COVID-19: pubblicata una nuova analisi sui risultati ottenuti con il vaccino Oxford

Solo pochi giorni fa avevamo pubblicato un articolo sullo studio che aveva presentato i risultati preliminari ottenuti con il vaccino Oxford per COVID-19. Arriva ora una nuova analisi, più completa, ma pur sempre provvisoria, sullo stesso vaccino. Si rileva che la protezione nei confronti delle malattie sintomatiche si ottiene nel 70% dei casi, con un’efficacia del 62% per coloro che avevano ricevuto due dosi intere e del 90% in quelli che avevano ricevuto metà dose e poi una dose piena. Sono i primi risultati completi di efficacia, sottoposti a revisione paritaria, a essere pubblicati, in questo caso sulla rivista The Lancet, per un vaccino COVID-19.

Vaccino Oxford: risultati chiave

Il vaccino è risultato sicuro, con solo tre partecipanti su 23.745 in una mediana di 3,4 mesi che hanno manifestato eventi avversi gravi che erano probabilmente correlati a un vaccino. Uno nel braccio del vaccino, uno nel braccio di controllo e uno in un partecipante che rimane mascherato dall’assegnazione di gruppo. Tutti i partecipanti si sono ripresi o si stanno riprendendo e rimangono nello studio.

L’autore dello studio, il dottor Merryn Voysey, dell’Università di Oxford, Regno Unito, afferma:

“I risultati presentati in questo rapporto forniscono i risultati chiave della nostra prima analisi ad interim. Nelle analisi future, includendo più dati non appena saranno disponibili, esamineremo le differenze in sottogruppi chiave come gli anziani, le varie etnie, le dosi, i tempi dei vaccini di richiamo e determineremo quali risposte immunitarie equivalgono alla protezione da infezioni o malattie.”

L’autore principale dello studio, il professor Andrew Pollard, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, afferma:

“Il controllo della pandemia sarà raggiunto solo se la licenza, la produzione e la distribuzione di questi vaccini possono essere raggiunte su una scala senza precedenti e la vaccinazione viene estesa a coloro che sono vulnerabili. I nostri risultati indicano che l’efficacia del nostro vaccino supera le soglie fissate dalle autorità sanitarie e potrebbe avere un potenziale impatto sulla salute pubblica”.

Il vaccino Oxford COVID-19 utilizza un vettore virale dell’adenovirus di scimpanzé che non può causare malattie negli esseri umani ed esprime la proteina spike del virus SARS-CoV-2. Ciò significa che il vaccino trasporta il codice genetico della proteina spike nelle cellule delle persone vaccinate, e insegna al sistema immunitario a riconoscere e attaccare il virus.

I risultati di studi precedenti hanno rilevato che il vaccino induce risposte immunitarie di anticorpi e cellule T ed è sicuro negli adulti di età pari o superiore a 18 anni, compresi gli anziani.

Uno studio condotto in Regno Unito, Brasile e Sud Africa

Per il nuovo studio, gli autori hanno analizzato i dati di 23.745 adulti nel Regno Unito, Brasile e Sud Africa (rispettivamente 11.730, 10.002 e 2.013 in ciascun paese). L’analisi ad interim pubblicata oggi riunisce i dati per l’analisi, fornendo una maggiore precisione per i risultati di efficacia e sicurezza rispetto a quanto possibile nei singoli studi e fornendo una più ampia comprensione dell’uso del vaccino in diverse popolazioni.

Nello studio, a metà dei partecipanti è stato somministrato il vaccino COVID-19 e all’altra metà un controllo (un vaccino coniugato meningococcico o una soluzione salina). Lo studio era originariamente progettato per valutare una singola dose del vaccino, ma in seguito alla revisione dei dati sulla risposta immunitaria nello studio di fase 1/2 del Regno Unito, che ha rilevato che una seconda dose ha potenziato le risposte immunitarie, è stata aggiunta un’altra dose al protocollo di prova.

I partecipanti al gruppo vaccino COVID-19 hanno ricevuto due dosi ciascuna contenente 5×1010 particelle virali (una dose standard). Tuttavia, un sottogruppo (1.367 persone) nel Regno Unito ha ricevuto una mezza dose alla prima somministrazione, seguita da una seconda dose completa. Ciò era dovuto alle differenze nei risultati dei metodi di quantificazione tra i lotti del vaccino.

Il gruppo a basso dosaggio/dose standard non includeva adulti di età superiore ai 55 anni poiché la dose bassa era stata somministrata in una fase iniziale dello studio prima che iniziasse il reclutamento degli anziani.

La maggior parte dei partecipanti aveva un’età compresa tra 18 e 55 anni

Gli autori hanno utilizzato il numero di casi di infezione sintomatica e asintomatica per determinare l’efficacia del vaccino.

Nel complesso, la maggior parte dei partecipanti aveva un’età compresa tra 18 e 55 anni (82%), poiché le persone di età pari o superiore a 56 anni sono state reclutate in seguito e saranno studiate nelle analisi future dello studio. Delle 11.636 persone incluse nell’analisi dell’efficacia del vaccino contro la malattia sintomatica, il 12% erano adulti più anziani e la maggior parte erano bianchi (83%).

La sicurezza è stata monitorata per una mediana di 3,4 mesi in tutti i 23.745 partecipanti provenienti da Regno Unito, Brasile e Sud Africa. Su 23.745 partecipanti, 168 hanno sperimentato un totale di 175 eventi avversi gravi nel periodo, ma 172 eventi non erano correlati al COVID-19 o ai vaccini di controllo.

Un evento si è verificato nel gruppo di controllo (un caso di anemia emolitica), un evento si è verificato nel gruppo vaccino COVID-19 (un caso di mielite trasversa considerata possibilmente correlata al vaccino) e un caso di febbre grave (> 40 ° C) è stato segnalato in Sud Africa in un partecipante che rimane mascherato all’assegnazione di gruppo e si è ripreso rapidamente e non è stato ricoverato in ospedale. Tutti e tre i partecipanti si sono ripresi o si stanno riprendendo e continuano a far parte della sperimentazione.

La malattia sintomatica COVID-19

L’endpoint primario dello studio era determinare quanti casi di malattia COVID-19 sintomatica si verificavano nei partecipanti che avevano ha ricevuto due dosi di vaccino (con la prima dose bassa o dose standard e la seconda dose standard), rispetto ai controlli. La malattia doveva essere confermata da test positivo e il partecipante avere febbre, tosse, mancanza di respiro o perdita dell’olfatto o del gusto.

Sono stati inclusi solo i casi che si sono verificati 14 giorni dopo la seconda vaccinazione.

Ci sono stati 131 casi di malattia sintomatica COVID-19, più di 14 giorni dopo la seconda dose di vaccino, in queste 11.636 persone. Ciò includeva lo 0,5% dei casi nel gruppo vaccino e l’1,7% dei casi nel gruppo di controllo, il che equivale a un’efficacia del vaccino del 70%.

Scomponendo i risultati in base alla dose del vaccino i risultati che emergono presentano alcuni aspetti sorprendenti. Coloro che avevano ricevuto due dosi standard hanno fatto registrare un’efficacia del 62% (0,6% di casi nel gruppo vaccino e 1,6% di casi nel gruppo di controllo). Se si analizzano però i dati ottenuti nel gruppo di soggetti trattati con dose bassa/dose standard, l’efficacia del vaccino sale al 90% (0,2% di casi nel gruppo vaccino e 2,2% di casi nel gruppo di controllo.

Proprio per questo risultato singolare, gli autori hanno completato analisi esplorative per sottogruppi, su richiesta dei revisori, per studiare la differenza di efficacia contro la malattia sintomatica nel gruppo a basso dosaggio/dose standard e nel gruppo a due dosi standard. Questi dovevano aiutare a capire se la differenza riscontrata era correlata alla dose o ad altri fattori, come età dei partecipanti e intervallo di tempo tra le dosi del vaccino.

Hanno scoperto che, indipendentemente dall’età o dal tempo tra le dosi, le loro analisi suggerivano una maggiore efficacia nel gruppo a basso dosaggio/dose standard. Tuttavia, queste analisi esplorative forniscono un suggerimento e richiederanno ulteriori ricerche man mano che più dati saranno disponibili.

L’efficacia del vaccino nei gruppi di età più avanzata

Cinque casi di malattia sintomatica COVID-19 si sono verificati in persone di età superiore a 55 anni, ma non è stato possibile valutare l’efficacia del vaccino nei gruppi di età più avanzata poiché i casi erano troppo pochi. Gli autori affermano che questa analisi sarà completata in futuro.

“Per valutare l’efficacia del vaccino, dobbiamo avere un numero sufficiente di casi di COVID-19 tra i partecipanti per indicare che li protegge dalle malattie. Poiché il reclutamento degli anziani è iniziato più tardi rispetto agli adulti più giovani, il tempo di follow-up per queste coorti è stato inferiore e il tempo per accumulare casi di COVID-19 è stato inferiore. Ciò significa che dobbiamo aspettare più a lungo per avere dati sufficienti per fornire buone stime di efficacia del vaccino in sottogruppi più piccoli”,

dice il dottor Voysey.

La protezione contro la trasmissione tra soggetti asintomatici, vaccinati

Lo studio ha anche misurato la protezione contro le infezioni asintomatiche chiedendo a 6.638 partecipanti del Regno Unito di completare i test COVID settimanali. Tuttavia, è importante notare che questi dati sono esiti secondari e che i risultati dovranno essere confermati quando saranno disponibili più dati dallo studio.

Ci sono stati 69 casi di malattia COVID-19 asintomatica identificati nel test settimanale COVID-19 dello studio britannico su 6.638 persone. Ciò includeva lo 0,9% dei casi nel gruppo vaccino e l’1,2% dei casi nel gruppo di controllo, portando a un’efficacia del vaccino contro la trasmissione asintomatica del 27%.

Nel gruppo a basso dosaggio/dose standard, ci sono stati lo 0,6% di casi nel gruppo vaccino e l’1,5% di casi nel gruppo di controllo, con un’efficacia del vaccino contro la trasmissione asintomatica del 59%.

Nelle persone a cui sono state somministrate due dosi standard l’efficacia del vaccino contro la trasmissione asintomatica è risultata del 4%.

Vaccino COVID: la protezione contro i casi gravi

I casi di malattia grave e ospedalizzazione sono stati monitorati in tutti i 23.745 partecipanti. A partire da 21 giorni dopo la prima dose ci sono stati 10 casi ospedalizzati per COVID-19, tutti nel braccio di controllo, e due sono stati classificati come gravi, incluso un decesso. Anche questi sono risultati secondari e richiederanno ulteriori conferme.

La coautrice, la professoressa Sarah Gilbert, dell’Università di Oxford, nel Regno Unito, afferma: “Nonostante la diffusione globale di COVID-19, una grande percentuale della popolazione in molti paesi non è stata infettata e non è immune. I vaccini possono svolgere un ruolo importante nell’aumentare l’immunità, prevenire malattie gravi e ridurre la crisi sanitaria, quindi la possibilità che più di un vaccino efficace possa essere approvato per l’uso nel prossimo futuro è incoraggiante. Qui abbiamo dimostrato per la prima volta che un vaccino adenovirale vettoriale – un tipo di tecnologia vaccinale in uso dal 2009 – è efficace e potrebbe contribuire al controllo della malattia nella pandemia COVID-19.”

Gli autori fanno notare che non sono ancora in grado di valutare la durata della protezione, poiché i primi studi sono stati avviati nell’aprile 2020 e tutti gli episodi di malattia si sono accumulati entro sei mesi dalla somministrazione della prima dose. Saranno necessarie ulteriori prove per determinare la durata della protezione e la necessità di aggiungere dosi di richiamo del vaccino.

Il commento editoriale

Scrivendo in un commento collegato, la dott.ssa Maria Deloria Knoll e la dott.ssa Chizoba Wonodi, Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, USA, dicono:

“L’accordo di 2-3 dollari USA per dose del vaccino di Oxford-AstraZeneca con COVAX è una buona promessa per un accesso equo per i paesi a basso e medio reddito, rispetto al costo elevato dei due vaccini a mRNA che hanno anch’essi riportato un’efficacia superiore al 90%. Il vaccino ChAdOx1 nCoV-19 può anche utilizzare la catena del freddo refrigerata di routine, il che è importante poiché i congelatori a temperatura ultra bassa necessari per conservare i vaccini a mRNA potrebbero essere inaccessibili e poco pratici in molti paesi e in ambienti come le case di cura. Tuttavia, altre sfide con qualsiasi regime a due dosi esisteranno in molti paesi a basso e medio reddito in cui mancano piattaforme per identificare, localizzare e raggiungere facilmente – due volte – gli adulti destinatari della vaccinazione. Se le due iniezioni di vaccino richiedono dosi diverse, ciò aggiungerà complessità per gli operatori sanitari con poca formazione, ma può essere gestito con un packaging innovativo e una corretta gestione delle modifiche per ridurre gli errori…

Di fronte alla scelta dei vaccini, i National Immunization Technical Advisory Groups dovranno considerare tutti i fattori e decidere quale vaccino è giusto per il loro contesto. L’efficacia è una considerazione importante, ma lo sono anche la pragmatica della distribuzione, l’accettazione da parte della comunità, la longevità dell’effetto, se un vaccino riduce l’infezione e la trasmissione così come la malattia, l’efficacia nei gruppi ad alto rischio e, naturalmente, la sicurezza. Nonostante le domande e le sfide in sospeso nella fornitura di questi vaccini, è difficile non essere entusiasti di questi risultati e ora l’esistenza di tre vaccini COVID-19 sicuri ed efficaci, con altri 57 negli studi clinici. Con una serie di produttori, un investimento globale molto ampio nella produzione e nella cooperazione nell’approvvigionamento e nella distribuzione, sembra probabile che nel 2021 i vaccini COVID-19 saranno resi disponibili a tutti i paesi del mondo. Forse a quest’ora il prossimo anno, potremo celebrare il controllo globale di SARS-CoV-2″.

 

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

sette + quattro =