Home Diabetologia Un farmaco per il Parkinson per prevenire le malattie cardiovascolari nei giovani...

Un farmaco per il Parkinson per prevenire le malattie cardiovascolari nei giovani con diabete tipo 1

183
0
copyright American Heart Association

Gli adolescenti con diabete di tipo 1 che hanno assunto bromocriptina, un farmaco usato per trattare il morbo di Parkinson e il diabete di tipo 2, hanno evidenziato una pressione sanguigna più bassa e arterie meno rigide dopo un mese di trattamento, rispetto a quelli che non avevano assunto il medicinale. Questi i risultati di un recente studio pubblicato sulle pagine della rivista Hypertension.

Rallentare l’insorgenza di malattie cardiovascolari nei bambini con diabete

È noto che le persone con diabete di tipo 1 hanno un rischio maggiore di sviluppare malattie cardiache rispetto a quelle senza questa malattia. I soggetti con diagnosi di diabete di tipo 1 da bambini hanno rischi ancora più elevati di malattie cardiache, rispetto alle persone diagnosticate in età adulta. Pertanto, i ricercatori sono interessati a sviluppare le migliori strategie per rallentare l’insorgenza di malattie cardiovascolari nei bambini con diabete di tipo 1.

adv

“Sappiamo che le anomalie nei grandi vasi intorno al cuore, l’aorta e i suoi rami primari, iniziano a svilupparsi nella prima infanzia nelle persone con diabete di tipo 1”, ha affermato l’autore principale dello studio Michal Schäfer, ricercatore e studente di medicina presso la University of Colorado, School of Medicine di Aurora, in Colorado. “Abbiamo scoperto che la bromocriptina ha il potenziale per rallentare lo sviluppo di tali anomalie e ridurre il rischio di malattie cardiovascolari in questa popolazione”.

La bromocriptina

Il gruppo multidisciplinare ha condotto questa ricerca per esaminare l’impatto della bromocriptina sulla pressione sanguigna e sulla rigidità aortica, rispetto a un placebo, negli adolescenti con diabete di tipo 1.

La bromocriptina è in una classe di farmaci chiamati agonisti del recettore della dopamina. Aumenta i livelli di dopamina, una sostanza chimica nel cervello, che porta ad un aumento della reattività del corpo all’insulina.

Lo studio ha incluso 34 partecipanti (13 maschi, 21 femmine) di età compresa tra 12 e 21 anni a cui era stato diagnosticato il diabete di tipo 1 da almeno un anno e la loro HbA1c (emoglobina glicosilata) era pari o inferiore al 12%. Un livello di HbA1c del 6,5% o superiore indica la presenza di un diabete. Sono stati divisi casualmente in due gruppi di 17: un gruppo ha ricevuto la terapia a rilascio rapido di bromocriptina e l’altro un placebo, una volta al giorno.

Lo studio è stato condotto in due fasi. I partecipanti hanno assunto il primo trattamento o placebo per 4 settimane nella fase 1, quindi non hanno ricevuto alcun trattamento per un periodo di “wash-out” di 4 settimane, seguito dalla fase 2 con 4 settimane di trattamento opposto. In questo disegno sperimentale tipo “crossover”, ogni partecipante fungeva da controllo per il confronto.

La pressione arteriosa e la rigidità aortica sono state misurate all’inizio dello studio e alla fine di ciascuna fase. La rigidità aortica è stata determinata valutando le grandi arterie con la risonanza magnetica cardiovascolare e una misurazione della velocità dell’impulso della pressione sanguigna chiamata velocità dell’onda del polso.

Pressione più bassa e minore rigidità aortica

I risultati dello studio hanno evidenziato che, rispetto al placebo, la pressione arteriosa è risultata significativamente ridotta con la bromocriptina. In media, alla fine delle 4 settimane di trattamento, la terapia con bromocriptina ha determinato una diminuzione della pressione arteriosa sistolica di 5 mm Hg e una diminuzione della pressione arteriosa diastolica di 2 mm Hg.

Anche la rigidità aortica è stata ridotta con la terapia con bromocriptina. Il miglioramento della rigidità aortica è stato più pronunciato nell’aorta ascendente con una velocità dell’onda del polso ridotta di circa 0,4 metri/secondo e un aumento della distensibilità, o elasticità, dell’8%. Nell’aorta toraco-addominale, la bromocriptina è risultata associata a una riduzione della velocità dell’onda del polso di circa 0,2 metri/secondo, con un aumento della distensibilità del 5%.

“Un’aorta rigida predispone un paziente ad altri problemi di salute, come la disfunzione d’organo o l’aterosclerosi e un maggiore stress o sforzo sul muscolo cardiaco”, ha detto Schäfer. “Siamo stati in grado di fare un ulteriore passo avanti e mostrare, utilizzando metriche più sofisticate, che queste grandi arterie centrali sono compromesse e che la compromissione tra adolescenti e giovani adulti con diabete di tipo 1 può essere rallentata con questo farmaco”.

Le dimensioni ridotte dello studio sono un limite. Tuttavia, i ricercatori osservano che sono giustificate ulteriori ricerche sull’impatto della bromocriptina sulla salute vascolare in un numero maggiore di persone con diabete di tipo 1.

Articolo precedenteLa relazione tra depressione e batteri intestinali
Articolo successivoEsercizio fisico breve ma intenso per prevenire le malattie cardiovascolari e il cancro
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui