Il parto pretermine fa aumentare il rischio di sviluppare una cardiopatia ischemica

Le donne che hanno partorito prima della 37a settimana di gravidanza hanno un aumentato rischio di sviluppare una cardiopatia ischemica nel corso della loro vita, indipendentemente da altri fattori di rischio, come l’indice di massa corporea o il fumo. Questo allarme arriva da un recente studio, pubblicato sul Journal of the American College of Cardiology.

I risultati dello studio suggeriscono che la storia riproduttiva dovrebbe essere abitualmente inclusa nelle valutazioni del rischio cardiovascolare delle donne.

Parto pretermine e cardiopatia ischemica: un fattore di rischio da non sottovalutare

Il parto pretermine si verifica in circa il 9,6% delle nascite negli Stati Uniti ogni anno ed è definito come qualsiasi parto che si verifica in meno di 37 settimane. È stato scoperto che le donne che partoriscono prima del termine hanno un rischio aumentato di sviluppare in futuro malattie come l’ipertensione arteriosa, il diabete e le dislipidemie. Tutte queste condizioni sono a loro volta importanti fattori di rischio per la cardiopatia ischemica.

Studi precedenti hanno mostrato associazioni tra parto pretermine e rischio futuro di cardiopatia ischemica. Poco chiara però rimaneva la valutazione del rischio per questa malattia nel lungo termine e le variazioni in base alla durata della gravidanza. Inoltre, i contributi relativi di fattori familiari condivisi (genetici e / o ambientali), rispetto agli effetti diretti del parto pretermine sullo sviluppo di una cardiopatia ischemica erano mai stati valutati.

Parto pretermine e cardiopatia ischemica: il Registro svedese delle nascite

Questo è il primo studio che ha valutato la potenziale influenza di fattori familiari non misurati sulle associazioni tra parto pretermine e futuro rischio materno di cardiopatia ischemica.

I ricercatori hanno utilizzato lo Swedish Medical Birth Registry che contiene quasi tutte le informazioni prenatali e sulla nascita per i parti in Svezia. Hanno esaminato le variazioni a lungo termine dei rischi di cardiopatia ischemica nelle donne che hanno partorito, con un follow-up fino a 43 anni, tra il 1973-2015.

I ricercatori hanno identificato e studiato 2.189.190 donne che hanno avuto parti singoli durante il periodo di valutazione. Sono state eseguite analisi tra sorelle tra tutte le 1.188.730 donne (54,3%) con almeno una sorella che ha avuto un parto singolo.

La durata della gravidanza osservata comprendeva sei gruppi: estremamente pretermine (22-27 settimane), molto pretermine (28-33 settimane), tardive pretermine (34-36 settimane), prima fase (37-38 settimane), full-term (39- 41 settimane, gruppo di riferimento dello studio) e post-termine (42 settimane o più). Inoltre, i primi tre gruppi sono stati combinati per fornire stime di rischio riepilogative per la consegna pretermine.

Parto pretermine e cardiopatia ischemica: il rischio a lungo termine

In 47.5 milioni di anni-persona di follow-up, 49.955 (2,3%) donne sono state diagnosticate con cardiopatia ischemica. Nei 10 anni successivi al parto, le donne che hanno partorito pretermine o estremamente pretermine avevano rischi di sviluppare una cardiopatia ischemica di circa 2,5 e quattro volte, rispetto a quelle che avevano partorito a termine, dopo aggiustamento per altri fattori materni tra cui preeclampsia, diabete, elevato indice di massa corporea e fumo. Anche il parto anticipato si associava ad un aumentato rischio di cardiopatia ischemica (~ 1,4 volte).

Questi rischi sono successivamente diminuiti ma sono rimasti significativamente elevati anche dopo 30-43 anni dal parto. I risultati delle analisi tra sorelle hanno suggerito che questi risultati non erano attribuibili a fattori genetici o ambientali, condivisi nelle famiglie.

Parto pretermine e cardiopatia ischemica: un fattore di rischio indipendente

“Il parto pretermine dovrebbe ora essere riconosciuto come un fattore di rischio indipendente per la cardiopatia ischemica nel corso della vita”, ha dichiarato Casey Crump, professore di medicina di famiglia e salute della comunità presso la Icahn School of Medicine del Mount Sinai a New York. “La valutazione del rischio cardiovascolare nelle donne dovrebbe includere sistematicamente la storia riproduttiva che copre il parto pretermine e altre complicazioni della gravidanza. Le donne con una storia di parto pretermine possono giustificare azioni preventive per ridurre altri fattori di rischio di cardiopatia ischemica, tra cui obesità, inattività fisica e fumo e monitoraggio a lungo termine per il rilevamento e il trattamento tempestivo della cardiopatia ischemica.”

Parto pretermine e cardiopatia ischemica: le limitazioni dello studio

Questo studio ha diverse limitazioni, inclusa l’indisponibilità di dati clinici dettagliati per verificare le diagnosi di cardiopatia ischemica. Inoltre, le informazioni sulle diagnosi ambulatoriali non erano disponibili fino al 2001, con conseguente sottostima delle cardiopatie ischemiche. Infine, vi è la possibilità che altri fattori confondenti non completamente controllati, come il fumo materno, l’indice di massa corporea o altri fattori di rischio di cardiopatia ischemica durante la gravidanza, possano aver influenzato i risultati.

Poiché questo studio era limitato alla Svezia, dovrà essere replicato in altri paesi, comprese popolazioni di diversa razza per esplorare la potenziale eterogeneità dei risultati.

In un editoriale di accompagnamento Anne Marie Valente, direttore del Boston Heart Congenital Heart Program al Boston Children’s Hospital / Brigham and Women’s Hospital ha detto, “Le associazioni tra nascita pretermine e rischio futuro di malattia cardiovascolare sono state difficili da districare da potenziali confondenti, come la genetica o fattori comportamentali e sociali, e un punto di forza di questo studio sta superando questa limitazione con l’inclusione di un’analisi tra sorelle.”

Ha aggiunto, “Il rischio più elevato di cardiopatia ischemica nelle donne che avevano avuto un parto pretermine persisteva nell’analisi di tra sorelle, suggerendo che i fattori genetici o ambientali condivisi non erano alla base dell’associazione con cardiopatia ischemica. I nuovi risultati sono un invito all’azione per l’ulteriore sviluppo del campo della cardio-ostetricia.”

Lo Scientific Statement dell’American Heart Association

Leggi anche il nostro precedente articolo che presenta  un nuovo Scientific Statement dell’American Heart Association: Cardiovascular Considerations in Caring for Pregnant Patients.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

cinque × due =