La malaria ufficialmente debellata in Paraguay

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha certificato oggi il Paraguay libero dalla malaria, il primo paese del Sudamerica ad aver ottenuto questo status da Cuba nel 1973.

“Mi fa molto piacere oggi certificare che il Paraguay è ufficialmente libero dalla malaria”, ha detto il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. “Le storie di successo come quella del Paraguay sono ciò che è possibile. Se la malaria può essere eliminata in un paese, può essere eliminata in tutti i paesi.”

Nel 2016, l’OMS ha identificato il Paraguay come uno dei 21 paesi potenzialmente in grado di eliminare la malaria entro il 2020. Attraverso l’iniziativa “E-2020”, l’OMS sostiene questi paesi nel loro intendo di liberarsi da questa malattia. Altri paesi E-2020 nelle Americhe includono Belize, Costa Rica, Ecuador, El Salvador, Messico e Suriname.

“Sono orgoglioso di dire che la Pan American Health Organization (PAHO), ha accompagnato il Paraguay nella crociata per l’eliminazione della malaria sin dall’inizio”, ha detto la dott.ssa Carissa Etienne, direttore della PAHO, l’ufficio regionale dell’OMS per le Americhe. “Questo è un potente richiamo per la regione su ciò che può essere raggiunto, quando i paesi sono focalizzati su un obiettivo importante e rimangono vigili dopo aver raggiunto tale obiettivo. Speriamo che altri paesi presto si uniscano al Paraguay per eliminare la malaria”.

Dal 1950 al 2011, il Paraguay ha sviluppato sistematicamente politiche e programmi per il controllo e l’eliminazione della malaria, una sfida significativa per la salute pubblica in un paese che ha riportato oltre 80.000 casi di malattia negli anni ’40. Di conseguenza, il Paraguay ha registrato il suo ultimo caso di malaria da Plasmodium falciparum nel 1995 e la malaria da P. vivax nel 2011.

Nel 2011 è stato avviato un piano quinquennale per consolidare i risultati ottenuti, impedire il ristabilimento della trasmissione e preparare la certificazione dell’eliminazione. Attività incentrate su una solida gestione dei casi, impegno con le comunità e istruzione per rendere le persone più consapevoli delle modalità per prevenire la trasmissione della malaria e sulle opzioni di diagnosi e trattamento.

“Ricevere questa certificazione è un riconoscimento di oltre cinquant’anni di duro lavoro in Paraguay, sia da parte dei lavoratori del settore pubblico, sia della comunità stessa, che ha collaborato di volta in volta per raggiungere l’eliminazione della malaria, “Ha detto il dott. Carlos Ignacio Morínigo, ministro della sanità del Paraguay. “Raggiungere questo obiettivo implica che ora dobbiamo affrontare la sfida di mantenerlo. Pertanto, il Paraguay ha messo in atto un solido sistema di sorveglianza e risposta, al fine di prevenire il ritorno della malaria”.

Nel 2016, nella prossima fase del processo, il Ministero della Salute ha lanciato un’iniziativa triennale per migliorare le competenze dei paramedici e del personale sanitario in prima linea. Sostenuto dal Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria, il paese ha rafforzato la sua capacità di prevenire le malattie, identificare i casi sospetti di malaria, diagnosticare con precisione la malaria e fornire un trattamento tempestivo: strategie chiave per affrontare la continua minaccia dell’importazione della malaria dai paesi endemici circostanti e dall’Africa sub-sahariana.

“Il successo del Paraguay dimostra l’importanza di investire in sistemi robusti e sostenibili per la salute e sono molto lieto che il Fondo globale abbia supportato questo risultato”, ha dichiarato Peter Sands, direttore esecutivo del Fondo globale. “Dobbiamo rimanere vigili e prevenire le recidive, ma dobbiamo anche celebrare questa vittoria”.

Nell’aprile 2018, il gruppo indipendente di certificazione sull’eliminazione della malaria ha concluso che il Paraguay aveva interrotto la trasmissione della malaria indigena per i necessari 3 anni e aveva la capacità di impedire il ripristino della trasmissione.

Tra il 1960 e il 1973, sette paesi e territori dell’America Latina sono stati certificati come privi di malaria: Cuba, Repubblica Dominicana, Grenada, Giamaica, Santa Lucia, Trinidad e Tobago e la parte settentrionale del Venezuela. Nella regione delle Americhe, i casi di malaria sono diminuiti del 62% e i decessi per malaria sono diminuiti del 61% tra il 2000 e il 2015. Tuttavia, l’aumento dei casi di malaria segnalati in diversi paesi negli ultimi anni, dimostrano che rimangono gravi problemi che ostacolano l’eradicazione della malattia, tra cui la diagnosi, il trattamento e l’analisi dei casi di malaria, in particolare nelle aree remote.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

4 × 2 =