La cecità da tracoma: un problema globale in via di eliminazione

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), il numero di persone a rischio di tracoma – la principale causa di cecità nel mondo – è scesa da 1,5 miliardi nel 2002 a poco più di 142 milioni nel 2019, una riduzione del 91%.

Questi nuovi dati, presentati recentemente alla 22a riunione dell’OMS per l’eliminazione globale del tracoma entro il 2020 (GET2020), mostrano anche che il numero di persone che necessitano di un intervento chirurgico per la tracomatosi – lo stadio tardivo del tracoma che porta alla cecità – è sceso da 7,6 milioni nel 2002 a 2,5 milioni nel 2019, una riduzione del 68%.

La salute degli occhi

“Eliminare il tracoma contribuisce alla salute oculare e alla qualità della vita delle persone più povere e svantaggiate in tutto il mondo e ci avvicina di più alla copertura sanitaria universale”, ha affermato il dott. Mwelecele Ntuli Malecela, direttore del Dipartimento di controllo delle malattie tropicali trascurate dell’OMS. “Liberare il mondo da questa dolorosa e debilitante malattia è possibile grazie a generose donazioni dell’antibiotico azitromicina, ai contributi sostenuti da una rete di agenzie di finanziamento e grazie a partner dedicati e a sforzi di centinaia di migliaia di lavoratori in prima linea che lavorano instancabilmente per coinvolgere le comunità e fornire interventi”.

Il tracoma

Il tracoma rimane endemico in 44 paesi e ha portato alla cecità o ad una riduzione della vista circa 1,9 milioni di persone in tutto il mondo. La mappatura del tracoma è stata completata per identificare la sua distribuzione e le misure di controllo target attraverso la strategia SAFE, vale a dire: chirurgia, antibiotici per eliminare l’infezione, pulizia del viso e miglioramento ambientale per ridurre la trasmissione. La malattia è causata da un batterio.

“Eliminare il tracoma ha un beneficio immediato nel preservare la vista per le persone a rischio. Ma il lavoro contro il tracoma ha richiesto la creazione di partnership innovative, che contribuiranno a garantire che le persone più lontane ed emarginate non vengano lasciate indietro man mano che vengono rafforzati servizi sanitari più completi”, ha affermato Scott McPherson, presidente della Coalizione internazionale per il controllo del tracoma.

Gli antibiotici per il tracoma

Solo nel 2018 sono stati gestiti 146.112 casi di tracoma e quasi 90 milioni di persone sono state trattate con antibiotici in 782 distretti nel mondo.

Dal 2011, otto paesi sono stati convalidati dall’OMS per aver eliminato il tracoma come problema di salute pubblica. Almeno un paese in ogni regione OMS tracoma-endemica ha raggiunto questo traguardo, dimostrando l’efficacia della strategia SAFE in diversi contesti.

“Questo è un grande progresso, ma non possiamo permetterci di diventare compiacenti”, ha detto il dott. Anthony Solomon, ufficiale medico responsabile del programma di eliminazione globale del tracoma dell’OMS. “Dovremmo essere in grado di relegare il tracoma nei libri di storia nei prossimi anni, ma lo faremo solo raddoppiando i nostri sforzi ora. Gli ultimi paesi saranno probabilmente i più difficili”.

La riduzione della prevalenza globale del tracoma

La significativa riduzione della prevalenza globale del tracoma è derivata dall’aumento della volontà politica nei paesi endemici, dall’espansione delle misure di controllo e dalla generazione di dati di alta qualità. Il programma globale è stato supportato dallo sforzo di mappatura delle malattie infettive più grande del mondo – il Global Trachoma Mapping Project (2012-2016) – e, dal 2016, dal Tropical Data.

L’eliminazione del tracoma è economica, semplice ed estremamente conveniente, con un alto tasso di rendimento economico netto.

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

uno × quattro =