Immagine del coronavirus

Lettera aperta: puntare all’immunità di gregge è un errore pericoloso

Un gruppo di 80 ricercatori avverte che un cosiddetto approccio di immunità di gregge alla gestione del COVID-19, che consente lo sviluppo dell’immunità nelle popolazioni a basso rischio, proteggendo i più vulnerabili, è “un errore pericoloso non supportato dall’evidenza scientifica”.

Di fronte a una seconda ondata di COVID-19 e a più di un milione di decessi registrati in tutto il mondo, gli autori presentano la loro visione del consenso scientifico sulla nostra comprensione di COVID-19 e le strategie che devono essere messe in atto per proteggere le nostre società ed economie.

Restrizioni continue a breve termine

La lettera aperta, indicata dai suoi autori come John Snow Memorandum, è stata pubblicata nei giorni scorsi sulla rivista The Lancet. È firmata da 80 ricercatori internazionali (al momento della pubblicazione) con competenze che spaziano dalla sanità pubblica, epidemiologia, medicina, pediatria, sociologia, virologia, malattie infettive, sistemi sanitari, psicologia, psichiatria, politica sanitaria e modellazione matematica. La lettera sarà lanciata anche durante il programma del 16° Congresso mondiale sulla salute pubblica 2020.

Affermano: “È fondamentale agire con decisione e urgenza. Misure efficaci che sopprimono e controllano la trasmissione devono essere implementate ampiamente e devono essere supportate da programmi finanziari e sociali che incoraggino le risposte della comunità e affrontino le disuguaglianze che sono state amplificate dalla pandemia”.

“Probabilmente saranno necessarie restrizioni continue a breve termine, per ridurre la trasmissione e rimediare a sistemi inefficienti di risposta alla pandemia, al fine di prevenire futuri blocchi. Lo scopo di queste restrizioni è di sopprimere efficacemente le infezioni SARS-CoV-2 a livelli bassi che consentono il rilevamento rapido di focolai localizzati e una risposta rapida attraverso sistemi di ricerca, test, traccia, isolamento e supporto efficienti e completi in modo che la vita possa tornare quasi normale senza la necessità di restrizioni generalizzate. La protezione delle nostre economie è inestricabilmente legata al controllo di COVID-19. Dobbiamo proteggere la nostra forza lavoro ed evitare l’incertezza a lungo termine”.

La trasmissione incontrollata del virus

Gli autori riconoscono che le restrizioni in corso hanno comprensibilmente portato a una demoralizzazione diffusa e alla diminuzione della fiducia tra il pubblico e che di fronte a una seconda ondata di infezione vi è un rinnovato interesse per i cosiddetti approcci di immunità naturale del gregge (consentendo un ampio focolaio incontrollato nel popolazione a basso rischio proteggendo al contempo i vulnerabili, cosa che alcuni sostengono potrebbe portare allo sviluppo dell’immunità della popolazione acquisita dall’infezione nella popolazione a basso rischio, che alla fine proteggerà i vulnerabili). Dicono che qualsiasi strategia di gestione della pandemia che si basi sull’immunità naturale dalle infezioni per COVID-19 è difettosa.

Spiegano che la trasmissione incontrollata nei giovani rischia di gravi problemi di salute e morte in tutta la popolazione – con prove del mondo reale provenienti da molti paesi che dimostrano che non è possibile limitare i focolai incontrollati a determinate sezioni della società, ed è praticamente impossibile e altamente immorale isolare ampie fasce della popolazione. Invece, affermano che gli sforzi speciali per proteggere i più vulnerabili sono essenziali, ma devono andare di pari passo con strategie su più fronti a livello di popolazione.

Ondate di epidemie ricorrenti

Affermano inoltre che non ci sono prove di un’immunità protettiva duratura alla SARS-CoV-2 dopo l’infezione naturale e avvertono che questa immunità calante a causa dell’infezione naturale non porrebbe fine alla pandemia COVID-19, ma provocherebbe invece ondate ripetute di trasmissione per diversi anni. Dicono che questo potrebbe mettere le popolazioni vulnerabili a rischio per un futuro indefinito, poiché le strategie di immunità di gregge basate sulle infezioni naturali porterebbero a epidemie ricorrenti, come si è visto con molte malattie infettive prima della vaccinazione di massa. Invece, gli autori chiedono la soppressione del virus fino a quando la popolazione non può essere vaccinata.

Gli autori avvertono inoltre che l’immunità di gregge basata sulle infezioni naturali rischia di avere un impatto sulla forza lavoro nel suo insieme e di schiacciare la capacità dei sistemi sanitari di fornire cure acute e di routine. Notano che ancora non capiamo chi potrebbe soffrire di “Long COVID” e che l’approccio all’immunità di gregge pone un onere inaccettabile per gli operatori sanitari, molti dei quali sono morti a causa del COVID-19 o hanno subito traumi.

La lettera conclude: “L’evidenza è molto chiara: il controllo della diffusione nella comunità del COVID-19 è il modo migliore per proteggere le nostre società ed economie fino a quando nei prossimi mesi non arriveranno vaccini e terapie sicuri ed efficaci. Non possiamo permetterci distrazioni che minano una risposta efficace; è essenziale che agiamo con urgenza sulla base delle prove”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × 2 =