Perché le donne vivono più a lungo? Le spiegazioni dell’OMS

Le donne sopravvivono più degli uomini in tutto il mondo, in particolare nei paesi ricchi. Il World Health Statistics 2019 – per la prima volta disaggregato per sesso – spiega perché.

“La suddivisione dei dati per età, sesso e gruppo di reddito è vitale per capire chi è stato lasciato indietro e perché”, ha detto il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS.

“Dietro ogni numero del World Health Statistics c’è una persona, una famiglia, una comunità o una nazione. Il nostro compito è utilizzare questi dati per prendere decisioni politiche basate su prove che ci avvicinino a un mondo più sano, più sicuro, più giusto per tutti”.

L’aspettativa di vita e le strutture sanitarie

Il divario tra l’aspettativa di vita di uomini e donne è più ristretto dove le donne non hanno accesso ai servizi sanitari. Nei paesi a basso reddito, dove i servizi sono più scarsi, 1 donna su 41 muore per cause materne, contro 1 su 3.300 nei paesi ad alto reddito. In oltre il 90% dei paesi a basso reddito, ci sono meno di 4 infermiere/ostetriche per 1.000 persone.

Gli atteggiamenti nei confronti della salute sono diversi. Quando uomini e donne affrontano la stessa malattia, gli uomini spesso cercano assistenza sanitaria meno delle donne. Nei paesi con epidemie di HIV generalizzate, ad esempio, gli uomini hanno meno probabilità rispetto alle donne di accedere ad un test HIV, meno probabilità di accedere alla terapia antiretrovirale e più probabilità di morire di malattie correlate all’AIDS rispetto alle donne. Allo stesso modo, i pazienti maschi affetti da tubercolosi sembrano avere meno probabilità di cercare assistenza rispetto alle pazienti donna.

Le cause di morte

Il rapporto evidenzia anche la differenza tra le cause di morte di uomini e donne – alcune biologiche, alcune influenzate da fattori ambientali e sociali. Alcune influenzate dalla disponibilità e dall’assorbimento dei servizi sanitari.

Delle 40 principali cause di morte, 33 contribuiscono maggiormente alla ridotta aspettativa di vita negli uomini rispetto alle donne. Nel 2016, la probabilità che un trentenne morisse per una malattia non trasmissibile prima dei 70 anni era del 44% più alta negli uomini rispetto alle donne.

I tassi di mortalità globale per suicidio nel 2016 sono aumentati del 75% negli uomini rispetto alle donne. I tassi di mortalità per incidenti stradali sono più del doppio negli uomini rispetto alle donne di 15 anni. Il tasso di mortalità per omicidio è 4 volte più alto negli uomini rispetto a donne.

Migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria

Pubblicato in coincidenza con la Giornata mondiale della salute, il 7 aprile, che quest’anno si concentra sull’assistenza sanitaria di base come fondamento della copertura sanitaria universale, le nuove statistiche dell’OMS sottolineano la necessità di migliorare l’accesso all’assistenza sanitaria di base in tutto il mondo.

“Uno dei tre miliardi di obiettivi dell’OMS è che un miliardo di persone in più dispongano di una copertura sanitaria universale entro il 2023”, ha affermato il dott. Tedros. “Ciò significa migliorare l’accesso ai servizi, soprattutto a livello di comunità, e assicurare che tali servizi siano accessibili ed efficaci per tutti, indipendentemente dal loro genere”.

“Queste statistiche sottolineano la necessità di dare priorità urgente all’assistenza sanitaria di base per gestire efficacemente le malattie non trasmissibili e per ridurre i fattori di rischio”, ha affermato il Dr. Samira Asma, direttore generale aggiunto per i dati, l’analisi e la distribuzione dell’OMS. “Ad esempio, qualcosa di semplice come controllare la pressione sanguigna non sta accadendo come sarebbe necessario e l’uso del tabacco rimane una delle principali cause di morte prematura”.

L’aspettativa di vita aumenta, ma non ovunque

Tra il 2000 e il 2016, l’aspettativa di vita globale alla nascita è aumentata di 5,5 anni, da 66,5 a 72,0 anni. Aspettativa di vita sana alla nascita – il numero di anni che ci si può aspettare di vivere in piena salute – è aumentata da 58,5 anni nel 2000 a 63,3 anni nel 2016.

L’aspettativa di vita rimane fortemente influenzata dal reddito. Nei paesi a basso reddito, l’aspettativa di vita è inferiore di 18,1 anni rispetto ai paesi ad alto reddito. Un bambino su 14 nato in un paese a basso reddito morirà prima del loro quinto compleanno.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

due × quattro =