Home Geriatria Malattia di Alzheimer: sildenafil potrebbe essere un trattamento efficace

Malattia di Alzheimer: sildenafil potrebbe essere un trattamento efficace

267
0

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature Aging, l’utilizzo di sildenafil, un farmaco usato per trattare l’ipertensione polmonare e la disfunzione erettile, contribuisce a una sostanziale riduzione del rischio di sviluppare il morbo di Alzheimer. Questi risultati suggeriscono che questo farmaco potrebbe rappresentare un’opzione terapeutica alternativa per questa malattia.

La malattia di Alzheimer (AD) è la forma più comune di demenza legata all’età e colpisce centinaia di milioni di persone in tutto il mondo. Attualmente non esiste un trattamento efficace per questa malattia che, a causa dell’invecchiamento della popolazione, porta a grandi e crescenti oneri finanziari per la società.

adv

Al sildenafil è stato assegnato uno dei punteggi più alti

Utilizzando un approccio computazionale, Feixiong Cheng e colleghi hanno integrato dati genetici e altri dati biologici per costruire 13 “moduli endofenotipici” che rappresentano le firme biologiche della malattia di Alzheimer. Questi moduli sono stati mappati su un’ampia rete di 351.444 interazioni proteina-proteina umana. Sono stati quindi generati punteggi di prossimità della rete per oltre 1.600 farmaci approvati dalla FDA, con un punteggio più alto che indica che un farmaco interagisce fisicamente con più bersagli molecolari all’interno dei moduli relativi alla malattia. In sostanza, più alto è il punteggio ottenuto in questo test, più è probabile che la molecola studiata agisca a differenti livelli contrastando la malattia.

Al sildenafil è stato assegnato uno dei punteggi più alti, suggerendo quindi che potrebbe influenzare positivamente l’evoluzione della malattia di Alzheimer.

Gli autori non si sono però limitati a questo. Per verificare il risultato dei loro test, hanno analizzato i dati sui sinistri assicurativi di oltre sette milioni di persone negli Stati Uniti, rivelando che la prescrizione di sildenafil era significativamente associata a una riduzione del 69% del rischio di diagnosi di malattia di Alzheimer dopo un follow-up di 6 anni. Nello sviluppo dell’analisi i ricercatori hanno anche considerato i possibili fattori confondenti, come il genere, la razza e l’età.  Il primo di questi è ovviamente molto importante, poiché sildenafil è principalmente usato per trattare la disfunzione erettile negli uomini.

Gli autori avvertono che il disegno dello studio non può dimostrare una relazione causale tra l’uso di un particolare farmaco e il rischio di malattia di Alzheimer. Sono quindi necessari studi clinici randomizzati che coinvolgano entrambi i sessi, con un gruppo di controllo trattato con placebo, per determinare la reale efficacia del sildenafil in questo contesto.

 

Articolo precedenteTelescopio spaziale Webb: dopo il lancio iniziano le manovre di preparazione
Articolo successivoInquinamento atmosferico e danni alla salute: gli effetti di polveri sottili e NO2
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

5 × uno =