Home Medicina Interna Ticagrelor versus aspirina nella prevenzione degli eventi cerebrovascolari

Ticagrelor versus aspirina nella prevenzione degli eventi cerebrovascolari

7
0
Infarto cerebrale. Wikipedia

Gli antiaggreganti piastrinici sono uno dei principali trattamenti nella prevenzione dell’ictus ischemico. Dopo l’introduzione dell’aspirina nel 1950 molti altri farmaci con un effetto antiaggregante sono stati immessi in commercio, ma solo pochi hanno dimostrato di essere superiori a questa molecola in specifici contesti clinici.

A conferma della validità dell’aspirina nella terapia di prevenzione dell’ictus arriva in questi giorni un nuovo studio, pubblicato sul New England Journal of Medicine che ha confrontato l’efficacia di questo farmaco con il ticagrelor.

Sono stati reclutati 13.199 pazienti. Ognuno aveva presentato un ictus ischemico o un attacco ischemico transitorio ad alto rischio. Entro 24 ore dopo l’insorgenza dei sintomi, i pazienti sono stati randomizzati ad un trattamento con ticagrelor, alla dose di 180 mg/die, o con aspirina, alla dose di 100mg/die. I trattamenti erano assunti insieme al placebo.

L’endpoint primario considerato era il tempo dalla randomizzazione alla prima occorrenza di un evento composito di ictus (ischemico o emorragico), infarto miocardico o morte.

Dei 6589 pazienti trattati con ticagrelor, 442 (6.7%) hanno avuto un evento, così come 497 (7,5%) dei 6610 pazienti inclusi nel gruppo di trattamento con aspirina (hazard ratio 0.89; P = 0.07). Considerando solo lo stroke ischemico, questo evento è occorso in 385 pazienti (5.8%) inclusi nel gruppo ticagrelor e in 441 (6.7%) inclusi nel gruppo aspirina (hazard ratio 0.87; P = 0.046).

Questo importante studio sembra quindi confermare come anche nei pazienti a rischio di eventi ischemici cerebrali, l’aspirina non abbia un’efficacia inferiore rispetto ad un antiaggregante di nuova generazione come il ticagrelor.

Una buona notizia per i pazienti, in maggioranza trattati con lo storico farmaco, ma anche per le casse dello stato, che risparmieranno non poche risorse evitando, almeno per il momento, la raccomandazione all’uso di nuove molecole ben più costose.

 

nejmID

Johnston SC, et al. Ticagrelor versus Aspirin in Acute Stroke or Transient Ischemic Attack. N Engl J Med 2016;375:35-43.

LIBERO ACCESSO

 

 

 

Articolo precedenteRisonanza magnetica e SPECT a confronto: il valore prognostico nella malattia coronarica
Articolo successivoLa stimolazione vagale è inefficace nei pazienti con scompenso cardiaco
Franco Folino è un medico chirurgo, specialista in cardiologia, e un giornalista. Ha iniziato a lavorare come cronista alla fine degli anni settanta, scrivendo articoli per diverse riviste italiane di sport motoristici, e in seguito anche in media televisivi privati, estendendo il suo interesse in altri campi dell’informazione. Una volta specializzato in cardiologia, ha pubblicato differenti articoli scientifici ed editoriali su prestigiose riviste internazionali. Ha contribuito alla nascita di Newence, diventandone il direttore responsabile dal marzo del 2017. I suoi principali campi di interesse in ambito medico sono il sistema neurovegetativo cardiovascolare e gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla salute. Appassionato di viaggi, ha percorso molti chilometri sulle strade dell'Europa, del Nord America e dell’America Latina, sempre alla ricerca delle espressioni più autentiche della natura, pubblicando alcuni libri dedicati al Sudamerica.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui

quattro × 4 =