Home In Evidenza Emicrania: possiamo prevedere quando arriverà l’attacco?

Emicrania: possiamo prevedere quando arriverà l’attacco?

311
0
La cefalea in una stampa del 1819 di George Cruikshank.

L’emicrania è spesso sottodiagnosticata e non curata adeguatamente, ma anche quando viene trattata può essere difficile iniziare abbastanza precocemente e trovare strategie per prevenire gli attacchi. Un nuovo studio esamina come prevedere in modo accurato quando si verificherà un’emicrania, attraverso l’uso di app mobili per monitorare il sonno, l’energia, le emozioni e lo stress, per migliorare la capacità di prevenire gli attacchi. Lo studio è pubblicato nel numero online del 24 gennaio 2024 di Neurology®, la rivista medica dell’American Academy of Neurology.

Un livello di energia inferiore al normale

Lo studio ha rilevato che una scarsa qualità del sonno percepita e una qualità del sonno inferiore al normale la notte precedente erano entrambe associate a un aumento del rischio di avere emicrania la mattina successiva. Anche un livello di energia inferiore al normale il giorno precedente era associato a mal di testa la mattina successiva. Questi fattori non hanno portato ad un aumento del rischio di emicrania nel pomeriggio o nella sera. Gli unici predittori di un mal di testa pomeridiano o serale erano un aumento dei livelli di stress o un’energia superiore alla media il giorno prima.

“Questi diversi modelli di predittori del mal di testa mattutino e del giorno successivo evidenziano il ruolo dei ritmi circadiani nel mal di testa”, ha detto l’autrice dello studio Kathleen R. Merikangas, del National Institute of Mental Health, parte del National Institutes of Health in Bethesda, Maryland. “I risultati potrebbero darci informazioni sui processi alla base dell’emicrania e aiutarci a migliorare il trattamento e la prevenzione”.

Lo studio ha coinvolto 477 persone di età compresa tra 7 e 84 anni, comprese 291 donne. Attraverso un’app mobile, ai partecipanti è stato chiesto di valutare il proprio umore, energia, stress e mal di testa quattro volte al giorno per due settimane. Hanno anche valutato la qualità del loro sonno una volta al giorno e hanno indossato monitor del sonno e dell’attività fisica. Quasi la metà dei partecipanti aveva una storia di emicrania e il 59% aveva avuto almeno un attacco di mal di testa mattutino durante lo studio.

Qualità del sonno ed emicrania

Le persone con una qualità del sonno percepita peggiore avevano in media una probabilità maggiore del 22% di avere un attacco di mal di testa la mattina successiva. Una diminuzione della qualità abituale del sonno auto-riferita è stata anche associata ad un aumento del 18% della probabilità di un attacco di mal di testa la mattina successiva. Allo stesso modo, una diminuzione del livello abituale di energia del giorno precedente era associata a una probabilità maggiore del 16% di mal di testa la mattina successiva.

Al contrario, livelli medi di stress ed energia sostanzialmente più alti del solito il giorno prima erano associati ad un aumento del 17% della probabilità di mal di testa nel pomeriggio o nella sera successivi. Dopo aver considerato il sonno, l’energia e lo stress, né l’umore ansioso né quello depresso sono risultati associati ad attacchi di mal di testa.

“Sorprendentemente, non abbiamo trovato alcun legame tra i sintomi di ansia e depressione di una persona – o avere più sintomi o avere livelli di sintomi superiori alla media – e la sua probabilità di avere un attacco di emicrania il giorno successivo”, ha detto Merikangas. “La cosa forse più interessante è che il mal di testa era associato alla qualità del sonno auto-valutata piuttosto che alle misurazioni effettive dei modelli di sonno. Ciò evidenzia l’importanza degli stati fisici ed emotivi percepiti nelle cause alla base dell’emicrania”.

“Il nostro studio dimostra l’importanza del monitoraggio dei cambiamenti del sonno come predittore di attacchi di mal di testa”, ha affermato l’autore dello studio Tarannum M. Lateef, del Children’s National Health System di Washington, D.C. Gli stati comportamentali ed emotivi in tempo reale possono fornire informazioni preziose che possono aiutarci a gestire l’emicrania”.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui