Home Gastroenterologia Anche l’Helicobacter pylori è diventato resistente agli antibiotici

Anche l’Helicobacter pylori è diventato resistente agli antibiotici

346
0
This scanning electron micrograph depicts a grouping of Gram-negative ”Flexispira rappini” bacteria, magnified 13,951x. Its name ”F. rappini” is considered provisional, for it was never formally proposed or accepted. Subsequently determined to be closely related to Helicobacter spp., it is referred to as Helicobacter sp. flexispira in the literature. Photo Credit: Janice Carr. Content Providers(s): CDC/ Dr. Patricia Fields, Dr. Collette Fitzgerald.

Il rapido sviluppo di fenomeni di resistenza agli antibiotici ha portato negli ultimi anni a ripetuti segnali di allarme, nel tentativo di limitare l’uso spregiudicato dei farmaci antibatterici.

Fenomeni di resistenza possono interessare anche l’Helicobacter pylori, vista la sua frequente presenza, sintomatica o meno, sulla mucosa gastrica di una larga parte della popolazione, e la sostanziosa terapia antibiotica solitamente consigliata.

adv

Già lo scorso anno l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) aveva indicato l’Helicobacter pylori resistente alla claritromicina un’alta priorità per la ricerca e per lo sviluppo di nuovi farmaci antibiotici.

Un gruppo di ricercatori, distribuiti tra Germania, Italia e Texas, hanno effettuato una revisione sistematica e una meta-analisi della letteratura per valutare la distribuzione di questo specifico tipo di resistenza e la sua correlazione ai fallimenti terapeutici.

Complessivamente sono stati considerati 178 studi, svolti in 65 paesi.

Le resistenze primarie e secondarie alla claritromicina, al metronidazolo e alla levofloxacina sono risultate essere del 15% o più in tutte le regioni dell’ambito OMS, eccetto la resistenza alla claritromicina primaria nelle Americhe (10%), e nella regione del Sud-Est asiatico (10%), e la resistenza primaria alla levofloxacina nella regione europea (11%).

Interessante notare come sia stata rilevata una considerevole eterogeneità tra le sperimentazioni considerate, a seconda del paese dove si sono svolte.

Infine, l’analisi ha rivelato come la resistenza alla claritromicina era significativamente associata al fallimento dei regimi terapeutici a base di questo farmaco.

Questo studio sembra quindi confermare la presenza di consistenti proporzioni di ceppi di Helicobacter pylori resistenti agli antibiotici, con dimensioni rilevanti in tutto il mondo. Sembra quindi necessario porre maggiore attenzione a questo problema, con misure specifiche per le diverse aree geografiche, in grado di interrompere il progredire di questo fenomeno e migliorare di conseguenza l’efficacia dei trattamenti.

 

Cover image volume 155, Issue 1

 

Alessia Savoldi, et al. Prevalence of antibiotic resistance in Helicobacter pylori: a systematic review and meta-analysis in World Health Organization regions. Gastroenterology, Published online: July 07, 2018.

 

 

 

Articolo precedenteCambiamenti climatici: siccità e vasti incendi in Svezia, visti dal satellite
Articolo successivoDa Airbus, un beluga sorridente che sa volare
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui