Home Covid-19 AGGIORNAMENTO – Clorochina e idrossiclorochina per COVID-19: studio ritirato

AGGIORNAMENTO – Clorochina e idrossiclorochina per COVID-19: studio ritirato

9
0
Immagine del coronavirus
This media comes from the Centers for Disease Control and Prevention's Public Health Image Library (PHIL), with identification number #4814.

Lo scorso 4 giugno la rivista The Lancet ha pubblicato una ritrattazione firmata da tre dei quattro autori di uno studio di cui vi abbiamo dato conto in un articolo pubblicato lo scorso 3 giugno.

Nel documento viene dichiarato che sono state sollevate preoccupazioni sulla veridicità dei dati e delle analisi condotte da Surgisphere Corporation nel corso dello svolgimento dello studio. Per questo è stata avviata una revisione indipendente per valutare l’origine degli elementi del database, confermare la completezza del database e replicare le analisi presentate nel documento.

Come se non bastasse, i tre autori della lettera ci informano che Surgisphere non avrebbe trasferito il set di dati completo, i contratti dei clienti e il rapporto di audit ISO completo sui loro server per l’analisi del revisore. A detta loro perché tale trasferimento avrebbe violato gli accordi con i clienti e i requisiti di riservatezza. Questo implica ovviamente l’impossibilità di completare la revisione stessa.

La lettera si conclude con la richiesta dei tre autori che l’articolo venga ritirato.

AGGIORNAMENTO: dati ritrattati, alcune domande

Ora, sorgono inevitabilmente alcune domande. Prima di tutto, com’è possibile che questi tre autori mettano in dubbio la veridicità di dati e analisi solo dopo che il lavoro è già stato pubblicato sulla rivista? Solitamente è buon costume prima verificare i dati e poi inviarli per la pubblicazione.

Secondo, viene messa in dubbio non solo la veridicità dalle analisi, ma anche quella degli stessi dati. Trattandosi di uno studi osservazionale sembra quindi che sia inficiato addirittura l’oggetto principale dello studio, ovvero quanto raccolto nel database.

Terzo, perché il quarto autore dello studio, Dr. Sapan S Desai non ha partecipato alla ritrattazione? Qui la risposta c’è. Il Dr Sapan S Desai è il fondatore della Surgisphere e quindi è ovviamente al centro di questa tempesta. Tutti gli autori avranno avuto la possibilità di accedere ai dati dello studio, ma è possibile che il Dr Sapan si sia trovato in una posizione privilegiata, tanto che nella descrizione dei rispettivi contributi alla stesura dell’articolo, viene dichiarato che il Dr. Sapan ha supervisionato ed eseguito l’acquisizione dei dati e la loro analisi statistica.

La frenesia di pubblicare articoli che hanno come argomento la pandemia di COVID-19 in questo periodo è molta e lo scopo può essere certamente nobile. Questo impeto non può però lasciare indietro le più basilari regole etiche degli studi scientifici. Il danno di immagine causato non solo ad un prestigioso giornale come The Lancet, ma a tutto il mondo della ricerca è enorme.

Proprio nel momento in cui c’è più bisogno di informazioni precise ed affidabili, per far fronte ad una pandemia che sta causando centinaia di migliaia di morti, cedere al pressappochismo (e speriamo solo a quello) per riuscire a strappare la pubblicazione del proprio articolo, è quanto di più triste si possa immaginare.

 

Franco Folino

 

Articolo precedenteValvola aortica bicuspide: buoni risultati con la sostituzione transcatetere (TAVR)
Articolo successivoIl Sole e altre stelle della Via Lattea si sono formate grazie alle incursioni del Sagittario (VIDEO)
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Una volta specializzato in cardiologia, ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017. I suoi principali campi di interesse in ambito medico sono il sistema neurovegetativo cardiovascolare e gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute. Appassionato di viaggi, ha percorso molti chilometri sulle strade dell'Europa, del Nord America e dell’America Latina, sempre alla ricerca delle espressioni più autentiche della natura, pubblicando alcuni libri dedicati al Sudamerica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tre × due =