/146, 27%). Quando al secondo turno è stato utilizzato l’imaging convenzionale, tuttavia, solo nel 5% dei pazienti è stato modificato il trattamento (7/135 pazienti).

Il professor Declan Murphy, autore senior, ha dichiarato: “Circa uno su tre pazienti con carcinoma prostatico subiranno una ricaduta della malattia dopo un intervento chirurgico o una radioterapia. Questo in parte perché le attuali tecniche di imaging medico spesso non riescono a rilevare quando il cancro si è diffuso, il che significa che alcuni uomini non ricevono i trattamenti aggiuntivi di cui hanno bisogno. I nostri risultati suggeriscono che la PSMA-PET/CT potrebbe aiutare a identificare prima questi uomini, in modo che ottengano le cure più appropriate.”

PSMA-PET/CT: i costi dell’esame

La professoressa associata Roslyn Francis, coautrice dell’Università dell’Australia occidentale, ha dichiarato: “I costi associati alla PSMA-PET/CT variano in diverse regioni del mondo, ma questo approccio può offrire risparmi rispetto alle tecniche di imaging convenzionali. Un’analisi economico-sanitaria completa contribuirà a determinare il rapporto costo-efficacia dell’introduzione di PSMA-PET/CT, sia dal punto di vista del paziente che dell’assistenza sanitaria”.

Alcuni pazienti nello studio erano stati sottoposti a ulteriori test per confermare la diffusione della malattia, che comportava la rimozione del tessuto dai loro linfonodi pelvici. Questo è riconosciuto come il test più affidabile per valutare lo stadio della diffusione della malattia del cancro alla prostata. I ricercatori avvertono che poiché non tutti i pazienti sono stati sottoposti alla procedura, ciò può portare a una sopravvalutazione della sensibilità delle scansioni PSMA-PET/CT nel rilevare tumori più piccoli. Tuttavia, poiché i pazienti erano stati assegnati in modo casuale ai loro gruppi, i ricercatori concludono che il loro studio fornisce solidi dati comparativi.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

1 + quattordici =