USA: aumenta la mortalità per le malattie cardiache nelle donne giovani

Uno studio statunitense a livello nazionale ha rilevato un aumento dei tassi di mortalità per malattie cardiache nelle donne sotto i 65 anni. La ricerca è stata pubblicata sullo European Heart Journal – Quality of Care and Clinical Outcomes. Lo studio ha scoperto che mentre i tassi di mortalità per cancro sono diminuiti anno per anno tra il 1999 e il 2018, dopo un calo iniziale, i tassi di mortalità per malattie cardiache sono aumentati dal 2010.

Le donne spesso mettono la salute e le esigenze degli altri prima delle proprie

“Le giovani donne negli Stati Uniti stanno diventando meno sane, il che ora sta invertendo i precedenti miglioramenti nei decessi per malattie cardiache”, ha detto l’autore senior Dr. Erin Michos della Johns Hopkins University School of Medicine, Baltimora, USA. “Con il peggioramento delle epidemie di diabete e obesità nei paesi sviluppati, i nostri risultati sono un segnale di avvertimento che dobbiamo prestare maggiore attenzione alla salute delle giovani donne”.

“Le donne spesso mettono la salute e le esigenze degli altri prima delle proprie, spesso si prendono cura dei bambini e dei genitori e lavorano a tempo pieno”, ha continuato la dott.ssa Michos. “Ma se hanno un infarto miocardico fatale, non saranno lì per i propri cari. Le donne devono dare la priorità alla propria salute, soprattutto perché le malattie cardiache sono in gran parte prevenibili”.

Le malattie cardiache sono la principale causa di morte nel mondo. Nella fascia di età sotto i 65 anni nei paesi sviluppati, la maggior parte dei decessi è dovuta al cancro e le malattie cardiache sono la seconda ragione. Questo studio ha confrontato i decessi correlati a malattie cardiache e cancro nelle donne sotto i 65 anni negli Stati Uniti. I ricercatori hanno analizzato i certificati di morte tra il 1999 e il 2018, ottenuti da un database sanitario nazionale.

I tassi di mortalità per malattie cardiache sono aumentati tra il 2010 e il 2018

Durante il periodo di 19 anni, i tassi di mortalità aggiustati per età per cancro e malattie cardiache erano rispettivamente di 52,6 e 24,0 per 100.000. La causa più comune di morte per malattie cardiache è stata la cardiopatia ischemica (56%), mentre il cancro del tratto respiratorio/polmonare (23%) è stata la principale causa di morte per cancro.

Durante l’intero periodo di studio, i tassi di mortalità aggiustati per età sono diminuiti sia per il cancro che per le malattie cardiache. Però, mentre i tassi di mortalità per cancro sono diminuiti costantemente durante i 19 anni, i tassi di mortalità per malattie cardiache sono inizialmente diminuiti e poi sono aumentati tra il 2010 e il 2018. Di conseguenza, il divario assoluto di mortalità tra cancro e malattie cardiache è diminuito significativamente da 32,7 a 23,0 per 100.000/anno.

Gli autori hanno affermato: “Se non vengono prese misure estreme di salute pubblica per mitigare i fattori di rischio cardiovascolare, concentrandosi sui gruppi ad alto rischio, la mortalità per malattie cardiache può sostituire il cancro e diventare la principale causa di morte nelle giovani donne”.

Il primo autore, il dottor Safi Khan della West Virginia University, Morgantown, negli Stati Uniti, ha dichiarato: “Sono necessari sforzi più intensi per prevenire e curare le malattie cardiache nelle giovani donne per invertire l’aumento dei decessi”.

Michos ha aggiunto: “C’è un malinteso secondo cui le donne non sono a rischio di malattie cardiache prima della menopausa, ma un terzo dei loro problemi cardiovascolari si verifica prima dei 65 anni. Studi su giovani pazienti con infarto mostrano che rispetto agli uomini, alle donne non era stato detto che erano a rischio di malattie cardiache prima dell’attacco e meno spesso ricevevano stent e farmaci”.

Ha poi concluso: “La maggior parte delle malattie cardiache può essere evitata con una dieta sana ed equilibrata, attività fisica, non fumare e mantenendo una pressione sanguigna, glicemia, livello di colesterolo e peso corporeo sani. Solo perché una donna è prima della menopausa non significa che non sia a rischio. Sfortunatamente, il primo attacco può essere fatale, quindi dobbiamo fare di meglio con la prevenzione”.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

19 − 5 =