Home Gastroenterologia Intestino irritabile: l’ipnoterapia può contribuire ad alleviare i sintomi

Intestino irritabile: l’ipnoterapia può contribuire ad alleviare i sintomi

295
0

L’ipnoterapia potrebbe aiutare ad alleviare i disturbi della sindrome dell’intestino irritabile (IBS) fino a 9 mesi dopo la fine del trattamento. Sono le conclusioni di uno studio randomizzato e controllato su 354 adulti con IBS in cure primarie e secondarie, pubblicato su The Lancet Gastroenterology & Hepatology.

Dopo 3 mesi di trattamento, è stato segnalato un adeguato sollievo dei sintomi dell’IBS da più pazienti che hanno ricevuto ipnoterapia individuale (40%, 41/102 per i quali i dati erano disponibili) e di gruppo (33%; 31/91), rispetto a quelli trattati con l’educazione e l’assistenza di supporto (17%; 6/35). Tali benefici persistevano a 9 mesi di follow-up (42% [38/91], 50% [40/80] e 22% [7/31]).

adv

È importante sottolineare che i risultati suggeriscono che l’ipnoterapia di gruppo è efficace quanto le sedute individuali, il che potrebbe consentire a molti più pazienti con IBS di essere trattati a costi ridotti.

Intestino irritabile e cure primarie

Lo studio è il più grande trial randomizzato di ipnoterapia per IBS fino ad oggi, e uno dei primi è stato condotto in cure primarie, dove viene trattata la stragrande maggioranza dei pazienti con IBS.

Lo studio ha rilevato che i pazienti con IBS sottoposti a ipnoterapia hanno riportato un miglioramento generale ed erano maggiormente capaci di far fronte a questa condizione. Tuttavia, va sottolineato che l’ipnoterapia non sembra essere in grado di ridurre la gravità dei sintomi.

I risultati sono promettenti e gli autori concludono che saranno necessarie ulteriori ricerche per testare il numero ottimale di sedute di ipnoterapia necessarie.

“Il nostro studio indica che l’ipnoterapia potrebbe essere considerata un’opzione di trattamento per i pazienti con IBS, indipendentemente dalla gravità dei sintomi e dal sottotipo di malattia”, afferma la dott.ssa Carla Flik dell’University Medical Center Utrecht, Paesi Bassi, che ha guidato la ricerca. “È anche promettente vedere che l’ipnoterapia di gruppo è efficace quanto le sedute individuali, il che potrebbe significare che più persone potrebbero essere trattate a costi inferiori, ma dovrebbe essere confermato in ulteriori studi.”

“Ciò che colpisce di questi risultati è la misura in cui la percezione della malattia da parte del paziente ha un effetto sulla loro sofferenza e che la loro percezione dei sintomi sembra essere importante quanto la gravità dei sintomi effettivi.”

La sindrome dell’intestino irritabile

L’IBS colpisce circa 1 persona su 5 in tutto il mondo ed è una condizione persistente e difficile da trattare, con sintomi che possono influire seriamente sulla qualità della vita, inclusi dolore addominale, gonfiore addominale, diarrea e costipazione. Per molti malati i trattamenti farmacologici e dietetici non hanno successo.

Gli interventi psicologici si sono dimostrati efficaci, ma il loro uso è limitato da una carenza di terapeuti addestrati. L’ipnoterapia ha già mostrato risultati promettenti per l’IBS, ma la maggior parte degli studi è stata effettuata in centri altamente specializzati. Sono necessarie ulteriori ricerche per capire se l’ipnoterapia sia benefica nell’assistenza primaria e secondaria in cui viene trattata la maggior parte dei pazienti.

Intestino irritabile e ipnoterapia: lo studio

Lo studio IMAGINE ha reclutato 354 adulti (di età compresa tra 18 e 65 anni) con IBS che sono stati indirizzati dai medici di base e specialisti ospedalieri a 11 ospedali nei Paesi Bassi, tra maggio 2011 e aprile 2016. I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale a sessioni individuali di 45 minuti (150 pazienti) o sessioni di gruppo (150) di ipnoterapia, due volte alla settimana, per 6 settimane, o ad una educazione sanitaria con terapia di supporto (54).

Il trattamento ipnoterapico è stato fornito da psicologi che sono stati addestrati come ipnoterapeuti. Hanno applicato una tecnica di visualizzazione positiva durante la quale i pazienti ricevevano suggerimenti su come poter ottenere il controllo del loro sistema digestivo, per ridurre la sensazione di dolore e disagio. Ai pazienti è stato anche dato un CD in modo da poter praticare esercizi di autoipnosi a casa per 15-20 minuti ogni giorno.

I partecipanti hanno completato questionari sul loro livello di gravità dei sintomi, qualità della vita, sintomi psicologici, costi di assistenza sanitaria e assenza lavorativa. Le informazioni sono state raccolte a inizio studio, immediatamente dopo il trattamento (3 mesi) e a 9 mesi dalla sua conclusione.

I risultati hanno mostrato che immediatamente dopo il trattamento i partecipanti ai due gruppi di ipnoterapia hanno riportato un sollievo soddisfacente, a tassi sostanzialmente più alti rispetto a quelli che hanno ricevuto cure di supporto educativo. I benefici sono persistiti per 9 mesi dopo la conclusione del trattamento.

Il sollievo dei sintomi non è stato accompagnato però da un significativo miglioramento della loro gravità.

Come spiega il dott. Flik: “Non sappiamo esattamente come funziona l’ipnoterapia gut-directed, ma potrebbe cambiare la mentalità dei pazienti e i meccanismi di coping interni, consentendo loro di aumentare il controllo sui processi corporei autonomi, come il modo in cui processano il dolore e modulano l’attività dell’intestino.”

Intestino irritabile e qualità di vita

Il miglioramento della qualità della vita, i disturbi psicologici e cognitivi, la riduzione delle spese mediche e delle assenze lavorative legate alla malattia erano simili tra i gruppi. Nel complesso, l’ipnoterapia è stata ben tollerata. Sono state segnalate otto gravi reazioni avverse inattese (sei nel gruppo individuale di ipnoterapia e due nel gruppo ipnoterapico di gruppo), principalmente cancro e malattia infiammatoria intestinale, ma non erano correlate al trattamento.

Gli autori notano alcune limitazioni dello studio, come ad esempio il fatto che vi è stato un abbandono del 15-20% nei tre gruppi di trattamento. Inoltre, un numero considerevole di partecipanti non ha completato i questionari a 3 mesi e 9 mesi dopo il trattamento. Questi inconvenienti potrebbero aver quindi influenzato i risultati. Sottolineano inoltre che l’inesperienza dei terapeuti nel trattamento dell’IBS e il numero basso di sedute di ipnoterapia fornite, potrebbero aver portato a sottostimare gli effetti della terapia.

Il commento editoriale

Il Professore Olafur Palsson, University of North Carolina a Chapel Hill, USA, discute dei fattori che possono aver contribuito al “modesto” impatto terapeutico dell’ipnosi nello studio. Scrive: “L’ipnoterapia testata in questo studio potrebbe essere stata subottimale in termini di quantità o di implementazione. Tuttavia, come notano gli autori, lo scarso effetto terapeutico in questo studio, rispetto alla maggior parte degli studi di ipnoterapia, potrebbe essere dovuto al fatto che l’IBS nell’assistenza primaria e secondaria è diverso da quello nell’assistenza terziaria.

 

Carla E Flik, et al. Efficacy of individual and group hypnotherapy in irritable bowel syndrome (IMAGINE): a multicentre randomised controlled trial. The Lancet Gastroenterology & Hepatology, Published: November 22, 2018.

 

 

Articolo precedenteMercedes-Benz GLE, l’evoluzione del SUV
Articolo successivoUn aereo supersonico per il trasporto passeggeri del futuro: il progetto della NASA
redazione
La redazione di Newence è composta prevalentemente da collaboratori con competenze maturate in ambito medico, scientifico e tecnologico. Rivedono e discutono in modo critico e analitico i più importanti lavori scientifici pubblicati sulle più autorevoli riviste scientifiche internazionali, fornendo utili spunti di riflessione e aggiornamento per i professionisti della sanità e informazioni affidabili e verificate dedicate al pubblico più vasto.

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui