Prima si inizia a fumare, maggiore il rischio di infarto e ictus

I fumatori hanno quasi tre volte il rischio di morte prematura per malattie cardiovascolari rispetto alle persone che non hanno mai fumato. Il rischio maggiore sembra però essere presente tra coloro che hanno iniziato a fumare in giovane età. Questi nuovi risultati sugli effetti negativi del fumo arrivano da un recente studio pubblicato sul Journal of the American Heart Association.

Iniziare a fumare in giovane età

Il fumo continua a causare circa 100.000 decessi per malattie cardiovascolari ogni anno negli Stati Uniti. Attualmente ci sono circa 25 milioni di persone che fumano ogni giorno, inclusi 5 milioni che sono diventati fumatori regolari prima dei 15 anni.

Una ricerca precedente, condotta a Cuba, aveva trovato una correlazione tra il fumo infantile e un rischio più elevato di morte prematura in generale. In questo nuovo studio, i ricercatori si sono proposti di determinare se i risultati fossero generalizzabili in altre popolazioni, conducendo un’analisi simile dei dati statunitensi incentrati sulla morte per malattie cardiovascolari.

“È stato sorprendente vedere quanto questi risultati fossero coerenti con la nostra ricerca precedente e con altri studi in tutto il mondo, inclusi Regno Unito, Australia e Giappone, tra gli altri, sia in termini di rischi sostanziali associati al fumo che con la salute benefici di smettere di fumare “, ha detto l’autore principale dello studio Blake Thomson, epidemiologo presso l’Università di Oxford, in Inghilterra.

“L’età in cui una persona inizia a fumare è un fattore importante e spesso trascurato, e coloro che iniziano a fumare in giovane età corrono un rischio particolarmente elevato di morire prematuramente per malattie cardiovascolari. Tuttavia, smettere di fumare può ridurre sostanzialmente tale rischio, soprattutto per coloro che smettono in età più giovane. Far sì che le persone smettano di fumare rimane una delle maggiori priorità per la salute a livello globale”.

Malattie cardiache o ictus

Utilizzando i dati raccolti tra il 1997 e il 2014, dall’annuale US National Health Interview Survey, i ricercatori hanno esaminato le storie mediche, le abitudini di vita e i dati demografici di fumatori e non fumatori. Lo studio ha incluso 390.929 adulti, di età compresa tra 25 e 74 anni (età media di 47 anni), il 56% di sesso femminile. I fumatori occasionali sono stati esclusi dallo studio. I fumatori sono stati raggruppati in base all’età in cui hanno iniziato a fumare.

Durante il periodo di follow-up, 4.479 persone sono morte prima dei 75 anni per malattie cardiache o ictus. Dopo aver corretto le potenziali variabili confondenti, come l’età, l’istruzione, il consumo di alcol, la regione e la razza, i ricercatori hanno scoperto che tra i fumatori, il 2% aveva iniziato a fumare prima dei 10 anni e il 19% aveva iniziato a fumare tra i 10 ei 14 anni.

Coloro che avevano smesso di fumare all’età di 40 anni hanno ridotto di circa il 90% il rischio di morte prematura per malattie cardiovascolari.

Smettere di fumare a qualsiasi età offriva benefici, e prima una persona smetteva, meglio era, secondo i risultati.

Un rischio maggiore

L’analisi ha inoltre rilevato che, rispetto ai coetanei che non avevano mai fumato, i fumatori che avevano smesso di fumare tra i 15 ei 34 anni avevano circa lo stesso rischio di morire per malattie cardiache o ictus. Coloro che avevano smesso di fumare tra i 35 ei 44 anni avevano un rischio maggiore di circa il 20%. Coloro che avevano smesso di fumare tra i 45 ei 54 anni avevano un rischio maggiore di circa il 60%. Coloro che avevano smesso di fumare tra i 55 ei 64 anni avevano un rischio maggiore di circa il 70% di morte per malattie cardiache o ictus. Coloro che erano ancora fumatori avevano quasi tre volte il rischio di morire prematuramente per malattie cardiache o ictus.

“Prevenire il fumo della prossima generazione può salvare vite umane, ma dobbiamo anche sottolineare che smettere di fumare può salvare vite ora e negli anni a venire”, ha detto Thomson. “In poche parole, le politiche sanitarie dovrebbero mirare a impedire ai giovani di fumare e dovrebbero comunicare chiaramente i benefici di smettere di fumare a coloro che fumano, idealmente il più presto possibile, e prima dell’inizio di una malattia grave”.

“Questo studio aggiunge al corpo di prove che iniziare a fumare in età più giovane può aumentare significativamente il rischio di morte per malattie cardiovascolari.” Ha detto Rose Marie Robertson, ufficiale medico dell’American Heart Association.

Le sigarette elettroniche

“Questi dati precedono l’esplosione dell’uso di sigarette elettroniche negli Stati Uniti e risultati simili a lungo termine dello svapo possono essere valutati solo nel tempo. Tuttavia, i rischi per la salute hanno iniziato a emergere e sappiamo che lo svapo tra gli adolescenti è un precursore del fumo di sigarette combustibili per molti”, ha affermato Robertson, che è anche co-direttore del Tobacco Center of Regulatory Science dell’AHA.

Thomson ha affermato che sono necessarie ulteriori ricerche per chiarire meglio i meccanismi attraverso i quali il fumo prolungato dall’infanzia influisce sul rischio cardiovascolare. La ricerca futura dovrebbe anche esaminare ulteriormente l’associazione tra l’inizio precoce del fumo e la morte per altre cause, come malattie respiratorie e tumori, e in altre popolazioni.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11 − 7 =