Home Cardiologia Nelle donne il potassio abbassa la pressione e aiuta a preservare la...

Nelle donne il potassio abbassa la pressione e aiuta a preservare la salute del cuore

116
0

Le donne che mangiano banane, avocado e salmone potrebbero ridurre gli effetti negativi del sale nella dieta. Ad affermarlo è una recente ricerca, apparsa sullo European Heart Journal, che evidenzia come le diete ricche di potassio portino ad avere una pressione arteriosa più bassa, in particolare nelle donne che consumano molto sale.

“È noto che un consumo elevato di sale è associato a una pressione arteriosa elevata e a un aumentato rischio di infarti e ictus”, ha affermato l’autore dello studio, il professor Liffert Vogt dell’Amsterdam University Medical Centers, nei Paesi Bassi. “I consigli sulla salute si sono concentrati sulla limitazione dell’assunzione di sale, ma questo è difficile da ottenere quando le nostre diete includono alimenti trasformati. Il potassio aiuta il corpo a espellere più sodio nelle urine. Nel nostro studio, il potassio nella dieta è stato collegato ai maggiori guadagni di salute nelle donne”.

adv

L’associazione tra assunzione di potassio e pressione arteriosa

Lo studio ha incluso 24.963 partecipanti (11.267 uomini e 13.696 donne) dello studio EPIC-Norfolk, che ha reclutato tra il 1993 e il 1997 persone di età compresa tra 40 e 79 anni provenienti da studi medici generici a Norfolk, nel Regno Unito. L’età media era di 59 anni per gli uomini e 58 anni per donne. I partecipanti hanno completato un questionario sulle abitudini di vita, è stata misurata la pressione arteriosa ed è stato raccolto un campione di urina. Sono stati utilizzati sodio e potassio urinari per stimare l’assunzione di queste sostanze con la dieta. I partecipanti sono stati divisi in terzili in base all’assunzione di sodio (basso/medio/alto) e di potassio (basso/medio/alto).

I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra assunzione di potassio e pressione arteriosa dopo aver aggiustato per età, sesso e assunzione di sodio.

Un rischio di eventi cardiovascolari inferiore del 13%

Il consumo di potassio (in grammi al giorno) nelle donne è risultato associato alla pressione arteriosa: all’aumentare dell’assunzione, la pressione arteriosa diminuiva. Quando l’associazione è stata analizzata in base all’assunzione di sodio (basso/medio/alto), la relazione tra potassio e pressione arteriosa è stata osservata solo nelle donne con un’assunzione di sodio elevata, dove ogni grammo di aumento giornaliero di potassio era associato a un abbassamento della pressione arteriosa sistolica di 2,4 mmHg. Negli uomini non c’era associazione tra potassio e pressione arteriosa.

Durante un follow-up mediano di 19,5 anni, il 55% dei partecipanti è stato ricoverato in ospedale o sono morti a causa di malattie cardiovascolari. I ricercatori hanno analizzato l’associazione tra assunzione di potassio ed eventi cardiovascolari dopo aver aggiustato per età, sesso, indice di massa corporea, assunzione di sodio, uso di farmaci ipolipemizzanti, fumo, assunzione di alcol, diabete e precedenti infarti o ictus.

Nella coorte complessiva, le persone nel terzile più alto di assunzione di potassio avevano un rischio di eventi cardiovascolari inferiore del 13% rispetto a quelle incluse nel terzile più basso. Quando uomini e donne sono stati analizzati separatamente, le corrispondenti riduzioni del rischio sono state rispettivamente del 7% e dell’11%. La quantità di sale nella dieta non ha influenzato la relazione tra potassio ed eventi cardiovascolari negli uomini o nelle donne.

Il potassio aiuta a preservare la salute del cuore

Il professor Vogt ha dichiarato: “I risultati suggeriscono che il potassio aiuta a preservare la salute del cuore, ma che le donne ne traggono maggiori benefici rispetto agli uomini. La relazione tra potassio ed eventi cardiovascolari era la stessa indipendentemente dall’assunzione di sale, suggerendo che il potassio ha altri modi per proteggere il cuore oltre ad aumentare l’escrezione di sodio”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda che gli adulti consumino almeno 3,5 grammi di potassio e meno di 2 grammi di sodio (5 grammi di sale) al giorno. Gli alimenti ricchi di potassio includono verdure, frutta, noci, fagioli, latticini e pesce. Ad esempio, una banana da 115 grammi ha 375 mg di potassio, 154 grammi di salmone cotto ne ha 780 mg, una patata da 136 grammi ne ha 500 mg e 1 tazza di latte ne ha 375 mg.

Il professor Vogt ha concluso: “I nostri risultati indicano che una dieta sana per il cuore va oltre la limitazione del sale per aumentare il contenuto di potassio. Le aziende alimentari possono aiutare sostituendo il sale standard a base di sodio con un’alternativa al sale di potassio negli alimenti trasformati. Inoltre, dovremmo tutti dare la priorità agli alimenti freschi e non trasformati poiché sono entrambi ricchi di potassio e poveri di sale”.

Articolo precedenteNella preistoria Il consumo di latte era diffuso, ma le persone erano intolleranti al lattosio
Articolo successivoInfarto miocardico da calore: più frequente in chi consuma ß-bloccanti e antiaggreganti
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui