Home Cardiologia I pazienti con diabete non percepiscono i sintomi della fibrillazione atriale

I pazienti con diabete non percepiscono i sintomi della fibrillazione atriale

457
0
L'innesco di una fibrillazione atriale

Un recente studio ha messo in luce come gli adulti con diabete di tipo 1 o di tipo 2 e con fibrillazione atriale avevano meno probabilità di percepire un battito cardiaco irregolare. La ricerca, pubblicata sul Journal of American Heart Association, ha inoltre evidenziato che questi pazienti hanno più probabilità di avere una qualità di vita inferiore e presentavano più malattie concomitanti, rispetto alle persone con fibrillazione atriale che non avevano il tipo 1 o il tipo 2.

La fibrillazione atriale è un’aritmia cardiaca sempre più comune nelle persone anziane. Entro il 2030, si prevede che il numero di persone con questa aritmia negli Stati Uniti salirà a circa 12,1 milioni. È noto che condizioni di salute croniche, tra cui diabete di tipo 1 o di tipo 2, asma e ipertiroidismo, aumentano il rischio di sviluppare una fibrillazione atriale.

adv

“Poiché il diabete è uno dei principali fattori di rischio per la fibrillazione atriale, il nostro team ha studiato se i pazienti con e senza diabete differiscono in termini di sintomi e complicanze della fibrillazione atriale”, ha affermato l’autore dello studio Tobias Reichlin, professore di cardiologia presso l’Università di Berna, a Berna, in Svizzera. “Questa ricerca può fornire approfondimenti sul miglioramento della gestione della fibrillazione atriale e sulla prevenzione delle sue complicanze”.

Diabete insulino-dipendente o diabete non insulino-dipendente

I ricercatori hanno studiato 2.411 pazienti con diagnosi di fibrillazione atriale che sono stati arruolati in 14 centri sanitari in Svizzera dal 2014 al 2017, come parte dello studio Swiss-AF (Swiss Atrial Fibrillation). L’età media dei partecipanti allo studio era di circa 74 anni e circa il 27% erano donne.

Al momento dell’arruolamento nello studio, i partecipanti dovevano essere sottoposti a un esame clinico, a un prelievo di sangue, a una valutazione cognitiva e della qualità della vita e a un elettrocardiogramma a riposo di 5 minuti. A circa il 17% dei partecipanti allo studio è stato diagnosticato il diabete, in base alle loro cartelle cliniche e al fatto che stessero assumendo farmaci per il diabete. Tra i partecipanti allo studio con diagnosi di diabete, sono stati ulteriormente classificati come affetti da diabete insulino-dipendente o diabete non insulino-dipendente, entrambi i quali includevano persone con diabete di tipo 1 e di tipo 2.

Per determinare come il diabete può influenzare i pazienti con fibrillazione atriale, i ricercatori hanno confrontato i sintomi, la qualità della vita, le comorbilità cardiache e le comorbilità neurologiche tra i partecipanti con e senza diabete.

Le persone con diabete avevano un rischio di ictus aumentato del 39%

Rispetto alle persone con fibrillazione atriale che non avevano il diabete, è emerso che le persone con diabete avevano circa il 25% in meno di probabilità, rispetto a quelle senza diabete, di riconoscere i sintomi comuni della fibrillazione atriale come un battito cardiaco accelerato. Le persone con diabete avevano tre volte più probabilità di quelle senza diabete di avere la pressione alta e il 55% in più di probabilità di avere avuto in precedenza un infarto del miocardio e circa il doppio delle probabilità di avere insufficienza cardiaca.

Le persone con diabete avevano un rischio di ictus aumentato del 39% e avevano il 75% di probabilità in più di avere un deterioramento cognitivo.

“È notevole scoprire che i pazienti con diabete avevano un ridotto riconoscimento dei sintomi della fibrillazione atriale”, ha detto Reichlin. “La ridotta percezione dei sintomi della fibrillazione atriale può comportare una diagnosi ritardata di fibrillazione atriale e, di conseguenza, più complicazioni come l’ictus. I nostri risultati sollevano la questione se i pazienti con diabete debbano essere sottoposti a screening di routine per la fibrillazione atriale.”

Quando i ricercatori hanno esaminato aree specifiche relative alla qualità della vita, hanno scoperto inoltre che avere il diabete e la fibrillazione atriale ha avuto un impatto negativo sulla mobilità, sulla cura di sé e sulle normali attività più che per le persone senza diabete.

Lo screening dei pazienti anziani con diabete per la fibrillazione atriale

“Questi nuovi importanti risultati del grande studio svizzero sulla fibrillazione atriale mostrano che rispetto ai pazienti affetti da fibrillazione atriale senza diabete, quelli con diabete avevano meno probabilità di manifestare sintomi correlati alla fibrillazione atriale”, ha affermato Prakash Deedwania,  membro del comitato consultivo scientifico di Know Diabetes By Heart (KDBH), un’iniziativa congiunta dell’American Heart Association e dell’American Diabetes Association, presidente dell’American Heart Association Diabetes Committee e professore di medicina presso l’Università della California, San Francisco School of Medicine. “Questi risultati sono stati osservati anche se le persone con diabete e fibrillazione atriale avevano più condizioni di salute coesistenti, come l’ipertensione, nonché una storia di infarto e insufficienza cardiaca. Tenendo a mente queste nuove osservazioni, insieme alle gravi conseguenze del mancato riconoscimento della fibrillazione atriale in tempo, sembra prudente considerare lo screening dei pazienti anziani con diabete per la fibrillazione atriale in modo che il trattamento possa essere avviato quando appropriato”.

I ricercatori notano diversi potenziali limiti a questa ricerca. La diagnosi di diabete si è basata sull’anamnesi dei partecipanti allo studio piuttosto che sui criteri di laboratorio; pertanto, la prevalenza del diabete potrebbe essere stata sottostimata. Inoltre, non erano disponibili dati sulla durata del diabete o sul grado di controllo glicemico. Inoltre, lo studio includeva solo residenti in Svizzera, pertanto la generalizzabilità dei risultati ad altre popolazioni o persone che vivono in altri paesi richiede ulteriori indagini.

 

Articolo precedenteLo Yoga aiuta a ridurre gli episodi di sincope vasovagale?
Articolo successivoScoperto un buco nero al di fuori della Via Lattea osservando il moto di una stella
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui