Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti ai tempi del coronavirus

Gli autori di un Viewpoint pubblicato sulla rivista The Lancet Child and Adolescent Health esortano i politici a considerare gli effetti delle misure di allontanamento fisico, introdotte per contrastare la diffusione di COVID-19, sullo sviluppo sociale e sul benessere dei giovani.

Gli autori avvertono che l’adolescenza è un periodo delicato della vita, quando il loro ambiente sociale e le interazioni con i coetanei sono importanti per lo sviluppo del cervello, la salute mentale e lo sviluppo di un senso di sé. Credono che un ridotto contatto sociale, faccia a faccia, con i coetanei possa interrompere questo processo e avere effetti dannosi a lungo termine.

Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti: un periodo di maggiore vulnerabilità

L’adolescenza è un periodo di maggiore vulnerabilità ai problemi di salute mentale, con il 75% degli adulti che ha riferito di aver manifestato i sintomi prima dell’età di 24 anni.

Gli autori discutono anche di come l’uso delle tecnologie digitali e dei social media possa mitigare alcuni degli effetti negativi del distanziamento sociale, aiutando a mantenere connessioni sociali tra i giovani e i loro coetanei, ma sono necessarie ulteriori ricerche.

Molte domande sull’impatto del distanziamento fisico sui giovani rimangono senza risposta. C’è poca comprensione di come altri fattori di stress vissuti durante la crisi COVID-19 possano influenzare i giovani, come le pressioni economiche, l’incertezza e la perdita di eventi pubblici che segnano riti chiave di passaggio.

Ciononostante, gli autori sostengono che i responsabili politici dovrebbero considerare i giovani quando prendono in considerazione l’allentamento delle misure di allontanamento fisico. Riaprire le scuole e altri ambienti sociali per i giovani dovrebbe essere una priorità, quando si ritiene che sia sicuro farlo.

meno opportunità di interagire

Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti: il benessere dei giovani

La principale autrice, la professoressa Sarah-Jayne Blakemore del Dipartimento di Psicologia dell’Università di Cambridge, nel Regno Unito, ha dichiarato: “A causa dell’impatto della pandemia di COVID-19, molti giovani in tutto il mondo hanno sostanzialmente meno opportunità di interagire faccia a faccia con i loro coetanei in un momento della loro vita in cui questo è cruciale per il loro sviluppo. Anche se le misure di allontanamento fisico sono temporanee, diversi mesi rappresentano una larga parte della vita di un giovane. Invitiamo i politici a considerare urgentemente il benessere dei giovani in questo momento.”

La dott.ssa Livia Tomova, una delle autrici del Viewpoint, del Massachusetts Institute of Technology, ha dichiarato: “È importante notare che le misure di allontanamento fisico potrebbero non influenzare tutti i giovani allo stesso modo. Gli adolescenti che vivono in un ambiente familiare, che hanno relazioni positive con genitori, tutori o fratelli, possono essere meno colpiti rispetto a quelli che non hanno relazioni familiari positive o vivono da soli. Dato l’uso diffuso delle politiche di distanziamento fisico in tutto il mondo, è urgentemente necessario comprendere gli effetti a breve e lungo termine della ridotta interazione sociale faccia a faccia e del maggiore uso delle tecnologie digitali sullo sviluppo dell’adolescente e sulla salute mentale.”

Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti: una revisione di studi peer-reviewed

Il Viewpoint si basa su una revisione di studi peer-reviewed sull’isolamento sociale e l’adolescenza negli animali, sullo sviluppo sociale dei giovani (10-24 anni) e sugli studi sugli effetti dei social media nell’adolescenza e sulla salute mentale.

Gli autori osservano che le prove su animali e altre forme di isolamento sociale sono le prove migliori che abbiamo (molti studi sugli animali usano i roditori come modello animale preferito, in quanto sono creature innatamente sociali e se la cavano meglio in abitazioni sociali piuttosto che in abitazioni isolate) e potrebbero non applicarsi perfettamente alla situazione attuale. Ad esempio, non è chiaro quanto siano rilevanti i risultati degli studi sugli animali per le esigenze sociali degli esseri umani. Ulteriori ricerche sono urgentemente necessarie per capire come la privazione delle interazioni sociali nei giovani, specialmente con i loro coetanei, influenzi lo sviluppo sociale e la salute mentale.

I principali risultati degli studi sugli animali che esaminano l’isolamento grave suggeriscono che anche brevi periodi di isolamento sociale durante l’adolescenza (nei topi o nei ratti) possono essere associati a effetti sostanziali e potenzialmente a lungo termine nella chimica e nello sviluppo strutturale del cervello di questi animali.

Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti: l’uso dei social

Gli autori, tuttavia, hanno trovato pochi studi sugli effetti dell’isolamento sociale sulle persone. È emerso che l’estremo isolamento sociale è associato ad un aumento dell’angoscia, della depressione, dell’aggressività e dell’autolesionismo negli adulti. Questi effetti possono essere amplificati nei giovani, ma tali studi sono stati condotti in situazioni di isolamento molto più estremo, come l’isolamento in prigione. Differente potrebbe essere la ridotta interazione sociale associata al distanziamento fisico.

Altri studi suggeriscono che un isolamento sociale acuto nell’uomo adulto provoca un aumento dei sentimenti di solitudine, brama di contatto sociale e diminuzione della felicità, oltre a cambiamenti nell’attività cerebrale. Gli autori notano però che saranno necessarie ulteriori ricerche in questo campo.

Gli autori notano inoltre che l’uso da parte degli adolescenti delle tecnologie digitali e dei social media potrebbe mitigare alcuni degli effetti negativi del distanziamento fisico. Questi mezzi aiutano i giovani a mantenere i legami sociali anche quando non sono in grado di interagire di persona.

Gli adolescenti sono tra i primi a adottare su vasta scala tali tecnologie. Prima del blocco, gli studi sui giovani avevano già evidenziato un uso di routine delle tecnologie digitali come mezzi sociali. Uno studio condotto su adolescenti statunitensi ha rilevato che trascorrono più di quattro ore al giorno sui siti di social media e quasi la metà di loro ha riferito di essere quasi costantemente impegnata online.

Gli effetti dell’isolamento sugli adolescenti: il problema del divario digitale

Gli studi sul comportamento degli adolescenti suggeriscono che le componenti fondamentali e le qualità delle interazioni faccia a faccia, tra cui la condivisione di informazioni reciproche, il supporto sociale e l’ottenimento di premi sociali, sono presenti quando i giovani comunicano online.

La dott.ssa Amy Orben, coautrice dell’Unità di Scienze della conoscenza e del cervello del Medical Research Council dell’Università di Cambridge, ha dichiarato: “Le prove suggeriscono che il tipo di tecnologia digitale e il modo in cui viene utilizzata sono importanti per il benessere di un adolescente. Ad esempio, alcuni studi hanno dimostrato che l’uso attivo dei social media, come la messaggistica o la pubblicazione diretta sul profilo di un’altra persona, aumenta il benessere e aiuta a mantenere le relazioni personali. Tuttavia, è stato suggerito che gli usi passivi dei social media, come lo scorrimento dei feed di notizie, influenzano negativamente il benessere”.

Gli autori concludono che alcuni aspetti della comunicazione digitale potrebbero mitigare le conseguenze del distanziamento fisico e raccomandano ulteriori ricerche per esplorare questa possibilità. Inoltre, sostengono che i governi devono affrontare il problema del divario digitale, sostenendo l’accesso alla connessione digitale nelle famiglie, indipendentemente dal reddito o dalla posizione.

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

13 − 5 =