Il sondaggio OMS: COVID-19 ha causato una interruzione dei servizi di salute mentale critici

Secondo un nuovo sondaggio dell’OMS, la pandemia COVID-19 ha interrotto o sospeso i servizi di salute mentale critici nel 93% dei paesi del mondo, mentre la domanda di salute mentale è in aumento. L’indagine, condotta su 130 paesi, fornisce i primi dati globali che evidenziano l’impatto devastante di COVID-19 sull’accesso ai servizi di salute mentale e sottolinea l’urgente necessità di maggiori finanziamenti.

Il sondaggio è stato pubblicato prima del Big Event for Mental Health dell’OMS, un evento globale di sensibilizzazione online che si è tenuto lo scorso 10 ottobre e ha riunito leader mondiali, celebrità e sostenitori, per chiedere maggiori investimenti sulla salute mentale sulla scia del COVID-19.

L’OMS ha già evidenziato il sottofinanziamento cronico dell’assistenza che riguarda la salute mentale: prima della pandemia, i paesi spendevano meno del 2% dei loro budget sanitari nazionali per la salute mentale e lottavano per soddisfare i bisogni delle loro popolazioni.

La pandemia sta aumentando la domanda di servizi di salute mentale. Il lutto, l’isolamento, la perdita di reddito e la paura stanno innescando condizioni di salute mentale o esacerbando quelle esistenti. Molte persone potrebbero dover affrontare livelli aumentati di consumo di alcol e droghe, insonnia e ansia. Nel frattempo, lo stesso COVID-19 può portare a complicazioni neurologiche e mentali, come delirio, agitazione e ictus. Le persone con preesistenti disturbi mentali, neurologici o da uso di sostanze sono inoltre più vulnerabili all’infezione da SARS-CoV-2 e possono avere un rischio maggiore di esiti gravi e persino di morte.

Gravi interruzioni ai servizi di salute mentale critici

Il sondaggio è stato condotto da giugno ad agosto 2020, tra 130 paesi nelle sei regioni dell’OMS. Valuta come la fornitura di servizi mentali, neurologici e di uso di sostanze sia cambiata a causa di COVID-19, i tipi di servizi che sono stati interrotti e come i paesi si stanno adattando per superare queste sfide.

I paesi hanno segnalato interruzioni diffuse di molti tipi di servizi di salute mentale critici:

  • Oltre il 60% ha segnalato interruzioni dei servizi di salute mentale per le persone vulnerabili, inclusi bambini e adolescenti (72%), anziani (70%) e donne che necessitano di servizi prenatali o postnatali (61%).
  • Il 67% ha riscontrato interruzioni nella consulenza e nella psicoterapia; 65% ai servizi di riduzione del danno critico; e il 45% al ​​trattamento di mantenimento con agonisti degli oppioidi per la dipendenza da oppioidi.
  • Quasi un terzo (35%) ha segnalato interruzioni degli interventi di emergenza, compresi quelli per le persone che hanno avuto convulsioni prolungate; gravi sindromi da astinenza da uso di sostanze e delirio, spesso un segno di una grave condizione medica di base.
  • Il 30% ha segnalato interruzioni nell’accesso ai farmaci per disturbi mentali, neurologici e da uso di sostanze.
  • Quasi tre quarti hanno segnalato interruzioni almeno parziali dei servizi di salute mentale a scuola e sul posto di lavoro (78% e 75% rispettivamente).

Telemedicina e teleterapia

Mentre molti paesi (70%) hanno adottato la telemedicina o la teleterapia per superare le interruzioni dei servizi di persona, vi sono notevoli disparità nell’adozione di questi interventi. Più dell’80% dei paesi ad alto reddito ha riferito di utilizzare la telemedicina e la teleterapia per colmare le lacune nella salute mentale, rispetto a meno del 50% dei paesi a basso reddito.

L’OMS ha emesso una guida ai paesi su come mantenere i servizi essenziali, inclusi i servizi di salute mentale, durante il COVID-19 e raccomanda che i paesi stanzino risorse per la salute mentale come componente integrante dei loro piani di risposta e recupero. L’Organizzazione esorta inoltre i paesi a monitorare i cambiamenti e le interruzioni dei servizi in modo che possano affrontarli come richiesto.

Sebbene l’89% dei paesi abbia riportato nel sondaggio che la salute mentale e il supporto psicosociale fanno parte dei loro piani di risposta COVID-19 nazionali, solo il 17% di questi paesi dispone di finanziamenti aggiuntivi completi per coprire queste attività.

Investimenti fruttuosi

Tutto ciò evidenzia la necessità di più investimenti per la salute mentale. Mentre la pandemia continua, una domanda ancora maggiore sarà posta sui programmi di salute mentale nazionali e internazionali che hanno sofferto anni di sottofinanziamento cronico. Spendere il 2% dei bilanci sanitari nazionali per la salute mentale non è sufficiente. Anche i finanziatori internazionali devono fare di più: la salute mentale riceve ancora meno dell’1% degli aiuti internazionali destinati alla salute.

Coloro che investono nella salute mentale ne raccoglieranno i frutti. Le stime precedenti al COVID-19 rivelano che quasi 1 trilione di dollari di produttività economica vengono persi ogni anno a causa della sola depressione e ansia. Tuttavia, gli studi dimostrano che ogni dollaro speso in cure basate sull’evidenza per la depressione e l’ansia restituisce cinque dollari.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 4 =