Home Ginecologia Gli antibiotici nelle prime settimane di vita portano a una crescita ridotta...

Gli antibiotici nelle prime settimane di vita portano a una crescita ridotta dei bambini

8
0

L’esposizione agli antibiotici nelle prime settimane di vita si associa a peso e altezza ridotti nei ragazzi fino ai sei anni, ma non nelle ragazze. È quanto viene rilevato da un recente studi, pubblicato sulla rivista Nature Communications. Lo studio suggerisce che questo effetto potrebbe essere dovuto a cambiamenti nello sviluppo del microbioma intestinale.

È stato segnalato che l’uso di antibiotici nei neonati durante le prime settimane di vita porta ad alterazioni nella composizione del microbioma intestinale. Tuttavia, le conseguenze a lungo termine di questa esposizione non erano finora state chiarite.

Cambiamenti a lungo termine nel microbioma intestinale

Omry Koren e colleghi hanno studiato l’associazione tra l’esposizione agli antibiotici durante il periodo neonatale, ovvero entro i primi 14 giorni dopo la nascita, e la crescita del bambino fino all’età di sei anni. Per far questo hanno valutato una coorte di 12.422 bambini nati tra il 2008 e il 2010 a Turku, in Finlandia. Utilizzando un punteggio statistico basato su grafici di crescita, gli autori hanno scoperto che i ragazzi – ma non le ragazze – nel loro campione che erano stati esposti ad antibiotici da neonati mostravano pesi e altezze inferiori fino all’età di sei anni, rispetto a quelli che non lo erano.

Tuttavia, dopo il periodo neonatale e fino all’età di sei anni, l’uso di antibiotici è stato associato a un indice di massa corporea più elevato sia nei ragazzi che nelle ragazze.

In esperimenti separati, gli autori hanno trapiantato microbiota fecale da neonati esposti ad antibiotici e non esposti a topi privi di germi. Nei topi maschi, quelli che hanno ricevuto un trapianto di microbiota da bambini 1 e 24 mesi dopo il trattamento antibiotico hanno dimostrato di avere una crescita ridotta. Nessun cambiamento è stato osservato nelle femmine di topo.

Gli autori suggeriscono che l’esposizione precoce agli antibiotici sia associata a cambiamenti a lungo termine nel microbioma intestinale, che possono comportare una crescita ridotta nei ragazzi fino all’età di sei anni. Tuttavia, notano che i limiti nel loro studio – come una comprensione incompleta dell’effetto delle cause sottostanti che hanno portato all’uso di antibiotici – impongono cautela nell’interpretazione dei risultati.

 

 

Articolo precedenteCOVID-19: l’anticoagulazione precoce non influenza la sopravvivenza
Articolo successivoNuovi nanosensori per identificare e misurare più velocemente i biomarcatori
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. I primi sono medici chirurghi, con specializzazioni in differenti aree e discipline mediche, che rivedono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, proponendo articoli che forniscono ai professionisti della sanità un agile strumento di aggiornamento. Altri collaboratori, di formazione medica o con altre competenze, contribuiscono alla composizione degli articoli inseriti nelle rubriche di carattere non scientifico, tra cui quelle dedicate ad argomenti sportivi e quelle che propongono temi su viaggi e turismo. La redazione cura inoltre la valutazione, elaborazione e pubblicazione di comunicati stampa di aziende e organizzazioni governative e non governative.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

tre × 2 =